AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 26/06/2015
Titolo IL TERRITORIO PRONTO A DIFENDERE IL PUNTO NASCITA DELL'OSPEDALE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (26 giugno 2015) – “Chiederemo di essere ascoltati dalla Commissione regionale alla Sanità e dal Ministero della Salute per dimostrare, carte alla mano, che il provvedimento che chiude il Punto nascita dell’Ospedale di Bronte è irragionevole. Se dovessero perseguire in questa che considero una follia amministrativa, siamo a porre in essere ogni forma di lotta”.
Sono le parole del sindaco di Bronte, Graziano Calanna, alla fine del vertice nella sala consiliare del Comune cui hanno partecipato i primi cittadini di Randazzo, Maletto, Maniace, Cesarò e Santa Domenica Vittoria, gli assessori designati di Bronte, diversi consiglieri comunali, i rappresentanti della associazioni brontesi ed i medici. Il sindaco, infatti, dopo la missione a Palermo, ha voluto rendere partecipe la città di quanto discusso con l’assessore Borsellino anche per programmare le iniziative da intraprendere. Presente all’incontro anche il dott. Renato Passalacqua, in rappresentanza della direzione sanitaria dell’ospedale e l’on. Concetta Raia che, venuta a trovare il sindaco, non si è sottratta al dibattito.
“La difesa del Punto nascita e del potenziamento dell’intero ospedale di Bronte – ha affermato  la Raia – va effettuata con forza e determinazione fino alla fine. Sappiamo di non poterci illudere, ma ci batteremo con la consapevolezza di essere nel giusto”.
E se i sindaci hanno sottolineato le carenze infrastrutturale del territorio, che strade in primis, “allontanano” da Bronte gli altri centri ospedalieri, significativi sono stati gli interventi dei rappresentanti delle associazioni e dei consiglieri comunali presenti. Per Valeria Franco, infatti, è importante rendere d’eccellenza alcuni reparti dell’ospedale di Bronte facendo poi sistema con gli altri del territorio. Per Vittorio Triscari mai si potrebbe rinunciare la Punto nascita per le difficoltà che soprattutto d’inverno questo territorio denuncia. Per Enza Meli, Bronte ed il territorio sono pronti ad ogni iniziative pur di non vedersi sottratto un servizio importante.
 “La verità – ha ribadito il sindaco Calanna - è che l’assessore Borsellino ha chiesto al Ministero della Salute di poter derogare alla chiusura dei 9 Punti Nascita inizialmente indicati del ministro Lorenzin. Non si capisce perché e con quale criterio sono stati salvati solo Pantelleria, Corleone e Nicosia”.
Calanna ha anche ringraziato per la presenza il dott. Salvatore Gullotta, che  in passato ha difeso l’ospedale, e che ieri ha ribadito come il problema vada risolto politicamente, come non si possa ragionare guardando esclusivamente ai numeri quando si parla di assistenza sanitaria ed ha mostrato molti dubbi sull’effettivo risparmio quando una partoriente viene trasferita altrove”.
Adesso il sindaco di Bronte, forte del mandato ricevuto dall’assemblea, chiederà di essere ascoltato da Regione e Governo. La battaglia è appena cominciata.    
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 24/06/2015
Titolo CERTEZZE SUL LAVORO DEI FORESTALI
Testo
BRONTE – (24 giugno 2015) – “Certezze sul mantenimento delle garanzie occupazionali e massima attenzione per la salvaguardia dei boschi, immenso patrimonio dell’Etna e dei Nebrodi”.
E’ la richiesta che il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha formulato al capo dell’ispettorato forestale di Catania, Antonio Lo Dico.
“Appena insediato – ha affermato il primo cittadino – ho appreso della decisione della Regione di abbattere del 20% i costi del servizio antincendio.  Capisco – continua - che i tagli sono provocati dalla crisi economica e che l’Ispettorato forestale è stato costretto a correre ai ripari dandosi delle priorità, ma le preoccupazioni degli addetti allo spegnimento degli incendi, cui vanno a ripercuotersi i tagli per intero, sono legittime.
Per questo – conclude Calanna – ho chiesto al dott. Lo Dico, che ringrazio, massimo rigore nell’avviamento al lavoro di tutti gli operai, affinché nessuno perda un solo giorno di lavoro”.
Poi il sindaco sui tagli ha affermato: “Bisogna evitare che vi siano territori maggiormente penalizzati rispetto ad altri. Considero questa una stagione di prova. Abbiamo il tempo – conclude - per programmare meglio la stagione del 2016”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto  
Data Comunicato 24/06/2015
Titolo SPIRAGLI AL RICONOSCIMENTO DELLA CALAMITA' NATURALE DOPO LA GRANDINATA
Testo
BRONTE – (24 giugno 2015) – Buone notizie per i produttori di pistacchio di Bronte che il 9 giugno scorso hanno visto i propri pistacchieti distrutti da una eccezionale grandinata.
Esiste la possibilità che i danni subiti dalle piante possano essere risarciti con un opportuno indennizzo.  
Questa è la buona notizia che il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha portato ieri da Palermo dopo una la lunga audizione con la III Commissione regionale sulle “Attività produttive”, presieduta dall’on. Bruno Marziano.
“Durante l’audizione, cui hanno partecipato anche alcuni produttori – ha affermato il sindaco Calanna - è stato chiaramente ribadito che non potranno essere risarciti i danni alla produzione di pistacchio che è stata rovinata dalla grandine. L’Unione europea, infatti, invoglia gli agricoltori a stipulare opportune polizze assicurative per proteggersi dalla grandine, che la legge da una parte la considera fra gli eventi atmosferici eccezionali, ma dall’altra non ne riconosce i possibili risarcimenti per i danni subiti dai frutti.
Solo dai frutti però. – spiega il sindaco – Secondo quanto detto in Commissione i danni che subiscono le piante possono essere risarciti e questo ci consentirà di puntare a far riconoscere a Bronte lo stato di calamità naturale”.
Ed è questa è la risposta che gli agricoltori attendevano, dopo aver temuto di essere lasciati da soli dallo Stato. Per legge, infatti, è possibile chiedere lo stato di calamità naturale se ad essere danneggiate sono state almeno il 30% delle piante.
“E da una perizia effettuata dai tecnici della Regione – ribadisce il primo cittadino di Bronte - è risultato che la grandinata da noi ha rovinato 80% delle piante. Quindi le condizioni potrebbero esserci tutte. Il 22 luglio dobbiamo risentirci con il presidente Marziano. Per quel tempo saranno arrivate in Commissione le perizie definitive per la quantificazione del danno. Noi – aggiunge il sindaco - ovviamente siamo pronti a fornire ogni contributo e spiegazione alla Regione ed ai produttori che chiederanno aiuto. Il pistacchio – conclude – è uno dei prodotti tipici fra i più preziosi del paniere dell’Etna. Caratterizza e valorizza le nostre produzioni agricole. Sarebbe stato ingiusto lasciare da soli i produttori che ricordo in diverse contrade di Bronte che hanno perso tutta la produzione e visto la grandine spezzare i robusti rami anche di antiche piante di pistacchio”.   

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto  
Data Comunicato 22/06/2015
Titolo IL SINDACO CALANNA DALLA BORSELLINO PER DIFENDERE IL PUNTO NASCITE
Testo
BRONTE – (22 giugno 2015) – Scatta la mobilitazione a Bronte contro la chiusura del Punto nascite dell’ospedale Castiglione Prestianni di Bronte, prevista nel documento che la Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute ha inviato all’assessore regionale Lucia Borsellino. 
Il neo sindaco della Città del pistacchio, Graziano Calanna oggi sarà ricevuto a Palermo dal presidente della Commissione Sanità, Giuseppe Di Giacomo e dall’assessore Borsellino. A loro il primo cittadino chiederà, nell’ambito delle deroghe di competenza della Regione, non solo il mantenimento, ma anche il potenziamento del reparto a Bronte. 
All’incontro parteciperà anche l’on. Anthony Barbagallo.
“La nostra è una richiesta legittima. – spiega il sindaco - Il Punto nascita dell’ospedale di Bronte è al servizio di un comprensorio di circa 50 mila abitanti che, per caratteristiche orografiche, soffre di oggettive difficoltà nei collegamenti. Oltre a ciò è bene ribadire un principio: se dobbiamo chiudere tutte le strutture dove nascono meno di 500 bambini l’anno è bene che prima queste devono essere messe in condizioni di pari opportunità con le altre. Non è pensabile, infatti, che un ospedale come quello di Bronte, dove ci sono lavori che durano da 8 anni ed è evidente una carenza di medici e strutture riesca a raggiungere l’obiettivo prefissato. Questo – conclude il primo cittadino - il Ministero deve considerarlo”.
Poi Calanna chiama all’appello la città tutta e le forze politiche: “La città verrà subito informata sull’esito del colloquio che avrò oggi con l’assessore Borsellino, che ringrazio per avermi ricevuto immediatamente. Io so già, infatti, che la società civile di Bronte è pronta alla mobilitazione, ma io faccio appello anche a tutte le forze politiche, al di là dell’appartenenza politica, perché la difesa dell’ospedale non può avere bandiere di partito. Per questo motivo questa mattina ho personalmente telefonato al Sottosegretario di Stato all’Agricoltura, Giuseppe Castiglione affinché convinca il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin che è del suo partito, a rivedere il documento, programmando non la soppressione di reparti, ma il potenziamento dell’ospedale di Bronte, a vantaggio dell’intero versante nord dell’Etna”.
Il sindaco Calanna oggi ha anche chiamato i colleghi sindaci e presidenti dei Consiglio comunali del territorio. “Con loro, - spiega - subito dopo l’incontro con la Borsellino, organizzeremo un vertice assieme alle sigle sindacali, le associazioni ed i circoli della Città. E’ insieme che affronteremo questo problema con un solo obiettivo: salvare il Punto nascita dell’ospedale di Bronte”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto  
Data Comunicato 22/06/2015
Titolo PROCLAMATO IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE
Testo
BRONTE – (22 giugno 2015) – Finalmente ogni dubbio è stato sciolto. Il presidente dell’Ufficio elettorale centrale, il dott. Antonio Zarrillo, ieri mattina ha proclamato il nuovo Consiglio comunale di Bronte, spazzando via tutte le perplessità sull’assegnazione dei seggi da parte dei leader politici.
Questa la composizione del Consiglio comunale:  Antonio Leanza e Vittorio Triscari della lista “Sicilia democratica – Tu Leanza”, Ernesto Di Francesco, Antonino Galati,  Samanta Longhitano, Antonio Petronaci e Rosario Liuzzo della lista “Guardiamo avanti insieme”, Enza Meli, Salvatore Luca, Giuseppe Di Mulo, Angelica Catania e Gaetano Messina della lista “Pd Udc”, Pina Pagano eletta nella lista “Biuso sindaco”, Franco Catania primo degli eletti nella lista “Io amo Bronte”, Massimo Castiglione e Angelica Prestianni eletti nella lista “Bronte viva”, Carlo Maria Castiglione eletto nella lista “Giovani cambiamo il futuro”, Salvatore Calamucci e Maria De Luca eletti nella lista “Noi Bronte”, ed infine Franco Valeria del Movimento 5 stelle.
Quindi non Antonio Currao candidato nella lista Pd – Udc come previsto in prima battuta, ma ad essere eletto è stato Rosario Liuzzo candidato nella lista “Guardiamo avanti insieme”    
“Siamo al servizio di Bronte e dei brontesi. – ha affermato la prima degli eletti con 419 voti di preferenza Enza Meli – E’ giusto rivolgere un sincero ricordo nei confronti dei colleghi consiglieri che non sono stati rieletti: amministrare in periodi di crisi non è facile”.
Ed al Consiglio comunale sono giunti gli auguri da parte del sindaco Graziano Calanna che ha voluto consegnare personalmente ai consiglieri eletti la notifica dell’avvenuta proclamazione: “Auguro a tutti gli eletti un buon lavoro. -  ha affermato il sindaco – Chi si candida per amministrare la cosa pubblica assume la responsabilità di rappresentare i cittadini, facendo proprie le legittime istanze che possano da questi provenire. Ed io, certo del contributo che potrà venire dall’assemblea cittadina, so già che non mancherà il dialogo, per dare al Bronte il meglio possibile”.             
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto  
Data Comunicato 19/06/2015
Titolo CALANNA HA RICEVUTO IL COLLEGA DI MANIACE ANTONINO CANTALI
Testo
BRONTE – (19 giugno 2015) – Due sindaci tanti progetti per il territorio. Il sindaco di Bronte, Graziano Calanna questa mattina ha ricevuto la visita del collega di Maniace, Antonino Cantali, anch’egli eletto durante le ultime amministrative. Presenti i consiglieri comunali Salvino Luca ed il neo eletto Nino Galati, quest’ultimo in passato consigliere comunale ed assessore a Maniace.
“Con il collega Cantali, ci siamo reciprocamente fatti gli auguri per il mandato – ha affermato Calanna alla fine dell’incontro - sancendo però un principio fondamentale. 
Il territorio ha bisogno dell’azione sinergica dei sindaci che operano a stretto contatto la gente e conoscono i loro problemi. Ci sono degli obiettivi comuni che bisogna affrontare insieme per avere maggiore forza. E Bronte e Maniace quando si parla di crescita e sviluppo del territorio da oggi avranno una voce sola”.               
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto  
Data Comunicato 18/06/2015
Titolo CALANNA HA INCONTRATO I VERTICI DELL'OSPEDALE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (18 giugno 2015) – “Percorso diagnostico-terapeutico ed assistenza domiciliare non solo per i cardiopatici o i malati cronici, ma per tutti i pazienti che soffrono di qualsiasi patologia e non hanno un’adeguata assistenza”. E’ la richiesta forte che il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha rivolto ai vertici dell’ospedale di Bronte e del Distretto sanitario. Il primo cittadino, infatti, ad appena 24 ore dalla sua proclamazione, ha incontrato in Comune il dott. Salvo Calì, coordinatore sanitario dell’ospedale di Bronte, giunto con il dott. Renato Passalacqua ed il dott. Vito D’Urso del Distretto sanitario di Bronte. All’incontro hanno anche partecipato i consiglieri comunali Vittorio Triscari e Salvino Luca. Durante il vertice il dott. Calì ha anticipato i lusinghieri risultati del progetto che i medici dell’ospedale e del Distretto sanitario, da circa 2 anni effettuano con la collaborazione dei medici di famiglia a favore dei cardiopatici. Risultati che saranno resi noti il 18 luglio in un convegno che si terrà nel Castello Nelson. “Oggi l’ospedale – ha affermato il dott. Calì - coinvolgendo i medici di base, mette a disposizione dei pazienti con scompenso cardiaco una apposita equipe medica che garantisce tutto il percorso diagnostico-terapeutico educativo, organizzando gli appuntamenti, gli incontri, l’assistenza domiciliare e sollevando così il paziente da ogni difficoltà organizzativoburocratica”. “Un servizio che abbiamo avuto modo di apprezzare – ha ribadito il sindaco Calanna – e che bisogna applicare anche alle altre patologie e non solo croniche. Spesso nelle famiglie, infatti, le difficoltà si moltiplicano all’insorgere di problemi di salute. E le istituzione hanno il dovere di stare loro vicine. Del resto, come per i cardiopatici, la collaborazione fra medici di base e dell’ospedale anche per altre patologie garantirà una migliore assistenza sanitaria e soprattutto abbatterà i costi di gestione dell’ospedale, limitando i continui ricorsi al Pronto soccorso”. Idea che, pur rappresentando una piccola rivoluzione nei servizi sanitari, è piaciuta e che nelle prossime settimane sarà vagliata nei dettagli.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 18/06/2015
Titolo La proclamazione del Consiglio Comunale rinviata a lunedì 22 giugno
Testo BRONTE – (18 giugno 2015) – Si avverte che la proclamazione del Consiglio comunale di Bronte, già prevista per sabato 20 giugno alle ore 10,30 nella sala consiliare Nicola Spedalieri, è stata rinviata a lunedì 22 giugno alla stessa ora.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto 
Data Comunicato 15/06/2015
Titolo GRAZIANO CALANNA E' IL NUOVO SINDACO DI BRONTE
Testo
BRONTE – (17 giugno 2015) – Tantissimi giovani questa mattina hanno partecipato alla proclamazione ufficiale del neo sindaco di Bronte, Graziano Calanna. Un lungo applauso si è levato quando il presidente dell’Ufficio elettorale centrale, il dott. Antonio Zarrillo, ha reso ufficiale l’investitura, consegnando la fascia tricolore con lo stemma della Repubblica e del Comune al neo sindaco. Presenti alla cerimonia il padre Nunzio Calanna e la mamma Tania Cusmano entrambi particolarmente emozionati, assieme alla moglie del neo sindaco, Claudia Bonaventura, presente con il figlioletto di pochi anni Giordano Nunzio. Con loro gli assessori designati Antonio Leanza, Francesco Bortiglio, Nuccio Biuso e Angela Saitta e tanti futuri consiglieri comunali. “Inizia una nuova era basata sul rispetto dei principi ribaditi in campagna elettorale, ovvero la partecipazione, la condivisione, l’onesta e la lealtà. – ha affermato il neo sindaco - La prima attenzione deve essere per forza rivolta alle persone che stanno male. In campagna elettorale ho potuto constatare come esistano delle realtà che non conosciamo e che nel silenzio e nella solitudine vivono veri momenti di difficoltà. Costoro hanno bisogno di sentire più vicine le istituzioni e noi faremo il possibile per aiutarli, perché è dovere della politica rispondere alle esigenze dei cittadini in difficoltà”. Poi Calanna ha ringraziato la sua squadra che gli ha permesso di vincere le elezioni: “Hanno compiuto un grande gioco di squadra. E’ stato bello vedere tanti amici e tantissimi giovani durante la campagna elettorale battersi per un progetto ed è ancora più bello oggi vederli qui. Insieme con loro e con la città tutta amministreremo questo paese con un solo obiettivo: il bene comune”. E sabato 20 giugno alle 10,00 verrà proclamato il nuovo Consiglio comunale. Ed in tanti attendono le decisioni dell’ufficio centrale per conoscere la composizione ufficiale della nuova assemblea cittadina.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 11/06/2015
Titolo Firrarello ai produttori di pistacchio: "Una legge che vi aiuti"
Testo
Data Comunicato 10/06/2015
Titolo Una violenta grandinata ha dimezzato la produzione di pistacchio
Testo