AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 31/01/2016
Titolo GRAZIANO CALANNA CON I SINDACI: “L’ASP CI PRESENTI IL CRONO PROGRAMMA PER POTENZIARE IL PUNTO NASCITE”
Testo
BRONTE – (31 GENNAIO 2016) – Nasce nel versante nord ovest dell’Etna un osservatorio permanente a difesa del Punto nascite e dell’intero ospedale di Bronte, costituito da un territorio che non si considera “periferia del mondo salute”.
Ad annunciarlo è stato il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, che ieri in piazza Spedalieri ha riunito i sindaci e la società civile del comprensorio per ribadire che non si abbasserà la guardia fino a quando il Punto nascite non sarà potenziato e riattivato.
“A questa manifestazione – ha esordito Calanna – abbiamo invitato tutta la deputazione nazionale e regionale. Alcuni ci hanno fatto pervenire la propria vicinanza come gli onorevoli Concetta Raia, Anthony Barbagallo, Angelo Villari, Gino Ioppolo, Basilio Catanoso e Nello Musumeci. Altri come Alfio Papale e Francesco Cappello sono qui con noi. Questa non è una manifestazione contro qualcuno, ma il Ministero ci ha concesso appena 90 giorni di tempo per potenziare il Punto nascite, ne sono passati già 30 senza risultati ragguardevoli. Vero è – continua - che sono stati pubblicati i bandi per le assunzioni dei medici, ma dubito che questi in poco tempo possano essere in servizio. Ed allora che l’Asp ci sottoponga e rispetti un crono programma e dica quali sono le risorse necessarie e chi deve garantirle, solo allora saremo più tranquilli”.
Concetto condiviso dai sindaci di Maletto, Randazzo, San Teodoro, Maniace, Cesarò e Roccella Valdemone. E se l’ex sindaco Pino Firrarello, ha ricordato il suo impegno ed il lavoro che in questo momento l’Asp sta svolgendo, l’on. Papale ha ribadito quanto importante sia l’ospedale di Bronte anche a causa della difficile viabilità di montagna e l’on. Cappello ha sottolineato quanto importanti siano i Punti nascita e nefasta l’idea di chiuderne alcuni.
“Troppo pochi 3 mesi di tempo per potenziare il servizio. – ha concluso Calanna – Sarebbe servito almeno un anno”.
Alla manifestazione presente anche il “Comitato civico per la difesa dell’ospedale” con il presidente Biagio Venia che intende allargarlo ai Comuni del territorio.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 31/01/2016
Titolo SI E’ BRUCIATA LA POMPA DEL POZZO DI CONTRADA MUSA
Testo
BRONTE – (31 GENNAIO 2016) –Dopo 10 anni di impeccabile ed ininterrotto servizio si è bruciata la pompa di uno dei 2 pozzi di acqua potabile di contrada Musa. Così, oggi, nel quartiere di Borgonuovo e nella contrada Difesa, si sono registrati dei disservizi.
Il guasto si è verificato durante la notte e questa mattina i tecnici del Comune si sino accorti che la pompa era ferma e che nella rete mancavano i 18 litri di acqua al secondo provenienti dal pozzo.
Individuato il guasto una squadra di tecnici ha iniziato delle manovre per redistribuire nella rete l’acqua proveniente dagli altri pozzi e mitigare, così, i possibili disservizi nella zone più alte della cittadina.
Contemporaneamente è stato dato incarico a 2 ditte per estrarre la pompa e sostituirla con quella di riserva. Un lavoro difficile, visto che questa si trova a circa 150 metri di profondità.
“Ringrazio gli operai del Comune che si sono adoperati nonostante fosse domenica. – ha affermato il sindaco Graziano Calanna – Ci scusiamo con gli utenti. Faremo il possibile per alleviare il più possibile i loro disagi”.
Anche se la pompa già domani dovesse entrare in funzione è necessario che nella rete si ristabilisca la necessaria pressione. Per questo, secondo i tecnici, solo martedì tutto tornerà nella normalità.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/01/2016
Titolo VIETATO A BRONTE SOMMINISTRARE BEVANDE IN BOTTIGLIA
Testo
BRONTE – (29 GENNAIO 2016) - L’immagine delle bottiglie  spesso rotte lasciate per terra, a Bronte dovrebbe far parte del passato.
Come già da tempo è stato fatto in diversi Comuni italiani, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha emesso una ordinanza che vieta,  a quei pubblici esercizi, come bar e pub, che somministrano bevande, di venderle direttamente nei contenitori di vetro o alluminio. Da oggi in poi, quindi chiunque chieda al bar, per esempio una birra, l’esercente non potrà più dargliela direttamente in bottiglia, ma dovrà versarla in un bicchiere.
Questo per evitare che, soprattutto la sera, nelle zone centrali della cittadina caratterizzata dalla “movida”, le piazze, i gradini delle chiese, ed i bordi dei marciapiedi si riempiano di bottiglie di vetro o di lattine di alluminio.         
“Sempre con maggiore frequenza – afferma Graziano Calanna - è stato rilevato che nelle strade, nelle piazze ed in altri luoghi pubblici, dopo l’uso vengono abbandonati e lasciati sparsi al suolo contenitori di bevande. Questa situazione, oltre che arrecare un danno al decoro cittadino, costituisce un grave pericolo per i pedoni e contrasta con le più elementari norme di igiene del suolo e dell’abitato. Per questo – continua – abbiamo deciso di intervenire vietando ai pubblici esercizi che somministrano bevande di farlo direttamente nelle bottiglie o nelle lattine”.
L’ordinanza non vieta però la vendita delle bottiglie o delle lattine ai commercianti di generi alimentari. “Ovvio che è così. – spiega il primo cittadino – Ma chi compra della birra in negozio solitamente la porta a casa e poi fa la raccolta differenziata”.
Ma questo non è l’unico provvedimento che il sindaco Graziano Calanna intende adottare. “I giovani – infatti, spiega - sono particolarmente sensibili ai problemi dell’ambiente e con i giusti provvedimenti, che realizzeremo in futuro, vedrete che le piazze della movida di Bronte diventeranno il luogo dove i rifiuti si differenziano di più”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 27/01/2016
Titolo BRONTE E’ PRONTA ALLA PROTESTA SE NON SI POTENZIA IL PUNTO NASCITA
Testo
BRONTE – (27 GENNAIO 2016) - Bronte è pronta ad ogni forma di protesta se l’Asp o la Regione siciliana non dovessero potenziare il Punto nascita dell’ospedale Castiglione Prestianni di personale, strumentazione e strutture, come chiesto dal Ministero della Salute.
Il sindaco, Graziano Calanna, infatti, a distanza di un mese dalla concessione della deroga, accorgendosi che si sta assottigliando sempre più il termine di 90 giorni concessi dal Ministero per permettere alla Regione ed all’Asp di potenziare i Punto nascita e renderlo sicuro, ha chiamato a raccolta la cittadina, il territorio e tutte le forze politiche e sociali, organizzando una manifestazione pubblica in piazza Spedalieri, domenica mattina alle ore 11.
“Come tutti noi sappiamo bene, - afferma il sindaco - il 31 dicembre scorso il Dipartimento per la panificazione strategica dell’Assessorato regionale della Salute, ha comunicato alle AA.SS.PP. siciliane che il Ministero della Salute ha salvato il Punto nascita dell’Ospedale di Bronte dalla chiusura, in deroga al provvedimento che prevede la riduzione di tutti i Punti nascita che effettuano meno di 500 parti l’anno.
Nella missiva inviata all’Assessore regionale, Baldo Gucciardi, però, il Ministero della Salute ha richiesto complessi adempimenti, relativi all’adeguamento delle risorse umane (entro il termine perentorio di 90 giorni), tecnologiche e strutturali, questi ultimi - tra l’altro - oggetto di ingarbugliate vicende giudiziarie.
Oggi, poiché il tempo trascorre velocemente, è opportuno fare il punto della situazione, chiedendoci quale sia il crono programma degli interventi che l’A.S.P. di Catania è tenuta a svolgere, come esso sarà assicurato e se gli Enti competenti hanno garantito le necessarie risorse finanziarie.
Nonostante la grande vittoria ottenuta il 31 dicembre scorso, infatti, è bene che tutte le forze politiche e sociali siano vigili ed attente affinché il traguardo non sfugga”.
E Calanna alla manifestazione ha invitato i senatori e tutta la deputazione nazionale regionale eletta nel territorio, i sindaci dei Comuni di Randazzo, Maletto, Maniace, Cesarò, San Teodoro, Santa Domenica Vittoria, Floresta, Roccella Valdemone, Malvagna e Castiglione di Sicilia. Con loro la Giunta ed il Consiglio comunale le parrocchie, le associazioni, i circoli di Bronte, gli ex sindaci, i presidenti ed i consiglieri degli ultimi Consigli comunali.
“E’ arrivato il momento di unificare risorse e voci, - continua il primo cittadino - per fortificarle ancor di più e dare consistenza all’impegno che ognuno di noi ha svolto a garanzia dei diritti della Popolazione”.
La manifestazione è solo il primo momento di protesta che il sindaco Graziano Calanna ci dice di voler organizzare, affinché Bronte non perda il Punto nascita. “Se sarà il caso andremo insieme a Palermo. Non ci fermeremo fino a quanto al Punto nascita di Bronte non verrà potenziato e riprendano regolarmente i lavori di ristrutturazione. Il Punto nascita è un nostro diritto, - conclude Graziano Calanna - non intendiamo privarcene”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto

Data Comunicato 26/01/2016
Titolo IL CONSIGLIO COMUNALE RICORDA LA «SHOAH»
Testo
Data Comunicato 21/01/2016
Titolo PREMIATI I CUOCHI GINA E VINCENZO SCHILIRO’
Testo
BRONTE – (21 GENNAIO 2016) - Bronte valorizza i suoi “figli” che si distinguono nel lavoro.
L’Amministrazione comunale di Bronte, guidata dal sindaco Graziano Calanna, ha premiato gli chef brontesi, Gina e Vincenzo Schilirò, che, come si legge nella targa consegnata loro, “hanno dato lustro alla città di Bronte e confermato la rinomata abilità dei suoi cuochi, distinguendosi alla  Rassegna internazionale “Italian Style - Simposium Puglia” svolta al Centro fieristico “Etnafiere” di Belpasso”.
La cerimonia di consegna è stata effettuata all’inizio dei lavori del Consiglio comunale, convocato dal presidente Nino Galati: “Grazie a Gina e Vincenzo. – ha affermato il presidente - La loro bravura, la loro arte nello svolgere la professione, ha permesso alla nostra città di diventare ancora più famosa e conosciuta di quanto non lo fosse prima. Il cuoco  - ha continuato - è un ambasciatore che, con le sue creazioni gastronomiche, comunica i tratti salienti e peculiari della tradizione della gente. E chi assume l’onere e l’onore di divulgare la cultura gastronomica è il primo promotore del valore del proprio territorio”.
Particolarmente sentiti gli interventi dei consiglieri  Maria De Luca, Valeria Franco, Vittorio Triscari, Gaetano Messina, Angelica Catania e Samanta Longhitano. “Siete stati bravi. – ha affermato in conclusione il sindaco Graziano Calanna – Questo premio è la testimonianza dell’impegno, della dedizione e della passione che riuscite a profondere nel vostro lavoro. Bronte – ha concluso - è fiera di voi”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 20/01/2016
Titolo CARNEVALE CON I GRUPPI MASCHERATI A BRONTE
Testo
BRONTE – (20 GENNAIO 2016) - Il Carnevale torna bello e frizzante a Bronte.
La Città del pistacchio si fa trovare pronta all’appuntamento più divertente dell’anno. Il sindaco, Graziano Calanna, ha fatto pubblicare il bando per permettere a tutti coloro che vorranno formare un gruppo mascherato di iscriversi e vincere i premi messi a disposizione.
Il programma prevede sfilate nel pomeriggio di sabato 6 e domenica 7 e poi martedì 9. Le domande di partecipazione dovranno essere presentate all’Ufficio protocollo del Comune, ma anche all’indirizzo pec del Comune.
“A giudicare i gruppi ci sarà una giuria competente – ci dice il sindaco Graziano Calanna – ma tutti gli iscritti in verità riceveranno dei premi. Il gioioso danzare dei gruppi mascherati  riesce sempre a conferire tanta allegria alla festa, permettendo ai protagonisti di sfoggiare fantasia e grande capacità di animazione. A Bronte poi – continua - è rinomata la capacità delle nostre sarte, che in passato sono state in grado di allestire costumi eccezionali. Il Carnevale – conclude – per noi può essere uno dei tanti motivi per divertirsi, invitando i turisti a venirci a trovare”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 20/01/2016
Titolo CONSIGLIO COMUNALE
Testo
BRONTE – (20 GENNAIO 2016) - Consiglio comunale domani sera a Bronte.
Il presidente, Nino Galati, ha convocato l’Assemblea consiliare alle 17 per conferire una targa premio agli chef brontesi, Vincenzo e Gina Schilirò, che si sono ben distinti alla 12’ edizione della “Manifestazione fieristica regionale di cucina” tenuta a Belpasso.
Subito dopo si parlerà di Imu per capire se bisogna pagarla anche nelle zone destinate dal Prg per la realizzazione di impianti sportivi e per discutere sugli avvisi di accertamento destinati ai cittadini. Poi si affronterà la proposta di deliberazione per il “Baratto Amministrativo”, prima di alcune comunicazioni da parte del sindaco Graziano Calanna.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 18/01/2016
Titolo NEVE: OPERAI DEL COMUNE AL LAVORO DI NOTTE
Testo
BRONTE – (18 GENNAIO 2016) –  Situazione difficile anche a Bronte. Sui tetti si sono accumulati dai 15 ai 20 centimetri di neve.
Se però la neve non è diventata ghiaccio duro e pericolo come negli altri paesi è perché gli operai del Comune, durante la notte, hanno gettato sale nelle zone più difficili e sensibili. “Sin dalla tarda ora di ieri sera è stato gettato tanto sale - ci dice il Sindaco Graziano Calanna –; infatti, quando durante la notte ha nevicato di nuovo, la neve non si è trasformata in ghiaccio e la viabilità è stata possibile. Alla fine, anche se non è stato impiegato lo spazzaneve che lo scorso anno è costato 6000 euro, abbiamo ottenuto il risultato senza spendere fondi di bilancio.
La salita dell’ospedale, per esempio, è stata battuta più volte. Un grazie va agli operai del Comune, all’Assessore Nuccio Biuso che ha costantemente seguito gli interventi, all’ingegnere Salvatore Caudullo ed al geometra Angelo Spitaleri della nostra Protezione civile, cosi come al Sindaco di Maletto Salvatore Barbagiovanni che, per l’occasione, ci ha dato in prestito lo spargisale”.
Intanto temendo il ghiaccio il Sindaco di Bronte ha deciso di prolungare di un altro giorno la chiusura delle scuole.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 18/01/2016
Titolo DOMANI 19 GENNAIO ANCORA SCUOLE CHIUSE PER GHIACCIO A BRONTE
Testo
BRONTE – (18 GENNAIO 2015) –  Scuole di ogni ordine e grado ancora chiuse domani, 19 gennaio 2016, a Bronte.
Se a provocare la chiusura di oggi è stata l’abbondante nevicata, domani a preoccupare le autorità di Protezione civile sono le terribili gelate che si attendono durante la notte. 
Così il sindaco, Graziano Calanna, dopo essersi ancora una volta consultato con i tecnici del Comune, temendo che il ghiaccio possa essere causa di incidenti, ha firmato l’ordinanza di prolungamento delle chiusura delle scuole di un altro giorno.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 14/01/2016
Titolo CONTRIBUTI PER LA MENSA SCOLASTICA ALLE FAMIGLIE NUMEROSE
Testo
BRONTE – (14 GENNAIO 2016) –  L’Amministrazione comunale di Bronte, guidata dal sindaco Graziano Calanna, viene incontro alle famiglie numerose con redditi bassi, contribuendo al pagamento della quota di compartecipazione riservata agli utenti della refezione scolastica.
Tutti coloro, la cui dichiarazione Isee non supera i 7.000 euro e che hanno due o più figli che usufruiscono della mensa scolastica, potranno contare, fino alla fine dell’anno scolastico, su un contributo pari all’80% del costo del servizio.
“La qualità dei servizi offerti da qualsiasi amministrazione – afferma il sindaco – si misura soprattutto con la capacità di venire incontro alle esigenze di chi è più debole. E’ ormai noto che per noi la solidarietà sociale rappresenta un imperativo da assolvere, e questo provvedimento vuole raggiungere un duplice risultato, quello di aiutare le famiglie in difficoltà e di garantire ai bambini il diritto allo studio, al pari degli altri.
Del servizio mensa usufruiscono coloro che frequentano il tempo prolungato che considero una conquista a vantaggio delle famiglie e della formazione. A questo punto aiutare chi avrebbe difficoltà a pagare le rette non è solo una possibilità, ma un dovere”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/01/2016
Titolo IL DOTT. SALVATORE MONTANTE NUOVO GIUDICE DI PACE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (12 GENNAIO 2016) –  Si è insediato il nuovo magistrato “reggente” dell’ufficio del Giudice di Pace di Bronte.
Si stratta del dott. Salvatore Montante, attualmente Giudice di Pace anche a Biancavilla. Cinquanta anni, vanta una notevole esperienza, svolgendo questo importante ruolo da circa 12 anni.  
“Sono lieto di essere qui. – ha dichiarato – Insieme al personale dell’ufficio che vedo impegnato e motivato farò il passibile per rendere un ottimo servizio, garantendo a questa cittadina ed al suo territorio giustizia. L’impegno è contribuire, assieme alle altre istituzioni, a rendere qui forte la presenza dello Stato. Ho potuto inoltre constatare – ha concluso – quanto l’Amministrazione comunale di Bronte consideri importante questo servizio”.
Ed il dott. Montante ha ricevuto la visita istituzionale del sindaco di Bronte Graziano Calanna e dell’assessore Francesco Bortiglio: “Insieme con l’assessore – ha affermato il sindaco – abbiamo voluto augurare al nuovo Giudice di Pace della nostra città e del nostro territorio, un ottimo e proficuo lavoro. Siamo certi che riuscirà nel compito di garantire giustizia alla popolazione. Dopo la soppressione della sezione staccata del Tribunale – continua Graziano Calanna - noi consideriamo questo Ufficio un avamposto di legalità a servizio di un territorio vasto di circa 45 mila abitanti. Non a caso, quando in estate mi sono insediato, trovando l’Ufficio con diverse lacune che ne impedivano il funzionamento, abbiamo deciso di impinguare il personale in servizio, di fatto salvandolo da una possibile soppressione”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/01/2016
Titolo IL CAMPETTO DI SCIAROTTA HA IL MANTO VERDE
Testo
BRONTE – (12 GENNAIO 2016) –  Sopralluogo tecnico   questa mattina da parte del sindaco di Bronte,  Graziano Calanna e dell’assessore Francesco Bortiglio in contrada Sciarotta.
La ditta che si è aggiudicata l’appalto, infatti, ha appena completato la posa del manto erboso sintetico nel campetto di calcio a cinque attiguo ai 54 alloggi di edilizia economica popolare.
“Manca ancora qualcosa per l’inaugurazione di una struttura sportiva che i residenti di Sciarotta ci chiedono. – ha affermato il sindaco – Completata la posa del manto verde, adesso dovremmo provvedere a rifare la recinzione e rendere sicuro dell’intero piccolo polo sportivo, che ricordo è a servizio di un quartiere che consideriamo importantissimo.
Sciarotta, infatti, necessita di servizi, interventi e di maggiore attenzione da parte del Comune. Non a caso da consigliere comunale ho segnalato la presenza della pericolosità di un quadro elettrico che, adesso, da sindaco ho già dato disposizione di rendere sicuro, come non è un caso che 2 delle gare d’appalto di fine anno siano state dedicate per riqualificare questo quartiere”.
Intanto se adesso il campetto è facilmente accessibile, per evitare che venga vandalizzato, presto sarà chiuso: “Il tempo di stabilire chi ed il che modo dovrà gestirlo per garantirne la salvaguardia, – ha concluso Graziano Calanna – poi potrà essere tranquillamente utilizzato”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/01/2016
Titolo L’ASP 3 E’ PRONTA A POTENZIARE IL PUNTO NASCITE DELL’OSPEDALE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (7 GENNAIO 2016) –  L’Asp 3 di Catania è pronta a dotare il Punto nascite dell’ospedale di Bronte di tutti i requisiti di sicurezza previsti dal Ministero della Salute. Subito dopo però tutti hanno l’obbligo a contribuire affinché ritorni la fiducia nell’ospedale, altrimenti il numero dei parti l’anno rimarrà sempre pericolosamente basso.
E’ in sintesi l’esito del vertice organizzato dal sindaco di Bronte, Graziano Calanna con i colleghi del territorio ed i vertici dell’Asp. Da Floresta a Roccella Valdemone, passando da Randazzo, Maletto e Maniace fino a San Teodoro, tanti i primi cittadini che hanno partecipato all’incontro cui, per l’Asp hanno partecipato  il dott. Giuseppe Spampinato, direttore della spedalità pubblica e del distretto ospedaliero Ct2 dell’Asp 3 ed il dirigente medico dott. Renato Passalacqua: “Vi ho riunito – ha affermato Graziano Calanna in apertura – per comunicarvi ufficialmente che il Ministero ha concesso una deroga alla chiusura del nostro Punto nascita, subordinata però al potenziamento dei servizi. Per adesso i parti sono sospesi e vengono effettuati a Biancavilla,  ma l’assistenza alle mamme è garantita fino al momento della nascita. Siccome abbiamo 90 giorni di tempo per potenziare la struttura, è giusto conoscere volontà e tempi dell’Asp”.
E dall’Asp 3 sono giunte buone notizie: “Fino al 30 dicembre nessuno sperava ed immaginava una deroga. – ha affermato il dott. Spampinato – Adesso la prima cosa da fare  è l’adeguamento professionale dell’Unità operativa e dei servizi collegati e noi stiamo già procedendo all'assunzione di medici a tempo determinato. L’adeguamento tecnologico non è un problema, - ha continuato – mentre faremo in modo di riprendere anche i lavori dell’ospedale interrotti da tempo. Sono certo che entro 90 giorni personale e strumentazione saranno già attivi. E’ bene però – ha concluso - che la politica ed i medici di famiglia spingano le mamme a partorire al reparto di Bronte rinnovato di personale ed efficienza altrimenti sarà sempre a rischio”.
Numerosi gli interventi dei sindaci e dei consiglieri comunali presenti, quasi tutti a sostenere che tutto l’ospedale va potenziato, non solo il punto nascita. “Per adesso – ha concluso Graziano Calanna - vinciamo la battaglia per il Punto nascita. Subito dopo affronteremo i problemi delle altre Unità operative”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 05/01/2016
Titolo PUNTO NASCITA DELL’OSPEDALE DI BRONTE SALVO
Testo
BRONTE – (5 GENNAIO 2016) –  “Punto nascita di Bronte salvo? Per adesso si, ma il lavoro non è finito. Se è vero che, grazie alla deroga, non bisogna più raggiungere i 500 parti l’anno, bisogna dotare entro 90 giorni il reparto di quel personale, della strumentazione e dei servizi previsti dai protocolli di sicurezza”.
Sono le parole del sindaco di Bronte, Graziano Calanna, il giorno dopo la notizia del salvataggio del Punto nascita brontese. “Siamo già in contatto con l’Asp di Catania per raggiungere gli obiettivi. Giovedì 7 gennaio, alle 16, mi riunirò con i sindaci del territorio per coordinare sforzi ed interventi. Il lavoro per salvare il Punto nascita non è finito. Abbiamo solo vinto il primo round. Per superare ogni scoglio bisogna rendere in poco tempo l’ospedale di Bronte efficiente e sicuro”.
Intanto Calanna ripercorre le tappe di una battaglia durata mesi. “Dopo essermi incontrato con l’assessore Baldo Guicciardi, pronto ad assicurarmi che avrebbe presentato al Ministero l’istanza di deroga per il Punto nascita di Bronte, accompagnato dall’assessore regionale Anthony Barbagallo, ai tempi deputato regionale, ed alla deputata del Pd, Teresa Piccione, sono stato ricevuto in Ministero dal sottosegretario di Stato alla Salute, Vito De Filippo.
Al sottosegretario – continua Graziano Calanna – ho fatto capire quanto sia difficile la situazione orografica del nostro territorio che ospita circa 50 mila abitanti. Ho mostrato come questo sia collegato da una mobilità lenta ed anacronistica che allunga enormemente i tempi di percorrenza soprattutto d’inverno, quando ogni sera le strade si coprono di gelo. Ho evidenziato – continua - come il nostro Punto nascita prima dell’inizio dei lavori dell’ospedale e di una inspiegabile quando ingiusta riduzione di personale  medico e posti letto, i 500 parti l’anno li raggiungesse e come spesso la politica di razionalizzazione dei servizi ospedalieri sia stata per Bronte incomprensibile e penalizzante.
Credo sia per i motivi che ho esposto e non per altro che il Punto nascita è stato salvato. Di conseguenza ringrazio il sottosegretario De Filippo e l’assessore Anthony Barbagallo e la deputata Teresa Piccione del Pd, ma anche il presidente Rosario Crocetta e l’assessore Baldo Gucciardi, anch’egli del Pd, che hanno difeso l’ospedale di Bronte”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto