AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 29/09/2015
Titolo LA REGIONE CONCEDE LA DEROGA ALLA CHIUSURA DEL PUNTO NASCITA DELL’OSPEDALE
Testo
BRONTE – (29 settembre 2015) – La notizia che a Bronte aspettavano da tempo è arrivata oggi, quando al sindaco Graziano Calanna è stato ufficialmente comunicato che il Punto nascita dell’ospedale per adesso non verrà chiuso.
Il Dipartimento per la pianificazione strategica dell’assessorato alla Salute, infatti, ha inviato una nota al Direttore generale dell’Asp di Catania, comunicando la deroga alla chiusura del servizio prevista per oggi, fino alla fine dell’anno.
Altri 3 mesi di sopravvivenza quindi, con la gente che si augura che non venga chiuso più.
“A seguito delle evidenze rappresentate dal sindaco – si legge nella nota – con particolare riferimento alle difficoltà della viabilità nel periodo invernale, questo Assessorato ha avanzato nuovamente istanza di deroga alla chiusura del Punto nascita di Bronte al ministero della Salute. Fermo restando – si continua a leggere nella nota – che la struttura deve garantire gli standard di sicurezza previsti dalla normativa, requisito fondamentale per la continuazione del servizio”.
“Dobbiamo ringraziare l’on. Anthony Barbagallo e l’assessore regionale Baldo Gucciardi per aver accolto le richieste mie e dell’intero territorio. – ha affermato il sindaco Calanna – Ma abbiamo vinto solo la prima battaglia. Le altre per difendere sia il Punto nascita, sia l’intero ospedale la combatteremo giorno 7 ottobre, quando assieme all’on. Barbagallo sarò ricevuto dal sottosegretario di Stato alla Salute Vito De Filippo.
A Roma – continua il primo cittadino - spiegherò quanto importante sia l’ospedale per un intero territorio di oltre 50 mila abitanti.  Un territorio che chiede un ospedale capace di soddisfare le esigenze di una popolazione distante dai grandi centri anche a causa di una mobilità nervosa ed anacronistica. Per adesso ci godiamo questa vittoria – conclude Calanna – che ci conferisce fiducia e determinazione per il futuro. Bronte e l’intero territorio nord dell’Etna hanno diritto ad avere un ospedale vero. Faremo il possibile affinché il Castiglione Prestianni venga potenziato”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 27/09/2015
Titolo L’ EXPO DEL PISTACCHIO VINCE LA SUA PRIMA SFIDA
Testo
BRONTE – (27 settembre 2015) – L’ “Expo del pistacchio dop di Bronte” vince la sua sfida.
Oggi primo vero bagno di folla, per una manifestazione nuova  che non ha tradito le attese.
In verità anche sabato i turisti hanno affollato gli stand all’interno del Polo di Eccellenza del pistacchio in piazza Spedalieri, ma oggi ogni dubbio sulla riuscita della manifestazione è stato fugato e la via Umberto, anche se libera dagli stand, è stata costantemente affollata dai turisti.
“Noi non abbiamo mai avuto dubbi. – ha affermato più che soddisfatto il sindaco Graziano Calanna – Sapevamo che i turisti avrebbero apprezzato il nuovo look di un evento che non si chiama Expo solo per una questione di moda, ma perché vuole essere un’esposizione vera, importante, dal carattere internazionale del nostro Oro verde”.
I turisti percorrendo via Umberto, infatti, arrivavano direttamente in piazza Spedalieri per gustare le delizie al pistacchio. Gli stand dei prodotti tipici nelle piazze Liuzzo e Saitta, come quelli della gastronomia poste al parco Urbano, presi comunque d’assalto dai visitatori, sembravano quasi non voler disturbare l’atmosfera al verde pistacchio che ha caratterizzato tutto l’evento.
Non sono mancati i momenti culturali con un importante convegno dal titolo “Consorzio di tutela del pistacchio Dop” cui hanno partecipato il presidente del Consorzio di Bronte Biagio Schilirò, l’imprenditore agricolo La Mantia della Cia, l’on. Anthony Barbagallo ed il presidente della commissione Attività produttive dell’Ars, Bruno Marziano.
Adesso appuntamento a venerdì 3 ottobre quando l’Expo riaccenderà i motori per il week and conclusivo.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 25/09/2015
Titolo INAUGURATO IL PRIMO EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (25 settembre 2015) – E’ stato inaugurato il primo Expo del pistacchio di Bronte dop.
A tagliare il nastro inaugurale è stato il sindaco di Graziano Calanna, insieme al presidente del Consiglio comunale, Nino Galati, alla Giunta municipale ed a numerosi componenti del Consiglio comunale.
Presenti all’inaugurazione i rappresentanti delle Forze dell’Ordine che operano nel territorio e numerosi ospiti. Fra questi i sindaci di Maletto, Salvatore Barbagiovanni, quello di Pedara, Antonio Fallica e quello di Roccella Valdemone, Antonino Pillera. 
Circa 80 gli stand collocati nelle piazza Spedalieri, Cappuccini, Saitta e Liuzzo. Nel Parco Urbano è stato sistemato il settore della  gastronomia, mentre piazza Castiglione sarà teatro dei concerti.
“Ormai è noto. – ha affermato il sindaco Calanna – L’Expo meglio della sagra paesana si presta a promuovere un prodotto tipico con il nostro pistacchio che è apprezzato in tutto il mondo. Come vedete il Corso Umberto è libero dagli stand, se ne avvantaggerà la sicurezza e darà il giusto risalto al Polo di eccellenza del pistacchio posto in piazza Spedalieri. Qui ci sono gli stand delle aziende più famose e rinomate di Bronte che confezionano pistacchio, vero protagonista di un evento, cui noi affianchiamo il territorio, la nostra ospitalità ed in nostri beni culturali ed ambientali”.
Domani diversi appuntamenti. Alle 10 del mattino apriranno gli stand fra una divertente animazione. Da segnalare alle 17 il convegno “Agricoltura, ambiente, salute e benefici del pistacchio” nella Pinacoteca Nunzio Sciavarrello. Poi ancora musica con la banda San Biagio e spettacolo con i trampolieri per le vie dell’Expo, fino allo spettacolo di fuoco in piazza Rosario e il concerto in piazza Spedalieri.
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 24/09/2015
Titolo PRESENTATO ALLA STAMPA L’EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (23 settembre 2015) – E’ iniziata a Bronte l’era dell’“Expo del pistacchio dop”.
Nell’incantevole scenario offerto dal Castello Nelson, il sindaco Graziano Calanna, ha presentato alla stampa palinsesto e filosofia di un evento che si lascia alle spalle le caratteristiche della sagra per indossare le vesti dell’esposizione internazionale.
Alla presentazione, insieme con il sindaco, il presidente del Consiglio comunale Nino Galati e la giunta municipale, composta dal vice sindaco Angela Saitta e dagli assessori Francesco Bortiglio e Nuccio Biuso organizzatore dell’evento.
“Dal 25 al 27 settembre e dal 2 al 4 ottobre Bronte si trasformerà in una grande vetrina del verde pistacchio dop. – ha affermato quest’ultimo – In onore del nostro Oro verde abbiamo messo su un palinsesto di iniziative che renderanno viva la festa, ma anche tante manifestazioni culturali, se è vero che la Pinacoteca Nunzio Sciavarrello sarà sede di diversi convegni”.
Ma è stato il sindaco a spiegare gli aspetti precipui di un evento che passerà certamente nella storia della valorizzazione dell’economia agricola brontese: “Il protagonista vero – ha affermato Graziano Calanna – sarà il pistacchio e le aziende brontesi che lo hanno reso famoso in tutto il mondo. Se ci sono Paesi in cui il nostro pistacchio si vende anche 150 euro al chilo, un motivo ci sarà. Per questo abbiamo allestito il Polo di eccellenza del pistacchio in piazza Spedalieri. I turisti che lo visiteranno troveranno le migliori aziende brontesi a garanzia di qualità e gusto.
Abbiamo guardato anche alla sicurezza dei nostri visitatori, - ha continuato il sindaco - perché decidendo di lasciare libero il corso Umberto, permetteremo eventualmente anche alle ambulanze di arrivare velocemente. Oltre a piazza Spedalieri, la festa sarà in piazza Cappuccini con l’area gourmet, nelle piazze Saitta e Liuzzo dove ci saranno  i prodotti tipici e nel parco Urbano sede della la gastronomia. A piazza Castiglione il compito di ospitare i concerti”.
Intanto il sindaco ha annunciato che ci sarà un concorso di idee per individuare il nuovo simbolo dell’Expo del pistacchio, il cofanetto che ha caratterizzato le ultime sagre, infatti, il prossimo anno andrà in pensione. Un Expo animato anche dai ragazzi della sede distaccata di Maniace dell’istituto Giovanni Falcone che alla presentazione alla stampa hanno sfilato con costumi d’epoca e con abiti che in onore dell’Expo di Milano richiamavano il cibo..

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 22/09/2015
Titolo CONFERENZA STAMPA EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (22 settembre 2015) – Cresce a Bronte la febbre per la festa più verde dell’autunno etneo. Venerdì 25 settembre, alle ore 18, il sindaco Graziano Calanna, taglierà il nastro inaugurale per primo “Expo del pistacchio” della storia di Bronte. Gli stand rimarranno aperti per questo week and e per il prossimo, perché la festa brontese si svolgerà dal 25 al 27 settembre e dal 2 al 4 ottobre.   
Una manifestazione nuova, nel nome e nei contenuti, pronta a soddisfare le esigenze dei turisti che non perderebbero mai la vetrina al buonissimo pistacchio di Bronte.
E domani pomeriggio alle 17 la conferenza stampa di presentazione dell’evento fra le imponenti mura del Castello Nelson che ci ricorda che Bronte non è solo pistacchio, ma anche cultura. “Abbiamo allestito un palinsesto di iniziative particolarmente allettante – ci dice l’assessore Nuccio Biuso – fatto di spettacoli concerti ed anche momenti culturali. La pinacoteca Nunzio Sciavarrello, per esempio, sarà sede di diversi convegni. Parleremo del pistacchio, del Consorzio del pistacchio dop, ma anche nei sentieri del Parco dell’Etna. L’Expo – conclude - darà l’occasione per assaggiare il pistacchio ed ammirare un territorio unico e ricco di cultura”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 19/09/2015
Titolo VENERDÌ’ 25 SI INAUGURA L’ EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (19 settembre 2015) – Conto alla rovescia a Bronte in attesa dell’inaugurazione del primo “Expo del pistacchio”, la vetrina brontese dell’Oro verde dop, che quest’anno prende il posto della sagra.
Già mercoledì 23 alle ore 17, nell’incantevole scenario offerto dal Castello Nelson si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della manifestazione, diversa non solo per il nome.
“Ai media – ci dice il sindaco Graziano Calanna, che ha voluto e programmato la rivoluzione – faremo conoscere i rappresentanti delle aziende brontesi  che animeranno il Polo di eccellenza del pistacchio in piazza Spedalieri. Quest’anno saranno loro i protagonisti della manifestazione perché al centro di tutto ci sarò il pistacchio, vero big di un evento che si lascia alle spalle la sagra paesana e punta a diventare un’esposizione internazionale di un prodotto di élite”.
L’inaugurazione è prevista venerdì 25 alle ore 18 nel viale Catania, dove si trovano gli stand istituzionali. Da quel momento il verde pistacchio brontese sarà festeggiato da concerti, esibizioni, mostre e convegni culturali.
E se il corso Umberto per la prima volta dopo tanti anni sarà libero dagli stand (c’è ne sarà solo qualcuno di artigianato d’arte nelle zone più ampie e nelle piazze limitrofe), i turisti arrivando in piazza Spedalieri troveranno il vero e buono pistacchio di Bronte, in tutte le forme e confezioni che hanno reso celebri le aziende brontesi.
Poi in piazza Cappuccini l’area gourmet, nelle piazze Saitta e Liuzzo i prodotti tipici, ed al parco Urbano la gastronomia. I concerti di rilievo tutti  in piazza Castiglione.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 16/09/2015
Titolo GRAZIANO CALANNA: “NIENTE NUOVE TASSE, MA UNA DURA LOTTA ALL’EVASIONE
Testo
BRONTE – (16 settembre 2015) – “Con una severa lotta all’evasione, soprattutto per i redditi più alti, e gli opportuni tagli alla spesa, ricaveremo anche fondi da utilizzare nei servizi sociali a vantaggio delle fasce più deboli”.
E’ il messaggio che il sindaco, Graziano Calanna, alla presenza della Giunta e dei consiglieri comunali Enza Meli, Antonio Petronaci, Ernesto Di Francesco e del presidente del Consiglio comunale, Nino Galati, ha rivolto alle organizzazioni sindacali, riunite in un tavolo tecnico per esaminare il bilancio.
“Quest’anno – ha affermato il sindaco –Stato e Regione complessivamente hanno ridotto i trasferimenti per circa 800 mila euro. Questo ci costringe a mettere in atto un intervento drastico per mantenere il bilancio in equilibrio e non rischiare di sforare il patto stabilità. Lo stesso, avanzo di amministrazione di 630 mila euro ereditato dalla precedente gestione, ovvero il “tesoretto” tanto sbandierato tempo fa, è bastato appena per pagare un mese di stipendi ai dipendenti. Se la ricognizione di cassa l’avessimo fatta il mese successivo, infatti, non avremmo, trovato nulla”.
In queste difficili condizioni economiche l’Amministrazione Calanna è stata costretta a prendere le prime decisioni. “Il provvedimento più semplice da adottare – spiega - era tassare ulteriormente i cittadini ed applicare la Tasi, ma ci siamo rifiutati. Così abbiamo deciso di effettuare tagli della spesa, recuperando altri fondi grazie al lavoro del nostro esperto in bilancio, Nunzio Spanò, che ci permetterà di scovare l’evasione”.
In pratica il Comune si è accorto che esiste un’evasione di Imu sulle aree edificabili che gli uffici hanno quantificato in circa 2 milioni e 800 mila euro.
“Noi – spiega Calanna – ne chiederemo la riscossione, ipotizzando per prudenza di incassarne appena la metà. Questo ci permetterà di riportare il bilancio in equilibrio, senza tassare ulteriormente i cittadini, ma soltanto pretendendo il dovuto da chi è obbligato a pagare le tasse”.
Concordi i sindacati sulla necessità di un fisco più equo e su un punto per il sindaco importante: “L’ho sempre ribadito in campagna elettorale, – infatti, conclude Calanna – se dalla lotta all’evasione dovessimo incassare di più rispetto alle previsioni, destineremo il ricavato ai Servizi sociali a vantaggio delle fasce più deboli”.
Quindi niente Tasi per i cittadini brontesi e neanche aumenti dell’Imu per la seconda casa che a Bronte resta ferma all’8,6 per mille.
Per equilibrare il bilancio si punta tutto quindi sul recupero dell’evasione Imu per i terreni edificabili. Come dire e bene che tutti paghino affinché tutti paghino di meno: “In verità – conclude Calanna – non è colpa dei cittadini se non hanno pagato l’Imu sui terreni edificabili. Questa imposta non è mai stata chiesta”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 16/09/2015
Titolo LA SAGRA CAMBIA NOME. INIZIA L’ERA DELL’EXPO
Testo
BRONTE – (16 settembre 2015) – Fervono a Bronte i preparativi per il primo “Expo del Pistacchio 2015”, la manifestazione che ha sostituito la tradizionale sagra nel nome e nei contenuti. Le date sono dal 25 al 27 settembre e dal 2 al 4 ottobre e la festa sarà completamente diversa.  
“Non più Sagra, ma “Expo del pistacchio” – afferma il sindaco Graziano Calanna - per restituire alla manifestazione il giusto tratto distintivo di un prodotto di nicchia che ha un grande valore internazionale. Anche per questo l’Expo del pistacchio, a differenza della Sagra, abbraccerà la maggior parte delle piazze della cittadina, liberando così il corso Umberto per essere ammirato dai turisti. Ma l’aspetto più significativo sta nel fatto che il pistacchio torna ad essere il vero protagonista dell’evento. Piazza Spedalieri, infatti, farà da scenario al «Polo di eccellenza» del Verde Pistacchio. Qui si concentrano gli stand delle più rinomate imprese che producono prelibatezze al pistacchio”.
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 10/09/2015
Titolo VERTICE IN COMUNE FRA IL SINDACO ED IL MONDO DELLA SCUOLA
Testo
BRONTE – (10 settembre 2015) – Vertice questa mattina al Comune di Bronte fra l’Amministrazione comunale ed i dirigenti scolastici che lunedì si avviano a dare vita al nuovo anno scolastico.
Il sindaco Graziano Calanna ed il vice sindaco nonché assessore alla Pubblica istruzione, Angela Saitta, alla presenza anche del consigliere, Maria De Luca, hanno garantito massima attenzione verso il mondo della scuola, annunciando di aver adottato già diversi provvedimenti.
“Il mondo della scuola troverà in noi un sicuro punto di riferimento. – ha affermato il sindaco Calanna  - Siamo pronti anche a garantire anche il necessario appoggio economico nel rispetto della risorse a disposizione e delle esigenze della collettività. Sappiate però – ha concluso – che quest’anno abbiamo ricevuto ben 850 mila euro in meno di risorse dalla Stato”.
E nonostante le difficoltà, già diverse le iniziative avviate: “Stiamo effettuando – ha affermato l’assessore Saitta – una ricognizione sullo stato degli edifici scolastici per effettuare i necessari lavori di manutenzione e riconfermeremo il contributo per il mantenimento delle scuole materne, elementari e medie.
Ma non solo, - ha continuato  - le famiglie possono già richiedere i tesserini per lo scuolabus che già da lunedì sarà in servizio. I primi giorni di ottobre, inoltre, erogheremo pure il contributo per i libri di testo. Importante sapere – ha concluso l’assessore - che nonostante le difficoltà anche quest’anno sarà garantito il servizio di assistenza igienico sanitario”.
Alle scuole anche la proposta di aderire a diversi progetti e di partecipare il 2 ottobre all’Expo del pistacchio, la vetrina brontese che dal 25 al 27 settembre e dal 2 al 4 ottobre metterà in mostra il pistacchio più buono al mondo.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 09/09/2015
Titolo A BRONTE LE PICCOLE CONDANNE SI POSSONO CONVERTIRE IN LAVORI SOCIALMENTE UTILI
Testo
BRONTE – (9 settembre 2015) – I condannati per reati minori, che otterranno l’autorizzazione della Magistratura, potranno chiedere di svolgere a Bronte lavori socialmente utili senza retribuzione in sostituzione della pena da espletare.
La Giunta municipale, guidata dal sindaco Graziano Calanna, ha approvato la convenzione con l’Uepe (Ufficio di esecuzione penale esterna). Nel protocollo si evince che i condannati che ne fanno richiesta ed ottengono il si del Giudice possono scontare la propria pena svolgendo a Bronte lavori di pubblica utilità non retribuiti a vantaggio delle collettività. Gli obiettivi sono molteplici: la sensibilizzazione verso il patrimonio della comunità, la promozione di attività “riparative” a favore della collettività, oltre ad un sano reinserimento dei soggetti sottoposti a provvedimenti penali.            
“Si tratta, - ci dice il sindaco Graziano Calanna - oltre che di interventi utili per la comunità, di un’occasione di riscatto sociale per la persona che li eseguirà. Il Comune di Bronte da tempo insegue questo obiettivo senza raggiungerlo. Oggi finalmente ci siamo riusciti. Ovviamente parliamo di persone che hanno commesso piccoli reati e che sono in grado di intraprendere un percorso realmente virtuoso al fine di una adeguata riabilitazione. La legge, infatti, – continua il sindaco – prevede che la messa alla prova di coloro che hanno sbagliato possa comportare l’affidamento ai servizi sociali per lo svolgimento di un programma che possa implicare, tra l’altro, attività di volontariato. E la concessione della messa alla prova, inoltre è subordinata alla prestazione di un lavoro di pubblica utilità per la collettività, ovviamente non retribuita”.
Approvata la convenzione adesso sarà l’Uepe a segnalare al Comune i soggetti che hanno aderito alla misura alternativa, vigilando sulla loro condotta e sul reale svolgimento dei lavori. Il Comune, invece, dovrà individuare gli ambi del suo impiego, sostenendo soltanto i costi dell’assicurazione del lavoratori contro gli infortuni.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 02/09/2015
Titolo CALANNA OTTIENE DAL PREFETTO MAGGIORI CONTROLLI PER LA RACCOLTA DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (2 settembre 2015) – L’esodo dei brontesi nelle campagne per la tradizionale raccolta del pistacchio anche quest’anno sarà reso più sicuro. 
Le Forze dell’Ordine nei prossimi giorni intensificheranno durante tutto l’arco delle 24 ore i servizi nelle campagne nelle quali si produce il prezioso “Oro verde”, per scoraggiare l’azione dei ladri, attirati dalla grande quantità di pistacchio raccolto e posto ad asciugare.
Questo l’esito del vertice tenuto a Catania nella stanza del Prefetto, Maria Guia Federico, cui, oltre al Prefetto, hanno partecipato  il colonnello Alessandro Casarsa, comandante provinciale dei Carabinieri di Catania ed il sindaco di Bronte, Graziano Calanna.
E’ stato il primo cittadino a chiedere l’incontro, prima di tutto per presentarsi al Prefetto ad appena qualche mese dal suo insediamento, ma soprattutto per sottoporre al “Governo del territorio” diversi problemi della sua cittadina: “Per Bronte la raccolta del pistacchio è una tradizione che si tramanda da tempo. – ha affermato Calanna  durante il vertice – Ogni 2 anni, nel mese di settembre, chiunque possegga un pistacchieto si trasferisce in campagna, che all’improvviso si popola di produttori ed operai. 
Tutti – continua - rimangono nei rustici anche durante la notte, a guardia del prezioso raccolto che fa gola ai ladri. 
Ovvio che questa situazione implica problemi di sicurezza di diversa natura.  
In passato, infatti, è capitato si siano verificati furti, con significativo danno per i produttori, ed un sindaco ritengo che abbia il dovere di cercare di garantire, ove possibile, la sicurezza dei suoi cittadini”.
Ed il Prefetto ha accolto le richieste del primo cittadino, assicurando che inizierà prima possibile una imponente operazione di controllo del territorio dedito alla coltivazione del pistacchio, con le Forze dell’Ordine che controlleranno le strade non solo attraverso posti di blocco ed operazioni di controllo, ma anche con l’ausilio di mezzi aerei.
“Come gli anni scorsi – ha affermato il Prefetto rivolgendosi al sindaco – lo Stato non si sottrarrà allo sforzo di garantire un efficace controllo del territorio nelle campagne di Bronte. Dobbiamo ringraziare i carabinieri e le Forze dell’Ordine per il quotidiano impegno a difesa della legalità”.
Soddisfatto il sindaco che ha ringraziato il Prefetto il comandante Casarsa per aver accolto le sue richieste. “Bronte – ha concluso – sente che lo Stato è veramente vicino”.

L’Addetto stampa 
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 01/09/2015
Titolo FINALE REGIONALE DI MISS ITALIA
Testo
BRONTE – (1 SETTEMBRE 2015) – Clara Cimarella, 22 anni di Aci Sant’Antonio e Chiara Ferrara, 19 anni di Messina, elette rispettivamente Miss Cotonella e Miss Cinema Sicilia est, hanno conquistato il diritto a partecipare alle prefinali al concorso di Miss Italia che si svolgeranno il 18 e 19 settembre a Iesolo. 
Questo il verdetto della finale regionale “Sicilia est” svolta a Bronte nell’incantevole scenario del Castello Nelson. 
A concorrere insieme a Clara e Chiara, altre 12 miss: Paola Scarlata di 18 anni di Nicosia, Francesca Spallino 21 anni di Roma, Miriam Torrisi di 19 anni di Nicolosi, Alessandra Costa 26 anni di Agira, Camilla Coppola 20 anni di Catania, Valeria Nicotra 19 anni di Catania, Marica Pandolfo 18 anni di Nicosia, Silvia Vita 20 anni di Agrigento, Anna Platania 19 anni di  Catania, Greta Carbonaro 21 anni di Nicolosi, Jessica Conti Nibali 23 anni di Naso, Giuliano Tosto 23 anni di Monterosso.
La serata organizzata da Francesco Laudani e presentata da Gaetano Naselli ha visto come ospiti d’eccezione la danzatrice Erica e Sara Battisti che lo scorso sanno al concorso di Miss Italia è arrivata quinta.
Alle fine queste le classifiche. Per il concorso Miss Cotonella: 1) Clara Cimarella, 2) Alessandra Costa, 3) Francesca Spallino, 4) Marika Pandolfo, 5) Silvia Vita.
Per il concorso di Miss Cinema: 1) Chiara Ferrara, 2) Jessica Conti Nibali, 3) Miriam Torrisi, 4) Giuliana Tosto, Greta Carbonaro.
“Miss Italia per noi è il concorso di bellezza per eccellenza, - hanno affermato il sindaco Graziano Calanna e l’assessore Nuccio Biuso – Oggi abbiamo l’onore di ospitarlo a Bronte nell’incantevole scenario offerto da questo Castello che per noi profuma di storia e che oggi è teatro di bellezza”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto

Data Comunicato 01/09/2015
Titolo LA SAGRA DEL PISTACCHIO CAMBIA NOME
Testo
BRONTE – (1 SETTEMBRE 2015) – Eccole le date dell’attesa festa dell’Oro verde di Bronte che si celebra in autunno. La cittadina si trasformerà in una vetrina al pistacchio dal 25 al 27 settembre e dal 2 al 4 ottobre.
I golosi al pistacchio però si abituino: la festa cambia nome. Non più “Sagra del pistacchio”, ma “Expo del pistacchio 2015”.
“Il cambio nel nome non è un fatto formale – ha affermato il sindaco Graziano Calanna – ma sostanziale. Il concetto di Sagra da più l’idea di una festa paesana, la nostra invece è l’esposizione di un prodotto di nicchia che ha un grande valore internazionale”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto