AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 14/09/2019
Titolo CONSIGLIO APPROVA IL RENDICONTO 2018
Testo
BRONTE – (14 settembre 2019) – Il Consiglio comunale di Bronte presieduto da Nino Galati ha approvato a maggioranza il rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2018.
“Approviamo oggi – ha affermato il consigliere Rosario Liuzzo – l’ennesimo documento contabile senza visione politica. Affermare che la presenza di un avanzo di amministrazione sia frutto della buona amministrazione Calanna è poco veritiero. La tenuta dei conti pubblici del Comune di Bronte ha un solo protagonista: le royalty metanifere.
Nonostante questa imponente voce di bilancio non notiamo alcuna differenza tangibile rispetto agli Comuni Siciliani di medesime dimensioni.
Sarebbe opportuno inoltre, che la giunta evitasse di sperperare il fondo di riserva con contributi a pioggia ad alcune associazioni, contributi dal sapore elettorale più che programmatico.
Il fondo di riserva ha un’altra funzione e per l'ennesima stagione invernale rischiamo di affrontare le emergenze del maltempo senza alcuna copertura manutentiva”.
Di parere opposto il consigliere Samanta Longhitano: “Il rendiconto dimostra come il Comune di Bronte abbia i conti in ordine e quanto sia virtuoso. Mentre, purtroppo, tanti altri Comuni soffrono, noi programmiamo ulteriori investimenti, che si aggiungono ai tanti già effettuati, che rendono la nostra Bronte, in questo momento, un cantiere a cielo aperto. Chi critica la visione politica del Rendiconto 2018 lo fa per pregiudizi, di natura non politica ed in modo assai strumentale, dimostrando peraltro poca aderenza al Territorio”.
L’Assemblerà consiliare ha anche affrontato l’argomento dei dossi artificiali, approvato all’unanimità la modifica del regolamento sul Consiglio dei ragazzi ed, a seguito delle dimissioni del dott. Ernesto Di Francesco, eletto il consigliere Antonio Currao, componente della commissione comunale per la formazione degli elenchi dei giudici popolari di corte d’Assise e di corte d’Assise d’Appello.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/09/2019
Titolo “SULLA SS 284 GLI INCIDENTI SI EVITANO CON LA PRUDENZA”
Testo
BRONTE – (12 settembre 2019) – “Per adesso, vista l’assenza in programma di importanti investimenti strutturali, nel tratto Bronte – Randazzo della Ss 284 solo il buon senso ed il rigido rispetto del codice della strada potranno diminuire il numero di incidenti che, qualche volta, soprattutto sul rettilineo di contrada Difesa, sono mortali”.
Questo l’esito del vertice convocato a Bronte dal sindaco, Graziano Calanna, insieme con i colleghi primi cittadini di Randazzo e Maletto, assieme ai tecnici dell’Anas.
All’incontro hanno partecipato il sindaco di Maletto, Pippo De Luca, l’assessore di Randazzo Maria Mancuso, l’ingegnere dell’Anas, Antonino Urso, con il geometra Gaetano Trovato.
Con loro gli assessori di Bronte Cristina Castiglione, Gaetano Messina e Giuseppe Di Mulo, il consigliere comunale Antonio Currao ed il responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di Bronte, ing. Salvatore Caudullo.
Il sindaco Graziano Calanna ha ricordato i tanti incidenti anche mortali verificatisi sul rettilineo di contrada Difesa. Un rettilineo lungo quasi un chilometro che essendo uno dei pochi punti dove e possibile correre e sorpassare spesso è stato tragico teatro di incidenti. Per questo il sindaco, assieme ai colleghi di Maletto e Randazzo, ha chiesto all’Anas soluzioni immediate: “Ai tecnici la decisione finale – ha affermato Calanna – noi chiediamo un intervento immediato che, soprattutto in quel tratto, limiti la velocità ed impedisca il sorpasso”.
I sindaci non lo dicono ma ipotizzano la realizzazione di uno spartitraffico leggero simile a quello realizzato sulla Adrano Paterno. L’Anas però ha subito sottolineato come l’idea sia impraticabile perché la strada è troppo stretta e manca di banchine per la sosta, proponendo invece l’istituzione di autovelox che facciano alzare il piede dall’acceleratore soprattutto nei punti dove la velocità non dovrebbe superare i 50 chilometri l’ora. Purtuttavia l’Anas ha mostrato disponibilità a verificare la possibilità di istallare una segnaletica verticale lampeggiante che ricordi il limite massimo di velocità e mostri quella dei veicoli in transito.
“Abbiamo – afferma il sindaco Calanna – verificato ogni attività possibile da realizzare nell’immediato. Ci siamo resi conto che ciò che possiamo fare è invitare gli automobilisti ad essere prudenti, ad evitare telefonate durante la guida, ad evitare sorpassi azzardati e di non superare i limiti di velocità. Con l’Anas, infatti, ci siamo resi conto che, dopo i lavori di rifacimento dell’asfalto, qualche automobilista ha scambiato quella strada per una pista. La strada così com’è adesso rispetta le norme di sicurezza, di conseguenza non possiamo che cercare di sensibilizzare gli automobilisti ad una guida più prudente iniziando magari da quelli che ancora non hanno la patente come gli studenti nelle scuole. Dobbiamo capire che in questa strada che ha tante intersezioni bisogna avere prudenza”.
L’Anas comunque effettuerà uno studio per implementare una segnaletica verticale che sia da deterrente alla eccessiva velocità.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 10/09/2019
Titolo EXPO DEL PISTACCHIO 2019 ALL'INSEGNA DELLA SICUREZZA
Testo
BRONTE – (10 settembre 2019) – Si attendono oltre 100 mila visitatori e Bronte prepara un Expo del pistacchio all’insegna della massima sicurezza, della salubrità e del rispetto delle norme.
I visitatori che per 2 week end, dal 27 al 29 settembre e dal 4 al 6 ottobre, si recheranno a Bronte per rendere omaggio all’ “Oro verde Dop”, infatti, troveranno una cittadina sicura e cibi somministrati nel rispetto delle regole imposte dall’Asp.
Questo l’esito del vertice convocato dal sindaco di Bronte, Graziano Calanna, con le Forze dell’Ordine, l’Anas e gli ispettori dell’Asp.
Al vertice, oltre alle Forze dell’Ordine, anche gli assessori Cristina Castiglione, Giuseppe Di Mulo ed Ernesto Di Francesco ed il presidente del Consiglio comunale Nino Galati. Con loro il dott. Felice Belfiore del Servizio veterinario ed i dottori Nicolò Accurso ed Andrea Santangelo del Servizio di Igiene pubblica. Presenti anche i geometri dell’Anas Gaetano Trovato e Marco Russo, oltre all’ing. Salvatore Caudullo, al dott. Nino Minio ed a Patrizia Orefice del Comune di Bronte.            
“L’Expo del pistacchio – ha affermato il sindaco in apertura dopo aver ringraziato i presenti – è famoso per esporre il pistacchio più buono al mondo. Lo scorso anno abbiamo registrato un record di presenze e quest’anno, in occasione della 30’ edizione, le attese sono tante. Per questo l’organizzazione deve essere impeccabile, affinché sicurezza, ordine pubblico e traffico siano sempre sotto controllo”.
Alla fine è stato deciso di seguire il modello organizzativo dettato dal Ministero dell’Interno per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche. Un modello che prevede l’istituzione di vari varchi di accesso controllati alla zona frequentata dal pubblico, con l’Ufficio tecnico del Comune che sta redigendo un piano di sicurezza che preveda efficaci vie di fuga. Gli stand, inoltre, dovranno avere tutti l’estintore in caso di incendio e dotarsi di tutti i requisiti previsti per la sicurezza. Ma non solo. Particolare attenzione sarà riservata alla tutela della Salute pubblica. Sarà vietata la vendita di qualsiasi cibo che non rispetti regole e norme igienico sanitarie.
“Tutto questo – conclude il sindaco – per tutelare i visitatori che vengono a trovarci. Il pistacchio di Bronte è uno dei prodotti tipici più importanti della Sicilia e l’Expo, che è la sua vetrina migliore, deve anche essere esempio di rispetto delle regole”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 08/09/2019
Titolo CASSONETTI PER I RIFIUTI NELLE CAMPAGNE IN OCCASIONE DELLA RACCOLTA DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (8 settembre 2019) - Fatica e disagi sono certo ripagati dai profitti, ma la biennale raccolta del pistacchio di Bronte, non è soltanto il periodo di raccolta dell’Oro verde di Bronte, è molto di più. E, infatti, una tradizione consolidata da centinaia di anni che, esattamente come cento anni fa, si svolge regolarmente nel mese di settembre degli anni dispari.
Il progresso e l’automazione non hanno effetti fra le irte e spigolose lave dell’Etna. Qui il terreno non consente l’ingresso di macchine per la raccolta del pistacchio, e così, esattamente come centinaia di anni fa, si fa a mano, con gli operai che staccano i pistacchi per farli cadere nelle reti o nelle bisacce. Un processo faticoso e lungo cui si aggiungono i tempi di asciugatura del pistacchio al sole, sempre nella stessa maniera e con gli stessi metodi dei nostri nonni. E siccome a Bronte quasi tutti hanno un pistacchieto è ormai tradizione che l’intera città si trasferisca nelle campagne.
Ed una città di quasi 20 mila abitanti che “trasloca” per non meno di 10 giorni nelle casette di campagna, impone al Comune l’organizzazione di servizi. Per questo il sindaco, Graziano Calanna, ha deciso di far porre in 2 zone rurali i cassonetti dei rifiuti, permettendo alla gente di evitare di portarsi dietro i sacchetti o, nella peggiore delle ipotesi, di lasciarli ai bordi delle strade.
“Lo abbiamo deciso – afferma il Primo cittadino - per venire incontro alle abitudini dei brontesi. Ogni due anni a settembre, infatti, la gente si trasferisce nelle campagne per raccogliere il pistacchio. Vivere in campagna di conseguenza vuol dire produrre fra i pistacchieti dei rifiuti. In teoria questi, ovviamente differenziati, dovrebbero essere consegnati al Centro di raccolta, oppure portati a casa e conferiti per tipologia nel rispetto del calendario. Ci rendiamo conto però del disagio. Di conseguenza abbiamo deciso di far sistemare dei cassonetti per la raccolta differenziata nelle campagne. Per la gente sarà più comodo”.
E così nelle contrade Galluzzo e Fiteni, dove più intensa è l’attività di raccolta, verranno sistemati due vere e proprie isole ecologiche. Saranno posti infatti grandi cassonetti che permetteranno di conferire vetro, plastica, cartone e rifiuti indifferenziati. “Esattamente, - continua Calanna – il fatto che ritornino i cassonetti grandi non vuol dire che bisogna disabituarsi a fare la raccolta differenziata. Non mettiamo contenitori per l’umido perché è naturale smaltirlo in campagna. La stessa buccia del pistacchio, dopo la smallatura, può essere smaltita nel terreno come concime”.
Il servizio avrà inizio domani, lunedì 9 settembre ed ha una durata limitata: “La raccolta dura tutto il mese di settembre, difficilmente andrà oltre. – spiega Calanna - Di conseguenza il 29 settembre ritireremo i cassonetti dalle campagne e tutto tornerà alla normalità”.
 
 L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 04/09/2019
Titolo CALANNA ESPRIME SODDISFAZIONE PER LA NOMINA DI NUNZIA CATALFO MINISTRO DELLA REPUBBLICA
Testo
BRONTE – (4 settembre 2019) – Il sindaco di Bronte, avv. Graziano Calanna, ha espresso grande soddisfazione per la nomina della senatrice Nunzia Catalfo ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.
“Congratulazioni al neo Ministro Nunzia Catalfo – ha affermato Graziano Calanna – che ricordo è particolarmente legata a Bronte. La mamma, infatti, è brontese.
L’intera Città del pistacchio e della Cultura è orgogliosa della sua nomina.
Bronte è certa che il neo ministro della Repubblica italiana saprà affrontare i problemi del Lavoro e delle Politiche sociali nell’interesse del Paese e dei Cittadini italiani.
Ritengo che sia stato premiato il suo impegno e la sua attenzione verso i temi del Lavoro soprattutto nel meridione, che nel ministro Catalfo, ne sono certo, avrà un sicuro punto di riferimento”.   

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 02/09/2019
Titolo DAL 27 AL 29 SETTEMBRE E DAL 4 AL 6 OTTOBRE SARA’ EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (2 settembre 2019) – Ecco le date del prossimo Expo del Pistacchio, organizzato dal Comune di Bronte, guidato dal sindaco Graziano Calanna.
La tradizionale sagra dell’Oro verde dop si svolgerà dal 27 al 29 settembre e dal 4 al 6 ottobre.
In questi due fine settimana la città di Bronte non solo si trasformerà in una naturale vetrina del suo verde pistacchio, con un programma che è ancora in fase di realizzazione.
“Ci lavoriamo da settimane, – afferma il sindaco – ma ancora nessuno degli eventi è stato scelto. Le notizie apparse sui social e siti web purtroppo sono solo fake news. Presto completeremo il palinsesto delle manifestazioni e pubblicheremo il calendario definitivo degli eventi. Solo allora si potrà essere certi degli spettacoli che questo Expo offrirà ai rescindenti ed ai visitatori”.
Intanto questa sarà di certo un’edizione speciale. Si tratta infatti dell’Expo/Sagra numero 30. “E ci teniamo a sottolineare – continua Calanna – che si tratta dell’Expo del Pistacchio verde dop di Bronte. Un pistacchio diverso nel gusto e soprattutto nei colori rispetto a tutti gli altri pistacchi del mondo. Riconoscerlo non è difficile. – spiega Calanna rivolgendosi ai consumatori - Anzitutto attenzione alla forma, perché quello di Bronte è allungato e poi guardate bene il colore. Tolto il guscio la pellicina della buccia, infatti, ha un colore che tende al violaceo, o meglio, al melanzana, con riflessi verde chiaro, mentre all’interno mostra il tipico colore verde smeraldo.
Ricordate, – conclude - il pistacchio di Bronte non è mai giallo e non ha neanche quel verde acceso che spesso notiamo in qualche pubblicazione”.
E quest’anno è proprio l’anno della racconta. “Come ogni 2 anni, nel mese di settembre – conclude il sindaco – gran parte della nostra cittadina di Bronte si trasferisce in campagna per raccogliere il prezioso pistacchio. Gli esperti ci dicono che l’annata è ottimale. Venire alla 30’ edizione dell’Expo del pistacchio sarà anche l’occasione per assaggiarlo fresco”.  

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 28/08/2019
Titolo “TROPPI INCIDENTI SULLA SS 284”
Testo
BRONTE – (28 agosto 2019) – Troppi incidenti nel tratto Bronte – Maletto della Ss 284.
Quello mortale verificatosi il 23 agosto scorso è solo l’ultimo di una lunga serie.
Per questo il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha deciso di intervenire.
Ha telefonato ai colleghi di Randazzo e Maletto e poi ha scritto una lettera ai vertici dell’Anas. A loro ha chiesto di partecipare ad un incontro che ha fissato per giovedì 12 settembre nella sala della Giunta del Comune di Bronte. L’argomento da affrontare è uno solo: la sicurezza nel tratto di Strada statale 284 nel tratto fra Bronte ed il bivio per Maletto.
“Non possiamo certo rimanere a guardare. – ci dice – Mi sono sentito con i colleghi di Randazzo, Francesco Sgroi e Maletto, Pippo De Luca che ringrazio: nessuno di noi ha titubato un attimo ed abbiamo deciso di chiedere all’Anas un incontro per verificare quali possano essere i provvedimenti da adottare affinché quella strada diventi più sicura”.
Qualcuno sostiene che le carreggiate del rettilineo di contrada Difesa dovrebbero essere “separate” da un guard rail leggero: “Potrebbe essere una ipotesi, – conclude Graziano Calanna – ma lasciamo alla sicura competenza dell’Anas la scelta tecnica migliore. Noi sindaci – conclude - chiediamo soltanto che il transito su questa importantissima Strada statale risponda alle esigenze della mobilità ed ai criteri di sicurezza”.     
     
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/08/2019
Titolo IL SINDACO DI BRONTE CALANNA SUL DOLCE “MAFIOSI AL PISTACCHIO”: “LA MAFIA NON E’ UN BRAND”
Testo
BRONTE – Il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, interviene a difesa del buon nome della sua Citta che si identifica nel “Pistacchio verde di Bronte dop”, dopo aver letto la notizia che un pasticcere taorminese ha deciso di chiamare alcuni suoi prodotti “mafiosi al pistacchio” e “cosa nostra alle mandorle”.
“La mafia – afferma Graziano Calanna - non può essere un "brand", ne tanto meno il nome di un prodotto tipico o di un dolce. Tutta Bronte condanna l’idea del pasticcere taorminese di chiamare dei dolci in vendita “mafiosi al pistacchio” e “cosa nostra alle mandorle”. Il pistacchio e le mandorle sono prodotti tipici di eccellenza della nostra terra, frutto del sudore e della fatica di tanti uomini onesti che, con il loro agire quotidiano, combattono e si pongono in netto contrasto con la mafia.
Bronte condanna non solo l’accostamento, sicuramente poco appropriato, di cattivo gusto e penalizzante per l’immagine del pistacchio e della mandorla, ma condanna in generale l’utilizzo della mafia come brand per tentare di ricavare dai turisti qualche soldino in più.
Ringrazio il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, per essere intervenuto duramente.
Mi auguro che riesca a convincere il pasticcere della sua comunità che in Sicilia vi sono altri “brand”, di sicuro valore, su cui vale la pena puntare per valorizzare i propri prodotti".

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 21/08/2019
Titolo BRONTE PRIMO IN SICILIA PER I FINANZIAMENTI SULL’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO
Testo
BRONTE – (21 agosto 2019) – La Regione siciliana pubblica la graduatoria dei Comuni siciliani che, attraverso i progetti presentati nell’ambito dell’efficientamento energetico sono riusciti ad ottenere i maggiori finanziamenti, e Bronte si piazza la primo posto.
Su quattro progetti presentati, infatti, la Città del pistacchio e della cultura ha ottenuto finanziamenti per 5 milioni e 422 mila euro, battendo Erice (giunta al secondo posto con finanziamenti per 5 milioni di euro), e Marsala, giunta terza con 4 milioni e 165 mila euro. Per trovare la prima città della provincia di Catania dopo Bronte, bisogna scorrere la graduatoria fino al sesto posto, dove troviamo Misterbianco con 3 milioni e 695 mila euro di finanziamenti.
“Un risultato eccezionale – commenta il sindaco di Bronte, Graziano Calanna – che pone Bronte fra i migliori Comuni della Sicilia. Un successo che questa Amministrazione condivide con il gruppo di progettazione costituito da giovani professionisti brontesi e con gli uffici del Comune. Noi partecipiamo a tutti i bandi pubblicati con le risorse europee e grazie alla bravura di validi professioni, che seguono alla lettera le indicazioni dell’Amministrazione, fino ad oggi siamo riusciti ad ottenere numerosi finanziamenti.
I progetti sull’efficientamento energetico – continua il sindaco - sono solo un esempio e la classifica regionale è il giusto premio a mesi e mesi di lavoro svolto nell’esclusivo interesse di Bronte e dei cittadini.
I 4 progetti finanziati a Bronte, infatti, - continua - presto si trasformeranno in altrettanti cantieri e quindi in opportunità di lavoro per le imprese e operai. Non solo – conclude - produrranno un risparmio sulla bolletta energetica del Comune di circa 250.000 euro l’anno”.
Ed i progetti presentati e finanziati guardano realmente a futuro, immaginando una città in grado di consumare meno energia grazie all'ammodernamento dei quadri elettrici esistenti, l'installazione di sistemi di telecontrollo, la sostituzione di alcuni impianti e delle lampade a led dotate di sensori che si accendono al passaggio di veicoli o pedoni. Inoltre la sostituzione delle lanterne artistiche con altre di pari bellezza ma in grado di utilizzare lampade a risparmio energetico. Ma non solo: si punta alla promozione dell’eco-efficienza, per una Bronte “smart” ed al passo con i tempi.      

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 11/08/2019
Titolo INAUGURATA L’AREA LUDICA NEL PARCO DI VIA CAVALIERI DI VITTORIO VENETO
Testo
BRONTE – (11 agosto 2019) – A stento ed in trepidante attesa, hanno aspettato che padre Antonino Modica benedicesse i luoghi e che il sindaco, Graziano Calanna, tagliasse il nastro inaugurale.
Poi per le decine e decine di bambini, che sono accorsi all’inaugurazione del grande parco giochi del parco di via Vittorio Veneto, è arrivato il momento di sbizzarrirsi e di impadronirsi con gioia ed allegrai non solo del grande gioco a sei torri che domina il parco, ma di tutte le altalene ed i giochini che hanno reso il più grande polmone verde di Bronte a misura dei più piccoli e quella che fino ad oggi era per antonomasia è la città del pistacchio e della cultura, anche dei bambini.
Già, perché le cronache sono piene di Comuni dove i parchi gioco per i piccoli sono abbandonati o dove non ci sono a causa della crisi economica. Bronte invece, in controtendenza, si distingue per aver pensato ai più piccoli e quindi anche alle famiglie, che adesso hanno un luogo bello, verde e sicuro dove far divertire in assoluta sicurezza i propri figli.
“Pochi in verità – ha raccontato il sindaco Graziano Calanna durante l’inaugurazione – sanno da dove nasce l’idea di questo grande parco giochi. Appena eletto ho ricevuto la visita di una scolaresca. Era una quarta elementare. In quell’occasione i bambini mi chiesero di realizzare in questo parco un’area tutta per loro. Mi hanno consegnato anche dei disegni che raffiguravano già un gioco cosi grande e bello propri qui, un gioco  pieno di scivoli, altalene ed attrezzi per arrampicarsi ed esplorare. Abbiamo fatto il possibile per realizzarlo”.
E che il momento per Bronte fosse importante lo dimostra la partecipazione di tante gente, la presenza della Giunta, di alcuni consiglieri comunali e del comandante del Comando stazione carabinieri di Bronte, Giuseppe Cunsolo.
“Ancora manca qualche dettaglio, – ha continuato il sindaco – ma è adesso, in piena estate, che un parco come questo va inaugurato”. Poi il sindaco ha ricordato che il parco di via Vittorio Veneto ospiterà anche un percorso salute per gli adulti, che presto potrà essere raggiunto anche da via Umberto e che l’intera area è videosorvegliata a garanzia della sicurezza dei più piccoli e contro gli atti vandalici. L’inaugurazione di questo grande parco giochi fa parte di un progetto ben più ampio che ha visto realizzare aree ludiche piene di scivoli ed altalene anche in via Rosario Livatino nel quartiere Borgonuovo ed in piazza Saitta in contrada Sciarotta.
“Ma non solo – conclude Graziano Calanna – presto ristruttureremo anche il parco giochi di piazza Aldo Moro. L’impegno per i bambini continua”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 09/08/2019
Titolo DOMANI SI INAUGURANO I NUOVI PARCHI GIOCO
Testo
BRONTE – (9 agosto 2019) – Da domani Bronte, oltre che del pistacchio e della cultura, potrà definirsi anche la Città dei bambini.
Il sindaco Graziano Calanna, insieme con la sua Giunta, alle ore 18.30, nel parco di via Cavalieri di Vittorio Veneto, inaugurerà il nuovo parco giochi e contemporaneamente consentirà l’accesso ai bimbi negli altri due nuovi parchi gioco di via Rosario Livatino nel quartiere Borgonuovo  e piazza Saitta in contrada Sciarotta.
“Il grande momento è arrivato. – afferma il sindaco – Non vediamo l’ora di vedere i bambini affollare il grande gioco a 6 torri del Parco di via Cavalieri di Vittorio Veneto che è fra i più grandi della Provincia di Catania e non vediamo l’ora di vedere i brontesi vivere questo parco, cui presto non si potrà entrare più solo dalla Circonvallazione, ma anche dal centro storico, ovvero da via Milano”.
Una inaugurazione che sa di gioia in tutta la città, sia al centro e sia in periferia. Il parco di giochi di via Livatino, infatti, è nella zona alta, mentre quello di piazza Saitta nella parte bassa della cittadina.   
  
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto

Data Comunicato 08/08/2019
Titolo FIRMATA CONVENZIONE PER L’AMPLIAMENTO DEL CIMITERO
Testo
BRONTE – (8 agosto 2019) – Firmato il contratto che permetterà al Comune di far realizzare ben 992 loculi e 26 ossari nel cimitero di Bronte. A realizzare e gestire i loculi per 8 anni sarà l’impresa che ha proposto e si è aggiudicata la gara del project financing di ampliamento del cimitero.
Il contratto prevede che, oltre ai loculi, l’impresa provveda anche a realizzare le opere di urbanizzazione della nuova edificazione e della parte già costruita dell’area di ampliamento cimiteriale e che venda ogni loculo alla cifra concordata di 2470 euro.   
Presente alla firma, oltre all’impresa, il sindaco Graziano Calanna, il vice sindaco Gaetano Messina e l’assessore Giuseppe Di Mulo. Con loro l’ing. Salvatore Caudullo, responsabile dell’Uffiico tecnico ed il segretario comunale Giuseppe Bartorilla, presidente della commissione di gara che ha precisato: “La Commissione esaminatrice, nel redigere la convenzione da sottoscrivere, ha escluso ogni possibile nuova condizione, riportando i contenuti del contratto nel pieno rispetto della volontà del Consiglio comunale”.
Inoltre durante la firma della convenzione è stato specificato che questa oltre a dare immediata risposta alla domanda di posti ad un prezzo sostenibile, permette al Comune di procedere, eventualmente, ad altri affidamenti o concessioni nella rimanete parte dell’ampliamento del cimitero. L’impresa, infatti, avrà solo diritti nella ristretta parte del cimitero in cui dovrà costruire i loculi.
“Un risultato – conclude il sindaco Graziano Calanna – raggiunto nella massima trasparenza e legalità, nell’esclusivo interesse dei brontesi. Gli atti, a disposizione di chiunque, lo dimostrano”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 08/08/2019
Titolo I COSTI DEI LOCULI COSTRUITI CON IL PROJECT FINANCING
Testo
Data Comunicato 29/07/2019
Titolo ELISUPERFICE: LA COMPLETERA’ LA CITTA’ METROPOLITANA
Testo
BRONTE – (29 luglio 2019) – La Città metropolitana di Catania consegnerà alla Città di Bronte l’elisuperfice notturna di contrada “Sciara Sant’Antonio” perfettamente funzionante e dotata di tutti i sistemi di sicurezza che la rendano idonea a svolgere i servizi di Protezione civile. Per farlo utilizzerà il 5% della Tari che ogni anno il Comune di Bronte è tenuto a versarle.
Questo l’esito dell’incontro effettuato a Bronte fra i tecnici della Città metropolitana e la Giunta municipale di Bronte. Presenti all’incontro il sindaco Graziano Calanna con il vice sindaco, Gaetano Messina che hanno ospitato il dirigente della Città Metropolitana, ing. Salvatore Raciti.
“In occasione del sopralluogo – ci spiega il vice sindaco Messina - la Città metropolitana si è resa conto delle condizioni attuali dell’elisuperfice, carente non soltanto per tutto ciò che è stato vandalizzato, ma anche di una serie di infrastrutture previste nel progetto e non ancora realizzate. Opere che non può certo realizzare il Comune, ma l’ente che ha approvato il progetto e realizzato l’opera. Per farlo ovviamente sono necessaire delle risorse – spiega ancora Messina – che l’ingegnere Raciti, dopo un breve colloquio con il responsabile dell’Ufficio Ragioneria del Comune, ha individuato nel 5% dei proventi della Tari che ogni anno noi dobbiamo versare per legge alla Città metropolitana”.
L’elisuperfice notturna di Bronte nei giorni scorsi è stata oggetto di polemiche. Costata ben 487 mila euro, in teoria è stata completata nel 2015, ma solo nel settembre del 2017 l’allora sindaco metropolitano ha firmato il decreto di “concedibilità in comodato d’uso” dell’impianto al Comune. Nel frattempo però era stata vandalizzata ed il Comune si è rifiutato di prendersi in consegna un’opera danneggiata senza conoscere l’entità dei costi da sostenere per metterla in funzione. Tutto tacque fino a quando Messina non ha chiesto un sopralluogo tecnico per sboccare l’iter. “E ci siamo riusciti. – spiega ancora il sindaco Graziano Calanna – L’elisuperfice è troppo importante per la sicurezza dei miei concittadini. Il Comune, eventualmente, è anche disposto ad anticipare delle somme che certo non possono uscire dalle tasche dei Brontesi. Adesso – conclude - che sono certe procedure e competenze faremo il possibile affinché l’iter si chiuda nel più breve tempo possibile”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 19/07/2019
Titolo L’ANAC SI E’ PRONUNCIATA: “LA NOMINA DEL SEGRETARIO BARTORILLA NON ERA INCONFERIBILE”
Testo
BRONTE – (19 luglio 2019) – L’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) chiude la vicenda sollevata da alcuni consiglieri comunali di Paternò e sancisce che la nomina del segretario comunale Giuseppe Bartolilla,  che svolge l’incarico in convenzione nei Comuni di Bronte e Paternò, non era  inconferibile.
I fatti risalgono al marzo scorso, quando in una nota alcuni consiglieri comunali paternesi hanno accusato il segretario Bartorilla di non aver pubblicato la sua dichiarazione di insussistenza di inconferibilità come richiede la legge al momento della nomina, paventando che questo fosse realmente inconferibile, poiché aveva svolto la funzione di Presidente del Nucleo di Valutazione meno di due anni prima.
La segnalazione è arrivata sul tavolo del Prefetto che la ha inoltrata all’Anac, che è l’organo preposto per questo tipo di verifiche.
Bene, l’Autorità anticorruzione, dopo aver esaminato le carte e sentito le parti, ha “escluso la sussistenza di qualsiasi ipotesi di inconferibilità”.
“Circa – si legge nel dispositivo firmato dalla dirigente Maria Grassini - la prospettata violazione dell’art. 20 del d.lgs n. 39 del 2013 (mancata pubblicazione del di insussistenza di incompatibilità), questa risulta pubblicata sul sito istituzionale del Comune di Bronte, sezione Amministrazione trasparente – incarichi amministrativi di vertice”.
Riguardo l’ipotesi di inconferibilità – inoltre - “si evidenzia che le disposizioni in tema di inconferibilità e incompatibilità degli incarichi, di cui al d.lgs. n. 39/2013, non si applicano ai componenti di un organo collegiale di vigilanza e controllo interno, quale nel caso di specie il Nucleo di Valutazione, sull'attività di un ente, in quanto le suddette disposizioni attengono ad incarichi di livello o di funzione dirigenziale”.
Ma non solo. L’Anac ha chiarito che eventuali conflitti di interessi possono sorgere solo se si ricoprono cariche contemporaneamente: “Inoltre, - infatti, spiega l’Anac – l’ipotesi di conflitto di interesse si concretizzerebbe nel caso in cui si ricopra contestualmente il ruolo di componente o di presidente del Nucleo di Valutazione di enti locali. Orbene, dagli accertamenti condotti dall’Ufficio, è emerso che il dott. Bartorilla si è dimesso da presidente del Nucleo di valutazione nel medesimo momento in cui ha assunto l’incarico di segretario”.
Vicenda chiusa quindi, con il segretario Giuseppe Bartorilla che già nel marzo scorso aveva chiarito la questione, trovando ampia conferma nel parere dell’Anac. 

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 19/07/2019
Titolo IL VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE GIUSEPPE DI MULO SI E’ DIMESSO
Testo
BRONTE – (19 luglio 2019) – Il vice presidente del Consiglio comunale di Bronte, Giuseppe Di Mulo, lascia l’Assemblea consiliare.
Eletto nella lista “Pd – Udc – Futuro e Tradizione Insieme”, in Consiglio fa parte del gruppo “Centristi per Bronte”. Consigliere comunale da ben 9 anni essendo stato eletto anche nel 2010 ha annunciato le sue dimissioni con una missiva inviata al presidente del Consiglio comunale ed ai consiglieri, al sindaco ed al segretario comunale.
“Con la presente – si legge nella lettera – si rassegnano le proprie dimissioni. Tengo a esprimere l’orgoglio di aver partecipato a questa Assemblea, per il profondo senso di appartenenza alla comunità. Sono certo che continuerò a operare per il bene della Città. Ho vissuto questa esperienza in maniera intensa e responsabile, senza mai far mancare il mio contribuito, nonostante le difficoltà. Non è mai mancata la mia indipendenza e autonomia di pensiero, pur nel rispetto della condivisione dei processi”.
Di Mulo ricopre per l’Amministrazione Calanna anche l’incarico di assessore alle Attività produttive. Per questo nella lettera aggiunge: “Continuerò con lo stesso spirito, oggi più di ieri, nel ruolo di assessore”.
Poi Di Mulo passa ai ringraziamenti: “Ringrazio gli elettori ed ancora una volta il sindaco per la fiducia accordatami. Ringrazio il mio capo gruppo consiliare Angelica Catania”.
Il primo dei non eletti della lista “Pd – Udc – Futuro e Tradizione Insieme” è Gaetano Saitta.
All’ex consigliere Di Mulo sono giunti i ringraziamenti e gli attestati di stima per il lavoro svolto da parte del sindaco, Graziano Calanna.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 16/07/2019
Titolo ESTATE BRONTESE ALLA PRO LOCO
Testo
BRONTE – (16 luglio 2019) – Sarà la Pro Loco di Bronte ad organizzare le serate estive a Bronte.
Si è aggiudicata infatti la manifestazione di interesse promossa dal Comune che, mettendo a disposizione 6000 euro, ha chiesto alle associazioni di proporre un possibile programma di manifestazioni estive. Ed a presentare una proposta sono stati in 2, con la Pro Loco che ha presentato il programma considerato migliore nel rispetto di una griglia di valutazione indicata nel bando.
Le manifestazioni avranno inizio il 24 luglio e si prolungheranno fino a fine agosto: “Abbiamo deciso di puntare su spettacoli che promuovessero principalmente le nostre tradizioni. – ha  affermato il presidente della Pro loco di Bronte, dott. Dario Longhitano - Tra gli eventi ricordiamo il 24 Luglio la “Festa dei Grest” presso il Parco urbano, il 26 Luglio - in collaborazione con i bar ed esercenti del centro storico - un caffè concerto lungo le vie del Corso, ed il 27 Luglio la Lombardo Academy aprirà lo spettacolo di teatro dialettale di Edoardo Saitta, noto attore teatrale catanese.
Il mese di agosto verrà aperto con un’affascinante visita delle stradine storiche di Bronte accompagnate da coreografie musicali e di danza”. Il programma poi prevede diversi aventi  nel mese di agosto con il 2 i Camera a Sud, il 7 e l’8 il “Gioco con la pasta” e “bimbi in piazza”, il 17 agosto lo spettacolo di vero pregio con i Fratelli Napoli, maestri di marionettistica rinomati in tutto il Sud Italia, introdotti dalle coreografie della Scuola di Danza Koreos ed il 23 e 24 agosto due spettacoli musicali, uno dedicato a “Canti e Cunti” tra folk e musica siciliana e l’altro ai gruppi musicali brontesi. “Questo programma coinvolge la Città che ne è protagonista. – afferma il sindaco Graziano Calanna – La Pro Loco ha trovato un modo semplice e soprattutto non dispendioso per rendere viva la Cittadina”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 16/07/2019
Titolo ECCO IL GRANDE GIOCO PER BAMBINI DEL PARCO DI VIA CAVALIERI DI VITTORIO VENETO
Testo
BRONTE – (16 luglio 2019) – Per i bambini “la vita è più divertente se si gioca”.
A sostenerlo era Roald Dahl, noto scrittore gallese, conosciuto soprattutto per i suoi romanzi per l'infanzia.
La Città di Bronte prende alla lettera le sue parole e decide di farli giocare all’aria aperta.
Ecco in anteprima le foto del grande gioco per bambini che il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha voluto che si realizzasse nel Parco di via Cavalieri di Vittorio Veneto.
Si dice sia, se non il più grande, fra i più grandi della provincia di Catania. Ed in effetti con la sua enorme mole domina un grande spazio fino a ieri inutilizzato. Con 6 torri, continui saliscendi, scivoli, altalene, passaggi avventurosi sembra perfetto per accogliere e far divertire contemporaneamente decine di bambini, tutti pronti a scoprire i percorsi ed a superare le prove che propone.
Attorno alla gigantesca attrazione ludica, tutta una serie di giochi a molla e giostrine che completano una grandissima area per bambini, la più grande del territorio.
Ancora è chiusa al pubblico, com’è chiuso al pubblico l’intero Parco Urbano. Per adesso ci sono gli operai che alacremente stanno montando tutti i giochini. Nessuno fra i bambini di Bronte quindi ha già visto i giochi, ma tanti attendono l’apertura del Parco che il sindaco assicura che avverrà durante l’estate.
“Quasi ogni giorno veniamo qui a verificare che i lavori proseguano. – ci dice – La maggior parte dei giochi sono già stati istallati. Mancano però ancora parte delle staccionate di sicurezza lungo i viali del Parco, il fondo dove giocheranno i bambini per evitare gli infortuni, i servizi igienici funzionanti ed un’ottima illuminazione. Le telecamere di sorveglianza sono già state istallate.
Come i bambini – prosegue - anche noi non vediamo l’ora che il Parco venga aperto al pubblico”.
E grazie ad uno dei tanti sopralluoghi che il sindaco effettua insieme con i tecnici ci è stato possibile fotografare i giochi. “Ogni volta che veniamo qui – continua Calanna – pensiamo a come curare meglio i dettagli. Intanto realizzeremo delle ampie e comode panchine attorno ai giochi che consentiranno ai genitori di rilassarsi fra il verde durante le attività ludiche dei figli. Pianteremo anche altri alberi. – continua – Con i tecnici, infatti, stiamo cercando di capire dove sarà più funzionale piantarli. Ovviamente bisognerà attendere che crescano prima che facciano veramente ombra. Nel frattempo, però, siamo pronti a rendere questo Parco funzionale e meraviglioso”.
Il parco di via Cavalieri di Vittorio Veneto dove si stanno istallando i giochi lucidi per bambini, infatti, è oggetto di diversi interventi. Fra tutti l’ingresso da via Milano, ovvero dal centro. “Le cosa vanno fatte bene. – spiega Calanna – Un grande polmone verde con l’ingresso dalla Circonvallazione serve a poco. Ed infatti fino ad oggi è rimasto inutilizzato. Adesso puntiamo a farlo diventare non solo un’area per bambini, ma anche un “percorso salute”, permettendo a chiunque di fare sport e jogging. Per adesso però – conclude il primo cittadino – concentriamoci sui bambini che avendo la possibilità di giocare all’aria aperta, potranno trarre dei benefici anche fisici, combattendo la sedentarietà cui tanti i piccoli, a causa anche dell’avvento dei giochi tecnologici, sono costretti a sottomettersi. Giocare in generale  e farlo all’aria aperta fra il verde – conclude – fa bene alla salute. Consente ai bambini di esprimere la propria creatività e mettere in pratica nuove abilità. Sviluppa le abilità motorie, le capacità cognitive e i comportamenti sociali che saranno utili in futuro. Insomma fa bene”.
La realizzazione del parco ludico per bambini fa parte di un progetto complessivo messo in atto dall’Amministrazione comunale che prevede la realizzazione di nuovi parchi gioco e la messa in sicurezza di quelli già esistenti. 
Le nuove aree destinate a dare sfogo alla voglia di divertirsi dei più piccoli sono oltre al Parco di Viale Cavalieri di Vittorio Veneto anche piazza Saitta, nel popoloso quartiere Sciarotta, mentre in piazza Aldo Moro, nel Parco Urbano dietro le scuole medie ed in via Rosario Livatino nel quartiere Borgonuovo, sono in corso i lavori di ristrutturazione di quelle già esistenti. “In tutte le aree – conclude Calanna – dovremmo avere le certificazioni di sicurezza. Ogni impianto dovrà essere idoneo, altrimenti non consentiremo ai bambini di rischiare. Ovunque inoltre ci sarà la videosorveglianza. Vogliamo che questi giochi vengano consumati dai bambini negli anni, non rovinati presto dai vandali”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 15/07/2019
Titolo INIZIATI I LAVORI NEL PRONTO SOCCORSO
Testo
BRONTE – (15 luglio 2019) – Dopo che qualche giorno fa è stata circoscritta l’area del cantiere, questa mattina sono iniziati i lavori di ristrutturazione del Pronto soccorso dell’Ospedale Castiglione Prestianni di Bronte.
Da contratto i lavori dovrebbero durare 7 mesi, quindi a febbraio 2020 si potrebbe inaugurare la struttura rinnovata.
In tanti, e fra questi vi sono i sindaci del comprensorio, sperano però che si finisca prima.
Per questo hanno da tempo annunciato di voler seguire i lavori giorno dopo giorno.
E così, oggi in tarda mattinata, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, insieme con il collega di Maletto, Pippo De Luca, hanno effettuato un sopralluogo, cui era presente quasi tutta la Giunta municipale di Bronte.
Gli operai nel primo giorno di vero lavoro avevano già provveduto a liberare ambulatori e corridoi degli impianti elettrici e di climatizzazione. Oggi continueranno nel riaspetto del cronoprogramma.
“E noi seguiremo passo passo questi lavori. – afferma il sindaco Graziano Calanna  - Il ricordo di quelli generali dell’ospedale iniziati nel 2006 e mai finiti è ancora troppo forte e soprattutto non è ancora risolto. Per questo, tempi previsti alla mano, verificheremo costantemente l’andamento dei lavori e non avremo remora alcuna nel denunciare eventuali ritardi o incongruenze. Massimo a febbraio l’ospedale dovrà avere il nuovo Pronto soccorso”.
Contemporaneamente sindaci ed amministratori hanno avuto conferma della funzionalità del Pronto soccorso provvisorio, sistemato nei locali prospicenti a quello vecchio. “Anzi – ribadisce Calanna sono più ampi e luminosi rispetto a quelli vecchi. Certo ci auguriamo che il Pronto soccorso ristrutturato sia ancora più bello e funzionale”.
Ed allora vale la pena ricordare come sarà il nuovo Pronto soccorso. Con 753 mila euro sarà molto più grande di quello attuale, passando dai 240 metri quadrati di quello vecchio ai 600 previsti dal progetto. Avrà la “camera calda” che consente di effettuare il passaggio del paziente dall’ambulanza all’ospedale in un ambiente chiuso e riscaldato. Inoltre raddoppiano i posti letto, passando da 4  a 8 e verranno realizzati 3 diversi ambulatori cui far accedere i pazienti: uno per i codici bianco e verde, un altro quelli in codice giallo ed il terzo per i pazienti in codice rosso.
Sara realizzata una sala di attesa per i pazienti in barella oggi assente e dei locali per accogliere e smistare il pubblico.
“Sarà un ottimo Pronto soccorso – conclude Grazino Calanna – come abbiamo potuto verificare durante la presentazione del progetto in Comune. Mi incoraggia la sinergia raggiunta con il direttore dell’Asp, Maurizio Lanza. Vedrete – conclude fiducioso - l’opera sarà pronta nei tempi previsti”.
       
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 15/07/2019
Titolo BELLA L’ESTATE PER I NONNINI DI BRONTE
Testo
BRONTE – (15 luglio 2019) –Bella l’estate al “Centro anziani” di Bronte. Un cospicuo numero di nonnini, approfittando del contributo messo a disposizione dal Comune, si è goduto una bella gita a Noto, nella capitale del barocco siciliano, è poi una settimana in un villaggio turistico di Gioiosa Marea, prendendo la tintarella e lasciandosi trastullare dalla compagnia degli animatori.
Nella Val di Noto i nonnini, accompagnati anche dall’assessore Chetti Liuzzo, hanno visitato non solo i monumenti, ma anche le bellezze ambientali del borgo marinaro di Marzamemi.
Poi tutti al mare a prendere la tintarella e soprattutto a fare le ore piccole. L’età media del gruppo, infatti, non inganni. Nonnini e nonnine la sera hanno organizzato spettacoli e divertimento. Inoltre, quando è andato a trovarli il sindaco Graziano Calanna, hanno addirittura organizzato un ballo con tanto di abiti spagnoli ed un défilé di moda, con le nonnine pronte a disinvolte sulla passerella.
“I soci del Centro anziani sanno come divertirsi – ha affermato Calanna – ed è bellissimo guardarli e stare con loro. E noi faremo sempre il possibile per far si che si divertano sempre e siano sempre partecipi ed attivi nella vita della Città”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 15/07/2019
Titolo CONSOLIDATI I CAVALCAVIA SOTTO VIA AMEDEO DUCA D’AOSTA
Testo
BRONTE – (15 luglio 2019) – Adesso i due cavalcavia ed il terrapieno che sorreggono via Duca D’Aosta sono in sicurezza.
Sono terminati, infatti, i lavori per ridare vita e forza al cemento armato che sorregge l’intera struttura, cemento armato che fino a qualche giorno fa era visibilmente ammalorato.
Di rischi imminenti non è che ce ne fossero, ma visto quanto accaduto a Genova, ma soprattutto visto che la legge di bilancio 2019 ha previsto un contributo di 100 mila euro per mettere in sicurezza scuole, strade ed edifici pubblici, il sindaco Graziano Calanna ha chiesto all’Ufficio tecnico di effettuare uno screening delle strutture pubbliche comunali che avevano maggiore urgenza di avere degli interventi di manutenzione.
E la scelta è caduta sui 2 sottopassaggi sotto via Duca D’Aosta, una strada importante, sicuramente di grande transito, perché collega la Ss 284 con Maniace e la provincia di Messina.
“Si vedeva chiaramente – spiega il sindaco, Graziano Calanna – come il cemento stesse piano piano per sbriciolarsi, riportando pericolosamente il ferro alla luce. Si notavano i distacchi del copri ferro, con evidenti rigonfiamenti e deterioramenti gravi del calcestruzzo. In diverse zone le armature erano scoperte ed in forte stato di corrosione. Questi interventi pertanto erano necessari ed urgenti. L’intero tratto di strada ed il sottopasso sottostante dovevano tornare sicuri. E così è stato. – conclude il sindaco – Promessa mantenuta. Il nostro intervento  ha ridato forza alle strutture e messo a nuovo un intero e lungo terrapieno ridando luce e pulizia all’intero angolo del nostro Centro storico”.
Spesa totale 35 mila euro, con cui il Comune ha anche sistemato al scaletta che collega facilmente via Annunziata con la via Duca D’Aosta.       
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/07/2019
Titolo L’AVVOCATO CRISTINA CASTIGLIONE QUINTO ASSESSORE A BRONTE
Testo
BRONTE – (12 LUGLIO 2019) – Bronte da seguito alla legge regionale che permette di aumentare il numero degli assessori in Giunta, ed infoltisce le quote rosa nell’esecutivo. 
Il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, infatti, ha nominato il quinto assessore.
Si tratta del giovane avvocato Cristina Castiglione. Brontese, alla sua prima esperienza nelle vesti di amministratore pubblico, il neo assessore ha prestato giuramento nella sala della Giunta, alla presenza non solo del sindaco e del segretario comunale, Giuseppe Bartorilla, ma anche del resto della Giunta municipale, dei Capi area del Comune, di alcuni amici e familiari  e di diversi consiglieri comunali.
“Do il benvenuto all’avvocato Castiglione. – ha affermato il sindaco subito dopo il giuramento – Dico subito che la sua nomina non è derivata solo dal fatto che oggi la legge lo permette, ma dalla consapevolezza che al Comune in questo momento servono tante forze. Le tante iniziative che stiamo affrontando, infatti, necessitano di energia e professionalità. E l’avvocato Castiglione ci aiuterà di certo a centrare gli obiettivi, grazie alla sua competenza ed alla qualità, caratteristiche che riconosco anche agli altri miei assessori.
Io sono felicissimo della mia Giunta, – ha continuato – persone leali che mi hanno aiutato a trasformare il paese e che lavorano con competenza ed onesta  senza risparmiarsi, servendosi di un apparato burocratico serio e certamente preparato.
I mesi – ha concluso il sindaco rivolgendosi direttamente al neo assessore - che ci dividono dalla fine della sindacatura saranno faticosi per l’enorme mole di lavoro sul tavolo, ma stanne certa alla fine gratificante”.
“Ringrazio il sindaco per la nomina. – ha affermato il neo assessore Castiglione – Impegnarsi per la propria Città è certamente un onore, ed io che ho condiviso da elettrice il programma elettorale di Graziano Calanna, sono pronta a contribuire a realizzarne gli ultimi punti”.
Si attende adesso di conoscere quali deleghe il sindaco attribuirà al neo assessore.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/07/2019
Titolo APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE
Testo
BRONTE – (12 LUGLIO 2019) – Il Consiglio comunale di Bronte ha approvato a maggioranza il bilancio di previsione 2019/ 2021.
“Nonostante le risorse siano sempre più esigue – ha affermato il apertura l’assessore Chetti Liuzzo – abbiamo mantenuto i servizi essenziali. L’Amministrazione si è mossa tantissimo per reperire risorse, come dimostra la notevole programmazione”.
Il Consiglio non ha approvato gli ammendamenti presentati  ed accezione di quelli tecnici.
Queste le dichiarazioni di voto dei consiglieri: “Se fosse cambiato qualcosa rispetto agli anni scorsi,  – ha  affermato il consigliere Carlo Castiglione -  questo bilancio, che definisco tecnico, lo avrei votato. Invece no. Voto contro”.
 “Voto favorevole – ha aggiunto il consigliere Antonio Currao – anche se con qualche ma di pancia. Ho chiesto e non ottenuto delle risposte, mentre altre cose sono eccellenti”.
“Voto favorevolmente come ho sempre fatto negli . – ha affermato il consigliere Massimo Castiglione – Riconosco che il bilancio è atteso da impiegati ed imprese. Va approvato”.  
“Il bilancio di previsione è esclusivamente frutto del lavoro tecnico contabile dei dirigenti comunali, - ha aggiunto il consigliere Rosario Liuzzo che ci ha inviato una nota - non è presente né tangibile alcuna impronta politica, prendiamo solo atto che sui servizi essenziali almeno non si siano fatti passi indietro, su giovani e sport viene messa dall'amministratore Calanna una pietra tombale, nulla è previsto per entrambe le poste e il tanto osannato tirocinio per giovani professionisti vede decurtato di 17 mila euro la propria dotazione. In sintesi un bilancio tecnico, anonimo e senza prospettive di sviluppo e crescita per la città”.
“I centristi esprimono parere favorevole – ha affermato il vice presidente Giuseppe Di Mulo – Questo è un bilancio sano. Ringrazio il collega Massimo Castiglione per il senso di responsabilità”.
“Il bilancio rispecchia negli anni l’ottima linea dell’Amministrazione Calanna. – ha spiegato il consigliere Salvino Luca – Voto favorevole”.
“I risultati sono sotto gli occhi di tutti. – ha aggiunto il consigliere Antonio Petronaci – I lavori realizzati ed i progetti intrapresi meritano il voto favorevole”.
“Anche per il 2019 – ha affermato  in una nota il consigliere Samanta Longhitano - abbiamo approvato un bilancio che non mette le mani nelle tasche dei cittadini brontesi, considerato che - in controtendenza a quanto accade in tanti altri Comuni - non prevede ne aumenti ne introduzione di nuovi tributi,  anzi ha diminuito la Tari in linea con quanto sempre promesso ai Cittadini, pur garantendo tutti i servizi essenziali e non erogati in passato.
Attraverso le somme stanziate in bilancio potranno essere completate importanti opere, frutto della progettazione dell’amministrazione Calanna, come i parchi gioco, la fognatura in via Maratona, la manutenzione delle strade, l’acquisto di uno scuolabus e la restituzione al paese del campetto sportivo di via Omero, ristrutturato e funzionante.
I progetti di sviluppo del paese collegati al bilancio, dopo quattro di programmazione e progettazione, sono così tanti che con orgoglio abbiamo approvato il bilancio 2019 che consentirà di portare a compimento la gran parte del programma elettorale con il quale nel 2015 ci siamo presentati agli elettori. I giovani poi: l’intero gruppo di progettazione messo su da Calanna è fatto da giovani”.
“Se volevamo mettere in difficoltà l’Amministrazione avremmo presentato 100 emendamenti. – ha affermato il consigliere Davide Russo - Dispiace che i nostri non siano stati approvati voto contrario”.
“Voto contrario – ha concluso il consigliere Giuseppina Ruocco – almeno quello sull’elisuperfice poteva essere approvato”.
Il vice sindaco Gaetano Messina però alla fine ha spiegato che prima di prevede somme per l’elisuperfice è bene capire dall’ex Provincia, proprietaria dell’infrastruttura, cosa è stato vandalizzato e chi deve pagare.
Alla fine 11 favorevoli, 3 contrari ed un astenuto.        
    
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 10/07/2019
Titolo “DATECI L’ELISUPERFICE NOTTURNA FUNZIONANTE”
Testo
BRONTE – (10 LUGLIO 2019) – Un sopralluogo urgente ed in contraddittorio per far si che presto l’elisuperfice notturna di Bronte, realizzata dalla Città metropolitana di Catania in contrada “Sciara Sant’Antonio”, venga consegnata al Comune e messa in funzione.
A chiederlo è il vice sindaco di Bronte, ing. Gaetano Messina, che ha inviato una lettera al sindaco metropolitano Salvo Pogliese ed ai dirigenti della Città metropolitana, chiedendo si la consegna dell’opera costata 487 mila euro di cui 400 mila finanziati dal fondo FESR Sicilia 2007/2013, ma solo dopo un’accurata perizia tecnica che attesti in quali condizioni l’impianto viene consegnato al Comune.
La pista dell’elisoccorso, infatti, completati i lavori, ormai tanti anni fa, è rimasta abbandonata ed oggi, come dimostra il sopralluogo che Messina ha effettuato con l’assessore Di Mulo,  sono evidenti i danni provocati dai vandali, che hanno sottratto lampade di illuminazione, forzato le aperture degli uffici di servizio e forse compromesso anche la funzionalità dell’impianto.
Nel settembre del 2017 l’allora sindaco metropolitano ha firmato il decreto di “concedibilità in comodato d’uso” dell’impianto al Comune, ma già lo stesso decreto evidenziava come questo non fosse agibile.
Da allora non se ne seppe più nulla, ma oggi vista l’importanza dell’impianto il Comune ha deciso di forzare i tempi di consegna, chiedendo contemporaneamente una reale descrizione della struttura e della funzionalità degli impianti consegnati.
“Mi sembra il minimo – ci spiega il vice sindaco – vero è che noi siamo consci dell’importanza dell’elisuperficie, ma non potevamo nel 2017 quando Enzo Bianco firmo il decreto e possiamo certo neanche oggi accettare un impianto danneggiato come se fosse funzionante. Inoltre è bene che si sappia che per rimettere a nuovo tutto quello che è stato danneggiato nel periodo in cui la custodia era compito dell’ex Provincia, noi dovremo sostituirlo a spese del Comune e quindi dei cittadini.
Ma non finisce qui. – evidenzia Messina – Tutti noi abbiamo sempre saputo che questa era una pista di elisoccorso notturna, come dimostra la spesa e le tracce degli impianti ancora presenti, ma l’Enac (Ente nazionale per l'aviazione civile) non ha ancora trasmesso all’ex provincia fornito l’autorizzazione al volo notturno. E per noi è importante che a Bronte gli elicotteri atterrino e decollino anche di notte”.           
Anche per questo motivo il vice sindaco Messina nella missiva, oltre chiedere lumi “sulla funzionalità degli impianti elettrici, di illuminazione della piazzola di atterraggio e decollo”, notizie certe sui “danni provocati dagli atti vandalici subiti dalla struttura”, e capire di chi sono “le competenze per il rispristino della funzionalità dell’opera”, chiede di sapere cosa fare per far si che questa venga realmente utilizzata anche durante la notte.
“Non possiamo privare i cittadini di un impianto così importante. – conclude il sindaco Graziano Calanna – Il Comune non poteva certo prendere in consegna una infrastruttura vandalizzata, non funzionante e senza le autorizzazioni per il volo notturno. Il territorio ha bisogno di un’elisuperfice in funzione anche la notte. Che si faccia, quindi, presto il sopralluogo e si definiscano in maniera chiara procedure e competenze per superare le criticità. Noi – conclude - ci speriamo, per dotare il territorio di un servizio necessario ed ormai indispensabile per garantire il diritto alla salute dei cittadini e migliorare la qualità della vita di chi abita qui”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 04/07/2019
Titolo IN FUNZIONE IL PRONTO SOCCORSO PROVVISORIO
Testo
BRONTE – (4 LUGLIO 2019) – E’ iniziato il conto alla rovescia per avere un nuovo Pronto soccorso nell’ospedale Castiglione Prestianni di Bronte.
Contratto alla mano, fra 7 mesi il territorio dovrà avere un nuovo Pronto soccorso.
L’area del cantiere domani verrà circoscritta e sarà impedito l’accesso nella zona ospedaliera alle auto. Solo i mezzi di soccorso potranno raggiungere il piazzale antistante l’ospedale che non potrà più essere utilizzato per la sosta dei veicoli.
Questo sia per non intralciare l’esecuzione dei lavori, sia per consentire l’accesso alle ambulanze nel sito provvisorio dove è stato temporaneamente ubicato il Pronto soccorso.
Ed il pronto soccorso temporaneamente è stato sistemato in quelli che fino a qualche giorno fa erano i locali della Cardiologia, trasferita al primo piano.
Oggi il primo giorno di funzionamento a pieno regime dopo il trasferimento. Per questo il sindaco, Graziano Calanna, insieme con l’assessore Ernesto Di Francesco, ha effettuato un sopralluogo.
All’arrivo in ospedale dei cartelli indicano la direzione verso il Pronto soccorso temporaneo. Entrando dalla porta principale si va sinistra e subito si trova la stanza di attesa per i pazienti dotata di servizi.
Il Pronto soccorso temporaneo poi può contare su due ampi ambulatori e due sale di astanteria altrettanto grandi.
“I locali provvisori – ha affermato il Primo cittadino - sono molto più luminosi rispetto a quelli che si stanno ristrutturando. E questo ha riscosso il gradimento da parte dei medici. Per il resto l’organizzazione, anche se temporanea, mi è parsa idonea per un servizio così importante. Come abbiamo già annunciato – conclude – seguiremo i lavori passo dopo passo, affinché non si verifichino imprevisti”. 
I lavori prevedono investimenti per 753 mila euro. Il Pronto soccorso che si dovrà costruire sarà più grande di quello attuale, avrà la “camera calda” 4 posti letto in più ed avrà 3 diversi ambulatori cui far accedere i pazienti: uno per i codici bianco e verde, un altro quelli in codice giallo ed il terzo per i pazienti in codice rosso.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto