AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC

Comunicati Stampa


Tutti gli elementi

“VIDEOSORVEGLIANZA CONTRO CHI SPORCA LA SS 284”

26/03/2021

BRONTE – (26 marzo 2021) – Come per la maggior parte dei reati che si consumano contro l’ambiente o le proprietà private, anche questa volta saranno le telecamere di videosorveglianza a fare da deterrente. Ad impedire che la Ss 284 in generale, ma soprattutto le sue aree di sosta, si trasformino in una discarica a cielo aperto sarà, infatti, una buona videosorveglianza.
Questo l’esito del vertice promosso in videoconferenza dall’Anas, dopo che i consiglieri comunali Carlo Castiglione, Angela Branchina, Salvatore Pulvirenti, Mirella Rizzo e Ionella Rapisarda, rispettivamente nei Comuni di Bronte, Adrano, Biancavilla, S.M. di Licodia e Paternò avevano chiesto l’istituzione di un “Tavolo di lavoro per la videosorveglianza, la pulizia e la manutenzione delle aree di sosta lungo la Ss 284”.
“Siamo passati velocemente dalle parole ai fatti in appena 10 giorni. – afferma il consigliere Carlo Castiglione primo firmatario della richiesta – L’Anas, che ringrazio per la celerità e l’interesse dimostrato, ha riscontrato la nostra nota, analizzando, insieme con noi, un fenomeno che crea un danno a tutti. Adesso le aree saranno videosorvegliate e verranno poste in essere tutte le iniziative necessarie affinché in futuro l’Anas e Comuni in sinergia le mantengano pulite e contrastino efficacemente il fenomeno”.
E l’incontro coordinato per l’Anas dagli ingegneri Massimo Privitera, Fabrizio Di Mauro e Valeria Badalamenti, oltre ai consiglieri proponenti, ha visto la partecipazione del sindaco di Adrano, Angelo D’Agate, del vice sindaco di Biancavilla Antonio Finocchiaro, del vice sindaco di Bronte Antonio Leanza, dell’assessore Luigi Gulisano per il Comune Santa Maria di Licodia e della dottoressa Rosangela Arcidiacono per la Città metropolitana di Catania. Presenti anche i rappresentanti dell’associazione Plastic Free. Con loro i rappresentanti degli Uffici tecnici e dei Comandi della Polizia municipale dei Comuni.
“E stato un incontro proficuo – ha affermato il vice sindaco di Bronte, Antonio Leanza – adesso l’Anas redigerà un documento che tutti sottoscriveremo”.
E soddisfazione è stata espressa da tutti i consiglieri proponenti: “Ho sposato a pieno titolo questo progetto perché partito dal basso ed approntato per affrontare un problema importante. – ha affermato Ionella Rapisarda di Paternò - Togliere quei rifiuti è necessario e la politica deve dare risposte. Questa strada è importante per la viabilità in genere, ma soprattutto per il turismo. Purtroppo sarà la sanzione a convincere qualcuno a rispettare le regole”. 
“Siamo compiaciuti della celerità dell’Anas. - ha aggiunto Mirella Rizzo – Il mio Comune è disponibile allo smaltimento dei rifiuti purché questo non gravi sulla percentuale dell’indifferenziato e si specifichi che questi provengono dalle strade di competenza dell’Anas. Alla collaborazione per la pulizia deve corrispondere l’azione di controllo per eliminare il problema”.
“L’Anas ha dimostrato di essere disponibile e la ringraziamo – ha continuato Salvatore Pulvirenti - ma bisogna punire i cittadini che sporcano, affinché il fenomeno venga risolto alla radice”.
È andata bene – ha concluso Angela Branchina – perché l’incontro è servito per individuare le 3 direttrici su cui muoversi. Prima di tutto pulizia, secondo controllo con videosorveglianza affinché, con la punizione, chi sporca non lo faccia più ed in infine una opportuna campagna di sensibilizzazione”. 

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Odg n. 073739

Documenti :

Dettagli VIDEOSORVEGLIANZA_CONTRO_CHI_SPORCA_LA_SS_284.doc