AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 30/11/2017
Titolo INSEDIATO IL COMITATO SCUOLA COMUNE
Testo
BRONTE – (30 novembre 2017) – Insediato il Comitato costituito dai docenti, dai genitori e dall’Amministratone comunale per conoscere e meglio affrontare i problemi che il mondo della scuola incontra durante l’anno.
Nell’aula consiliare del Comune, il sindaco Graziano Calanna, che ha voluto fortemente l’istituzione del nuovo organismo, alla presenza dell’assessore Chetti Liuzzo e del capo dell’ufficio tecnico ing. Salvatore Caudullo, ha incontrato docenti e genitori.
“L’idea – ha affermato il primo cittadino – di istituire questo comitato nasce dalla consapevolezza di dover creare un funzionale collegamento fra il mondo della scuola ed il Comune. Servirà per far si che la scuola sappia quali iniziative stiamo intraprendendo ed a noi per conoscere i problemi e le difficoltà dei nostri studenti.  Ma il suo compito non sarà solo quello del raccordo. – ha concluso -  Dal Comitato mi aspetto programmazione e suggerimenti”.
Al vertice presenti tutti i dirigenti scolastici degli istituti brontesi di ogni ordine e grado, con l’incontro utile per coinvolgere la scuola nel nuovo progetto di raccolta differenziata ed in occasione delle prossime attività natalizie. Per docenti e genitori anche 2 buone notizie: “Abbiamo – ha affermato il sindaco – recuperato le risorse per far continuare la mensa scolastica fino alla fine dell’anno, per poi continuare con il nuovo bilancio ed, infine, parteciperemo ad un bando per mettere gli edifici scolastici più sicuri dal punto di vista sismico”.        
         
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 30/11/2017
Titolo SLITTA AL 15 GENNAIO L’INIZIO DEL NUOVO PROGETTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA
Testo
BRONTE – (30 novembre 2017) – Slitta di un mese e mezzo l’inizio del nuovo progetto di raccolta differenziata da parte del Comune di Bronte. I nuovi criteri di raccolta dovevano essere attuati oggi, ma nonostante siano stati affissi dei manifesti ed organizzati incontri per spiegare i nuovi criteri per incrementare la raccolta differenziata, su circa 7000 utenti, ben 2700 non hanno ancora ritirato dal Centro comunale di raccolta il nuovo kit per la raccolta differenziata dei rifiuti.
“E’ per funzionare al meglio – afferma il sindaco Graziano Calanna – il nuovo servizio ha bisogno della collaborazione di tutti i Cittadini. In verità noi siamo pronti, come pronta è la ditta. Ma se avessimo inaugurato il nuovo servizio adesso, visto il gran numerò di cittadini privi del kit, avremmo avuto utenti pronti a fare la raccolta differenziata ed altri no. Questo non solo non avrebbe portato ai risultati sperati, ma avrebbe sicuramente disincentivato i più volenterosi infastiditi dal fatto che magari il vicino di casa non aderisce all’iniziativa”.
Per questo il sindaco ha deciso di far slittare la data di inizio nel nuovo progetto il 15 gennaio del 2018, invitando oggi però i cittadini che non l’anno ancora fatto a ritirare il kit.
Appuntamento al prossimo anno quindi con un programma di raccolta differenziata dei rifiuti che rivoluziona di certo le vecchie abitudini a cominciare dal calendario delle utenze domestiche. Eccolo riassunto. Lunedì: organico, plastica e lattine. Martedì: indifferenziato, carta e cartone. Mercoledì: organico e vetro. Giovedì: carta, cartone, plastica e lattine. Venerdì: plastica, lattine e vetro. Sabato: organico, carta e cartone.
Dal prossimo 15 gennaio inoltre gli operatori ecologici non ritireranno più i rifiuti non perfettamente differenziati o che non rispettano il calendario.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/11/2017
Titolo BRONTE HA CELEBRATO LA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
Testo
BRONTE – (29 novembre 2017) – Anche Bronte ha celebrato la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.
Il Comune di Bronte, insieme al Telefono rosa, all’Associazione avvocati di Bronte ed all’Istituto “Benedetto Radice”, infatti, ha organizzato una partecipata conferenza nell’aula magna del Radice, dove sono intervenuti la preside Maria Pina Calanna, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, il presidente del Telefono Rosa di Bronte, Antonella Caltabiano, del presidente della Fidapa di Bronte, Vincenza Carroccio e del presidente del Club Bronte insieme, Clelia Chiofalo. Interessanti anche gli interventi dell’avv. Maria Mirenda presidente dell’Associazione avvocati di Bronte e Samantha Lazzaro avvocato del Telefono Rosa.
Subito dopo, all’interno di un cine teatro comunale gremito in ogni posto, le testimonianze di Vera Squatrito mamma di Giordana uccisa a 20 anni dall’ex fidanzato e di Giovanna Zizzo, la mamma della piccola Laura uccisa dal padre all’età di 12 anni. Con loro pure il luogotenente Giuseppe Amendolia, oggi comandante della Stazione dei Carabinieri di Bronte, ma ai tempi il primo ad intervenire per entrambi gli omicidi.
“La violenza contro le donne ha diverse facce, - ha affermato il sindaco Graziano Calanna - e le uccisioni sono solo gli aspetti più tragici di un dramma che spesso si consuma dentro le mura domestiche, nei luoghi di lavoro o per le strade. Spesso le donne sono costrette a subire umiliazioni che rappresentano una vera e propria violazione dei diritti umani. Tutti, ma soprattutto gli uomini,   dobbiamo sentirci coinvolti nell’azione di cambiamento ed il Comune di Bronte è pienamente coinvolto. L’ho letto sul Corriere della sera e lo condivido: Chi commette uno stupro o chi esercita qualsiasi forma di violenza sulle donne è un miserabile vigliacco”.
“Non bisogna mai dimenticare – ha aggiunto il consigliere Samanta Longhitano - che dietro ogni panchina rossa, ogni manifestazione, ci sono storie vere, di donne, che ogni giorno, subiscono violenza. Per questo bisogna reagire, ognuno con le proprie competenze, contro questo odioso fenomeno che sembra con conoscere fine”.
Durante l’evento spazio anche per  contributi artistici e culturali con le Bonsisters, con Valeria Maio e Marcella Reale e con il Corpo di ballo del Benedetto Radice.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/11/2017
Titolo FRASI SESSISTE CONTRO LE VIGILESSE CHE LO AVEVANO MULTATO: DENUNCIATO
Testo
BRONTE – (29 novembre 2017) – Lascia l’auto in divieto di sosta e quando torna trova la multa. Invece di riflettere sull’infrazione al codice della strada commesso, decide di inveire su facebook contro le 2 Ausiliarie del traffico che avevano elevato la sanzione amministrativa, ingiuriandole con frasi sessiste.
Il post sul social network, tra l’altro palesemente carente di regole grammaticali, non è passato inosservato e l’uomo sta per essere deferito alle Autorità giudiziarie dal Comando della Polizia municipale brontese. L’accusa ipotizzata è diffamazione a mezzo stampa. Rischia una condanna che può andare dai 6 mesi ai 3 anni di reclusione o una sanzione che non può essere inferiore a 516 euro.
Protagonista, ovviamente in negativo, un brontese di 22 anni. La vicenda è accaduta il 22 novembre scorso. Il giovane recandosi in banca, intorno le 12.30, ha lasciato l’auto in piazza Spedalieri in divieto di sosta. Al ritorno la sgradita sorpresa: una multa di 41 euro che, se pagata entro 5 giorni, sarebbe stata ridotta a 28.70 euro. L’episodio lo ha fatto così tanto infuriare che ha impugnato il suo smartphone ed ha scaricato la sua rabbia su facebook, scrivendo un post con frasi incriminate contro le 2 Ausiliarie del traffico.
In poco tempo sono stati in tanti a vedere il messaggio, compreso il comandante della Polizia municipale di Bronte, il commissario capo Piero Viola, che ha convocato il giovane e, dopo averlo  ascoltato, gli ha comunicato che lo avrebbe denunciato alla Magistratura.
“Massima solidarietà alle 2 Ausiliarie del traffico – ha commentato il sindaco Graziano Calanna – ed a tutto il Corpo della Polizia municipale. Offenderle perché sono state ligie al loro dovere è un atto grave. E’ arrivato il momento di capire che la Sicilia dei furbissimi, di coloro che posteggiano in divieto o in doppia fila, di chi scarica rifiuti abusivamente o di chi è protagonista di atti vandalici non cresce e rimarrà sempre ultima nelle classifiche della qualità della vita”.
Del resto anche la Cassazione si è espressa duramente riguardo alle offese su facebook o attraverso qualsiasi altro social network. Sono, infatti, ormai moltissimi i casi di persone che, dietro un monitor o uno smartphone, si sentono libere di dare sfogo a modi incivili e spesso gratuiti.
E’ stata la Corte di Cassazione, infatti, a ritenere applicabile in questi casi l’articolo 595 del codice penale che così recita: “Chiunque, comunicando con più persone, offende l’altrui reputazione col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a euro 516”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/11/2017
Titolo IL CONSIGLIO APPROVA IL CONTO CONSUNTIVO 2016
Testo
BRONTE – (22 novembre 2017) – Il Consiglio comunale di  Bronte, presieduto da Nino Galati ha approvato a maggioranza, con l’astensione del consigliere Giuseppe Di Mulo la ricognizione delle società partecipate da parte del Comune.
Inoltre ha approvato anche il conto consuntivo dell’anno 2016. Dopo il dibattito 12 i voti favorevoli e 3 contrari, ovvero quelli di Giuseppe Di Mulo, Antonio Leanza e Valeria Franco. 

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 22/11/2017
Titolo MEGLIO PARCO CHE SPORCO: I BAMBINI DELLE SCUOLE RIPULISCONO LA CITTA’
Testo
BRONTE – (22 novembre 2017) – Oggi sono dei bambini, ma domani saranno cittadini, ed al pari della matematica e della storia, imparare  a rispettare la propria città è un insegnamento fondamentale.
Per questo la giornata di oggi per una folta rappresentanza degli alunni delle scuole elementari e medie di Bronte ha avuto valore doppio. Coordinati dal Comune di Bronte, infatti, i ragazzi hanno dato vita  ad una riedizione della manifestazione organizzata dal Parco dell’Etna “Meglio Parco che sporco”. Ieri però gli alunni, invece di ripulire le zone verdi all’interno dell’Area protetta, hanno concentrato la propria attività sulle piazze ed sui parchi urbani vicino il proprio edificio scolastico.
“Ringraziare alunni, docenti e dirigenti è doveroso – ha affermato il sindaco Graziano Calanna – oggi i ragazzi hanno imparato non solo educazione ambientale e civica, ma, liberando alcune zone verdi all’interno del centro abitato dai rifiuti, hanno reso un grande servizio. E’ stato bello vedere come si sono impegnati, capendo che tutti siamo indispensabili per avere una città pulita”.
E l’iniziativa non finisce qui. A fine manifestazione il presidente del Parco dell’Etna, Marisa Mazzaglia, ha consegnato ai bambini gadget e pubblicazioni del Parco annunciando che alla scuola verranno consegnati degli alberi che gli stessi alunni dovranno piantare e curare. “Vorremo – ci dice il presidente Mazzaglia – che i bambini ricordino meglio parco che sporco come un evento educativo che continui tutto l’anno. Nelle prossime settimane porteremo anche gli alberi da piantare”.
Ed alla manifestazione hanno partecipato il presidente del Consiglio comunale, Nino Galati e gli assessori Chetti Liuzzo ed Ernesto Di Francesco. Con loro anche il comandante del Distaccamento di Bronte del Corpo Forestale, l’ispettore superiore, Antonino Ruffino.
“La città può avere verde ed aiuole belle – ha  affermato Galati – se tutti contribuiamo a tenerle pulite. Un concetto che è bene imparare fin da piccoli, per essere già cittadini attenti e rispettosi di tutto ciò che è pubblico”.
Ed i bambini hanno trovato di tutto, ma soprattutto cartacce di caramelle e cicche di sigaretta, perché tutti, piccini e grandi, devono imparare a non sporcare.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 20/11/2017
Titolo CALANNA SCRIVE A MUSUMECI SUL NUMERO DI MIGRANTI DA ACCOGLIERE
Testo
BRONTE – (20 novembre 2017) – Il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, torna a scrivere al presidente della Regione, per chiedere il rispetto dell’accordo Anci – Viminale secondo cui ogni Comune non potrebbe ospitare più di 2,5 migranti per ogni 1000 abitanti.   
“Illustrissimo Presidente Nello Musumeci, - si legge nelle missiva - mi preme sottoporre alla Sua attenzione il problema dell’eccessivo numero di migranti che la mia Città è costretta ad accogliere.
Bronte, infatti, dopo aver dimostrato di essere accogliente, ospitando oltre 50 migranti  all’interno del Centro Sprar ed in alcune Case di accoglienza, ha subito un decreto del Dipartimento Famiglia e Politiche sociali della Regione siciliana che ha concesso alla “Cooperativa sociale Freedom” di Siracusa l’autorizzazione per altri 59 minori non accompagnati, da ospitare nella struttura di primissima accoglienza istituita in via Carlo Alberto Dalla Chiesa.
Tale decreto – si continua a leggere - è stato emesso in spregio ai pareri negativi espressi dai Responsabili dei servizi sociali, sanitari e scolastici e dell’ordine pubblico della Città, oltre che dal Consiglio comunale, e soprattutto in palese violazione dell’accordo Anci-Viminale, secondo cui i Comuni non possono ospitare più di 2,5 migranti per ogni 1000 abitanti”.
Il sindaco Graziano Calanna, infatti, dopo aver appreso dell’arrivo degli ulteriori 59 migranti minori, ha organizzato incontri con la società civile della comunità brontese raccogliendo tutte le preoccupazioni del caso. Ma non solo, ha scritto all’ex presidente Crocetta ed a diverse autorità regionali, segnalando come il Dipartimento, nel concedere l’autorizzazione, non abbia rispettato alcune procedure.        
“Inoltre, - infatti, si continua a leggere - alla luce del parere del 10 agosto 2017, emesso dall’Ufficio legislativo e Legale della Presidenza della Regione Siciliana, il Dipartimento della Famiglia e delle Politiche sociali, prima di emettere il decreto di autorizzazione alla “Cooperativa sociale Freedom”, avrebbe dovuto sentire le componenti autorità statali e, in particolare, gli Uffici del Ministero dell’Interno. Non avendo il Dipartimento regionale osservato questa indicazione, abbiamo chiesto l’immediata revoca del decreto senza ottenere riscontro”.
Duro nel finale il sindaco nei confronti della burocrazia regionale. Calanna, infatti, chiude così la lettera a Musumeci: “Certo che vorrà ristabilire pienamente i principi di legalità nell’espletamento degli atti amministrativi da parte della burocrazia della Regione siciliana, chiedo il Suo autorevole intervento, affinché i migranti ospitati a Bronte non superino quelli indicati dall’accordo Anci – Viminale”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 18/11/2017
Titolo RINGRAZIAMENTI ANCHE A NUCCIO BIUSO
Testo
BRONTE – (18 novembre 2017) – Nel comunicato stampa inviato ieri, dal titolo “Nuova Giunta a Bronte: parlano gli assessori”, per mera dimenticanza non è stato scritto il nome dell’ex assessore Nuccio Biuso.
Il sindaco, Graziano Calanna, infatti, nel suo intervento ha ringraziato tutti gli ex assessori Vittorio Triscari, Francesco Bortiglio, Antonio Currao ed anche Nuccio Biuso.
Ci scusiamo con l’ex assessore, con le Testate giornalistiche che hanno ricevuto il comunicato stampa e con i loro lettori.    

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 18/11/2017
Titolo ANCHE BRONTE DICE: “MEGLIO PARCO CHE SPORCO”
Testo
BRONTE – (18 novembre 2017) – Tantissimi volontari hanno aderito a Bronte all’iniziative “Meglio Parco che sporco”.
I geometri del Comune, Angelo Spitaleri e Francesco Messineo, hanno coinvolto, oltre alla Caruter che effettua i servizi di raccolta dei rifiuti, i gruppi Scout, il Cai, la Misericordia e la Croce Rossa, lo Sprar, la Pro Loco, gli Istituti scolastici e le associazioni Aisa, Guardie per l’ambiente, Gaia, Etna e Dintorni, Avotem e Sicilia antica.
 Sono state ripulite l’area del sentiero delle Lave di Santa Venera (alla presenza anche degli amministratori della vicina Maletto), la strada consortile di contrada Difesa perpendicolare alla Ss 284 e la strada in basolato che raggiunge Piano dei Grilli sull’Etna.
Presenti anche i neo assessori Ernesto Di francesco e Chetti Liuzzo.  
“I complimenti – ha affermato il sindaco Graziano Calanna vanno al Parco dell’Etna per l’iniziativa, ma i ringraziamenti vanno sicuramente rivolti a tutti i nostri volontari delle associazioni e del mondo della scuola. Anche noi preferiamo che il territorio sia Parco, invece che sia sporco”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 17/11/2017
Titolo NUOVA GIUNTA A BRONTE: PARLANO GLI ASSESSORI
Testo
BRONTE – (17 novembre 2017) – Primo giorno da amministratori per i nuovi assessori nominati dal sindaco Graziano Calanna
“Spero - ha affermato Gaetano Messina - di essere all’altezza del ruolo che il circolo PD di Bronte mi ha chiesto di assumere, in un momento di grave crisi istituzionale e forse anche di valori in cui verte la nostra cittadina. L’auspicio è quello di poter dare un fattivo contributo alla soluzione dei tanti problemi che negli ultimi due anni, da consigliere comunale, non ho mai esitato ad evidenziare”.
“Metto a disposizione la mia esperienza ventennale. – ha affermato l’assessore Ernesto Di Francesco – in un momento difficile dove i Comuni sono costretti ad affrontare i problemi della gente con enormi difficolta. Ho accettato con entusiasmo, ringraziando il sindaco per la fiducia accordata e sono pronto ad ascoltare i cittadini con la passione che ha sempre contraddistinto la mia attività politica. Per chi ama la propria città fare l’assessore è un incarico di prestigio ed io ringrazio i tanti amici per la stima dimostrata. Dedico questa nomina ai miei genitori primi maestri per me di senso civico”.         
“Ringrazio il Sindaco per la fiducia che ha voluto riporre un me. – ha aggiunto Chetti Liuzzo - Sono nel mondo della scuola da molti anni e ne conosco il valore e le problematiche. Bronte è una cittadina che offre numerosi indirizzi di studio pertanto è richiesta una particolare attenzione da parte dell’Amministrazione alle esigenze del funzionamento e dell’edilizia scolastica, ma anche alle crescenti esigenze formative. Nell’ambito delle mie competenze attuerò la più ampia collaborazione con le famiglie, il mondo produttivo ed i Dirigenti scolastici per una scuola moderna che sappia affrontare le sfide del futuro”.
“E’ doveroso – conclude il sindaco Graziano Calanna – rivolgere un ringraziamento anche agli ex assessori Vittorio Triscari, Francesco Bortiglio ed Antonio Currao. Il loro impegno è stato fondamentale per iniziare questo percorso amministrativo a vantaggio della collettività”.
Intanto il consigliere Antonio Leanza ha inviato una nota al presidente del Consiglio comunale Nino Galati dove comunica le proprie dimissioni del gruppo “Bronte 2.0 – Liberi e Forti”: “A seguito della nomina di assessore di Ernesto Di Francesco, non condividendone la scelta, comunico la dimissioni dal gruppo. Confermando il ruolo di consigliere di opposizione manifesto la volontà ad aderire al Gruppo misto”.       

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 16/11/2017
Titolo ERNESTO DI FRANCESCO, GAETANO MESSINA E CHETTI LIUZZO NELLA GIUNTA MUNICIPALE
Testo
BRONTE – (16 novembre 2017) – Il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha ricostituito buona parte della Giunta municipale revocata in toto il 19 ottobre scorso.
Questa sera, al termine di un lungo periodo di consultazioni con i gruppi consiliari, il primo cittadino di Bronte ha firmato il decreto che nomina 3 dei 4 assessori.
Si tratta dei consiglieri comunali, Ernesto Di Francesco capogruppo nell’Assemblea consiliare di “Bronte 2.0”, Gaetano Messina a sua volta capogruppo in Consiglio del Partito democratico e Chetti Liuzzo, alla sua prima esperienza politico-amministrativa.
Gaetano Messina, 50 anni, è un ingegnere che svolge anche l’attività di docente nella scuola superiore. Dal 2015 è consigliere comunale ed attualmente è presidente della commissione Urbanistica e Lavori Pubblici  
Ernesto Di Francesco, 46 anni, laureato in Medicina, dirigente sanitario e specialista in Patologia clinica vanta una lunga esperienza politica. Consigliere comunale al terzo mandato, infatti, attualmente è anche presidente della Commissione consiliare sulla Sanità.
Completamente neofita della politica, invece, Chetti Liuzzo, 47 anni, direttore dei servizi generali amministrativi  presso la scuola media Castiglione di Bronte.     
“Io li ringrazio tutti e 3 per la disponibilità ad impegnarsi per la propria Città. – ha affermato il sindaco Graziano Calanna – Si apre un ciclo nuovo pieno di energie. Sono felice della loro adesione - ha  ribadito - perché l’innesto di nuovi assessori servirà a dare ancora maggiore slancio all’attività politico amministrativa ed a realizzare il programma con cui ci siamo presentati agli elettori. Ai nuovi assessori auguro un buon lavoro per il bene della nostra Bronte”.
Graziano Calanna, annuncia anche che presto nominerà anche il quarto assessore, provvedendo a distribuire le deleghe. “Abbiamo garantito la rappresentanza di genere. – intanto spiega – Vedrete non passerà molto tempo che la Giunta municipale sarà al completo, nominando anche il quarto assessore e distribuendo le deleghe. Ognuno di loro dovrà occuparsi dei compiti cui hanno attitudini naturali. I risultati della ultime elezioni regionali – conclude – hanno premiato questa amministrazione a dimostrazione di una gestione sempre rivolta al bene della gente”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto