AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 31/08/2016
Titolo INIZIATA LA RACCOLTA FONDI PER I TERREMOTATI
Testo
BRONTE – (31 AGOSTO 2016) – E’ iniziata a Bronte la raccolta fondi a favore delle popolazioni del Centro italia colpite dal terremoto. Come annunciato, alla ripresa dei concerti estivi sospesi per 4 giorni nel rispetto di chi ha perso la vita sotto le macerie, lunedì sera in piazza Roma, approfittando del concerto di Giovanni Caccamo, il sindaco Graziano Calanna, ha fatto sistemare un gazebo dove i volontari della confraternita della Misericordia di Bronte hanno raccolto i fondi in una cassetta chiusa e sigillata messa a disposizione dal Comune. A vigilare sulla cassetta la Polizia municipale chiamata a custodirla e consegnarla di volta in volta ai volontari delle associazioni.
“Abbiamo il dovere – ci dice il sindaco Graziano Calanna – di essere generosi nei confronti delle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto. Dal Dipartimento regionale della Protezione civile abbiamo avuto precise indicazioni: niente viveri o vestiti ma solo fondi e così stiamo facendo. E questo è il nostro modo per essere di aiuto. Alla fine pubblicamente toglieremo i sigilli alla cassetta di fronte alla Polizia municipale e consegneremo il danaro alla Protezione civile”.
E sono stati tanti coloro che si sono avvicinati al gazebo per offrire qualcosa. “Vale molto il gesto. - conclude Graziano Calanna -  Io ringrazio tutte le associazioni che hanno aderito e tutti quelli che hanno già donato qualcosa”.
E la raccolta fondi continua. Per 2 settimane in piazza Rosario nel pomeriggio dalle 17 fino alle 20 sarà possibile donare qualcosa. Anche un euro può essere utile: servirà a ridare un po di speranza a chi oggi ha perso tutto nel terremoto.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 31/08/2016
Titolo IL MOVIMENTO 5 STELLE CHIEDE SICUREZZA SISMICA NELLE SCUOLE
Testo
BRONTE – (31 AGOSTO 2016) – Con una nota, interamente riportata, il consigliere comunale Valeria Franco ha chiesto all’Amminstrazione comunale di verificare l’ideità sismica degli edifici scolastici.
Le famiglie chiedono scuole sicure.
Il Movimento 5 Stelle di Bronte, attraverso la portavoce in Consiglio comunale, Valeria Franco, chiede che l'amministrazione comunale provveda, prima della riapertura dell'anno scolastico, alla verifica della conformità delle strutture scolastiche Comunali alla normativa antisismica attualmente in vigore.
Alla luce dei tragici avvenimenti che hanno coinvolto le popolazioni del centro Italia, interessate dal terribile terremoto di qualche giorno fa, risulta urgente una verifica di tutte le strutture scolastiche del Comune di Bronte.
"Puntare sulla prevenzione-dichiara la consigliera Franco- è fondamentale al fine di garantire delle scuole sicure per gli studenti e le famiglie.
Dovrà essere, dunque, il personale dell'ufficio tecnico a monitorare lo stato degli edifici scolastici comunali al fine di garantirne la conformità alle disposizioni di legge.
Ecco perché in data odierna la consigliera Franco ha depositato una richiesta formale al Sindaco ed al dirigente dell'ufficio tecnico affinché predispongano i dovuti controlli sugli edifici scolastici.
"Auspichiamo - dichiara la consigliera Franco - il pronto accoglimento della presente istanza da parte dell'amministrazione comunale".
Valeria Franco - Portavoce al Consiglio comunale di Bronte
Questa la replica del sindaco Graziano Calanna
“Ringrazio il Movimento 5 stelle per la sollecitazione. Quanto accaduto nel Centro italia è stato un avvertimento per tutti. Per questo già da tempo ho dato mandato all’ufficio tecnico del Comune di verificare l’idoneità statica e sismica di tutti gli edifici pubblici alla luce delle normative vigenti e non solo di quelli scolastici. Subito dopo, - conclude - di fronte ad emergenze, vedremo come intervenire”.   
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 25/08/2016
Titolo BRONTE SI MOBILITA A FAVORE DEI TERREMOTATI
Testo
BRONTE – (25 AGOSTO 2016) – Nel rispetto delle vittime del terremoto che ha sconvolto il Centro Italia, il Comune di Bronte annulla gli spettacoli estivi fino a domenica e promuove 15 giorni di raccolta fondi con la collaborazione delle associazioni di volontariato e dei consiglieri comunali della cittadina.
Il sindaco Graziano Calanna, infatti, dopo essersi messo direttamente in contatto con il Dipartimento regionale della Protezione civile, ha convocato un vertice in Comune, coinvolgendo nel progetto  associazioni e consiglieri. Presente il presidente del Consiglio, Nino Galati, ed i consiglieri Samanta Longhitano, Valeria Franco e Carlo Castiglione.
“E l’adesione delle associazioni è stata massima. – afferma Graziano Calanna –Fino a domenica, annullando le manifestazioni,  rispetteremo chi ha perso la vita sotto le macerie, ma da lunedì utilizzeremo le manifestazioni estive per stimolare la generosità della gente. Si comincia con il concerto di Giovanni Caccamo lunedì sera in piazza Roma, dove sarà allestito un gazebo, gestito dalle associazioni di volontariato, per raccogliere solo fondi. Dal Dipartimento di Protezione civile, infatti, abbiamo appreso che i terremotati non hanno bisogno ne di viveri ne di vestiti”.
Da martedì in poi il gazebo si sposterà in piazza Rosario e sarà attivo tutte le sere, dalle 17 fino alle 20, ad eccezione di sabato 10 quando il gazebo sarà posto al campo di calcio dove verrà organizzato un torneo di beneficenza.
“Ovviamente - conclude Calanna - chiunque voglia collaborare é bene accetto”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/08/2016
Titolo CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE "CARRETTO SICILY FEST"
Testo Invito
Conferenza stampa di presentazione del Carretto Sicily fest
Palazzo Virzi - lunedì 29 agosto 2016  - ore 10.30
 
 
Gentilissime testate giornalistiche,
ho il piacere di invitarVi  alla Conferenza stampa di presentazione del “Carretto Sicily fest”, che si terrà lunedì 29 agosto 2016, alle ore 10,30, nella sala conferenza di Palazzo Virzì, sito nei pressi di piazza Rosario a Bronte.
Alla conferenza stampa parteciperanno il sindaco di Bronte, Graziano Calanna,  Mirella Patanè, soprintendente ai Beni culturali di Catania, Antonino La Spina, presidente regionale Unpli e  Dario Longhitano, presidente della Pro Loco di Bronte.
Si allega manifesto e programma della manifestazione.
Non mancare.
Cordiali saluti.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto       
Data Comunicato 23/08/2016
Titolo IL COMUNE CHIUDE IL PROPRIO ITER PER LA FOGNATURA IN CONTRADA SERRA
Testo
BRONTE – (23 AGOSTO 2016) – Ennesimo passo in avanti per la realizzazione della rete fognaria in contrada Serra. L’ufficio tecnico del Comune di Bronte ha chiuso l’iter di propria competenza ed inviato tutta la documentazione all’Urega  (Ufficio regionale per l’espletamento di gare per l’appalto di lavori pubblici), chiamato adesso a pubblicare la gara d’applato con il sistema del project financing. 
Per la laboriosa frazione di Bronte, che non ha mai avuto una rete fognaria, adesso la possibilità di avere questo fondamentale servizio si avvicina sempre più.
“Abbiamo mantenuto l’ennesima promessa – ci dice il sindaco Graziano Calanna – adesso attendiamo i tempi tecnici necessari all’Urega per definire bando e procedere alla pubblicazione. Ovviamente gli uffici del mio Comune, che ringrazio per il lavoro svolto, sono a disposizione per qualsiasi chiarimento.
Abbiamo – continua il sindaco - l’obbligo di centrare questo obiettivo, nel rispetto di chi abita in questa bellissima contrada dove nessuno, fino ad oggi, è riuscito a costruire la fognatura”.
Ed il progetto che ricordiamo è stato presentato da una società privata, è particolarmente avveniristico. Prevede un investimento privato di circa un milione e 200 mila euro che serviranno a realizzare la rete fognaria i cui reflui saranno raccolti in delle speciali vasche e trasportati nel depuratore comunale, dove saranno trattati. Il refluo finale potrà essere utilizzato per scopi irrigui.
Ovviamente la realizzazione della fognatura  risana un’area dove le  abitazioni sono ancora servite da fosse imhoff.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 22/08/2016
Titolo LA REGIONE TAGLIA IL FONDO PER I PRECARI AI COMUNI VIRTUOSI CHE PERCEPISCONO LE ROYALTY
Testo
BRONTE – (22 AGOSTO 2016) – La Regione siciliana taglia i finanziamenti del fondo precari ai Comuni che percepiscono le royalty.
A leggere i numeri inseriti nel decreto regionale, che ha gettato nello sconforto i lavoratori contrattisti, al Comune di Bronte in un colpo solo sono stati decurtati l’anno ben 841 mila euro, fondi che servivano appositamente a pagare gli stipendi dei precari che adesso temono di non essere pagati già da settembre.
Per molti la decisione ha del paradossale. La stessa Regione siciliana, infatti, ha salvato gli stipendi dei precari di 14 Comuni siciliani che hanno dichiarato il dissesto, mentre ha decurtato i fondi dei Comuni virtuosi. Inoltre per molti gli introiti derivanti dalla royalty sono un diritto derivato dallo sfruttamento del territorio dall’estrazione degli idrocarburi. Di conseguenza l’idea di tagliare i fondi per i precari sol perché non si è in dissesto e si percepiscono le royalty, viene vista come una enorme beffa.
Per questo il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha già in mente il piano per contrastare l’iniziativa regionale.
“Come si fa – ci dice – a decidere a Ferragosto di sottrarre ai Comuni i fondi per i precari. Come si fa a mettere a repentaglio il futuro di famiglie che, vivendo da anni grazie ad uno stipendio da precario, difficilmente potrebbero rientrare nel mondo del lavoro.
Vero è – aggiunge - che il numero dei contrattisti in Sicilia in passato è diventato enorme a causa delle scelte sbagliate della vecchia politica, che poi ha relegato questi lavoratori al perenne ruolo di precario, ma oggi non possiamo abbandonare questa categoria di lavoratori. Io – continua - vi dico subito che a Bronte i precari sono utili tutti. Ho già detto che se potessi li stabilizzerei con un unico atto”.
Per questo Calanna assieme ai sindaci dei Comuni destinatari del provvedimento ha già chiesto di incontrare l’assessore all’Economia, Alessandro Baccei. “Gli ho già ufficialmente inviato, –continua Calanna –una richiesta ufficiale di incontro, anche a nome degli altri sindaci interessati dal provvedimento. L’assessore Anthony Barbagallo, che sostiene le nostre ragioni, sta facendo il possibile affinché questo incontro si svolga nei primi di settembre.
All'Assessore ribadiremo il nostro dissenso nei confronti di un decreto dannoso ed iniquo.
Contemporaneamente – continua il primo cittadino - il 14 agosto scorso, quando tutti erano in ferie, ne ho parlato con Peppino Lupo, vice presidente dell’Assemblea regionale siciliana, nonché componente della Commissione Bilancio e Programmazione, che condivide le nostre tesi. Per noi –conclude –questa battaglia non è diversa da quella a difesa dei servizi a favore dei cittadini: in gioco c’è il futuro di tante famiglie e di 75 lavoratori”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto