AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 31/01/2018
Titolo TRE INTERROGAZIONI PER PARLARE DI SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, MERCATO DEL GIOVEDÌ E DI DUE LAVORI PUBBLICI
Testo
BRONTE – (31 gennaio 2018) – Tre interrogazioni su tre distinti argomenti.
I consiglieri comunali Carlo Castiglione, Maria De Luca, Angelica Prestianni, Massimo Castiglione e Salvatore Calamucci, appartenenti ai gruppi consiliari “Bronte viva” e “Noi Bronte” hanno chiesto lumi su tre argomenti: il servizio di Raccolta differenziata, il mercato del giovedì ed i lavori del Castello Nelson e degli alloggi di via Selvaggi.
“Le ore impiegate nel servizio di raccolta – scrivono riguardo la raccolta differenziata – risultano essere insufficienti rispetto a quelle di cui un paese vasto come Bronte necessita”. Poi continuano: “Le giornate di conferimento poste nel calendario ufficiale per le utenze domestiche non risultano adeguate per soddisfare le esigenze della Città”.
Riguardo il mercato del giovedì spostato nel maggio scorso in contrada Sciarotta,  sottolineano che “la modifica, più volte prorogata, non ha mai ricevuto alcun parere favorevole dal Consiglio comunale” e che  “sono molte le problematiche poste dai cittadini e dagli ambulanti che lamentano spazi inopportuni, norme igieniche non adeguate ed una condizione che non favorisce l’attività commerciale”.
Infine i consiglieri chiedono di sapere lo stato lavori del Castello Nelson  e dei 60 alloggi a canone sostenibile di via Selvaggi”.
“Risponderemo tranquillamente in Consiglio – replica il sindaco Graziano Calanna – e ringrazio i consiglieri per permettermi di parlare di 3 argomenti importanti. Sul servizio di raccolta dei rifiuti siamo in fase di rodaggio. Verificheremo l’efficacia del servizio  quando gli operatori avranno assimilato i nuovi meccanismi.
Il Consiglio – continua il sindaco - sul mercato deve esprimersi quando lo spostamento è definitivo ed ancora non lo è. Le lamentale ricevute sono legate ad una fase transitoria che avventori e commercianti hanno ben compreso”.
Infine i lavori: “I lavori del Castello Nelson procedono. – conclude – Per i 60 alloggi aspettiamo la conclusione dell’iter di incarico del direttore dei lavori, la cui gara è stata già espletata”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/01/2018
Titolo IL PISTACCHIO VERDE DOP DI BRONTE PROTAGONISTA AL SAN LORENZO MERCATO
Testo
BRONTE – (29 gennaio 2018) – Il pistacchio verde di Bronte dop, andato letteralmente a ruba al Mercato di San Lorenzo” di Palermo.
Domenica, particolarmente affollate sia le degustazioni  sia lo Show cooking.
Gli chef Ausilia e Rosario Saitta hanno preparato un “tortino di riso al pistacchio”, un risotto all’Oro verde con pecorino e pere ed un filetto in crosta di pistacchio.
Apprezzati anche la pasticceria di Carmelo Orefice. Ad accompagnare i maestri del pistacchio di Bronte alla manifestazione palermitana l’assessore alle Attività produttive Vittorio Triscari, per la soddisfazione del sindaco Graziano Calanna. “Abbiamo fatto tutto – ha affermato il primo cittadino – per attirare i turisti a Bronte dove potranno fare scorta di tutti i prodotti al pistacchio che hanno assaggiato. I ringraziamenti vanno all’assessore Triscari, ma in particolare a tutti gli artigiani che, con la solita passione, hanno dato il meglio di se in una delle ormai più rinomate manifestazioni della Sicilia occidentale”.
Ed, infatti, l’area riservata al pistacchio di Bronte è stata letteralmente presa d’assalto dai visitatori. Affollatissime le distrazioni, ancor di più le decostruzioni. Centinaia e centinaia le porzioni di risotto al pistacchio distribuite gratuitamente, per la gioia dei golosi.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/01/2018
Titolo POLEMICHE FRA LA COMMISSIONE BILANCIO E IL SINDACO
Testo
BRONTE – (29 gennaio 2018) – La vendita dei lotti della zona artigianale accende il dibattito fra la Commissione Bilancio e Tributi ed il sindaco Graziano Calanna. Sotto osservazione il contratto che il Comune stipula con l’artigiano che acquista il lotto di terreno dove costruire il capannone. Contratto che a dire della Commissione sarebbe svantaggioso per il Comune stesso e lo esporrebbe al rischio di contenziosi.
“In caso – si evince dal verbale della Commissione – di inadempienza della ditta assegnataria nel pagamento del prezzo, in caso di eventuali manufatti già costruiti, questi saranno acquisiti al patrimonio del Comune, che rimborserà alla ditta solo il costo dei materiali impiegati”. E su questo aspetto i consiglieri oltre ad “esprimere riserve di carattere giuridico” affermano: “Il rimborso delle spese materiali è molto svantaggioso per l’ente e lo espone a forti rischi e conteziosi. Non riteniamo opportuno che il Comune debba rimborsare ad assegnatari inadempienti il costo dei materiali, non si dovrebbe riconoscere alcun indennizzo. Chiediamo che questo verbale venga inviato al Segretario comunale, in qualità di responsabile dell’anticorruzione, affinché venga esaminata questa procedura di vendita per salvaguardare l’Ente e le sue finanze”. 
In pratica il Comune sta vendendo agli artigiani lotti di 1700 metri quadrati circa a 45 euro per metro. Per acquistarlo un artigiano deve pagare subito un terzo della somma complessiva ed il resto entro la fine dell’anno, oltre il quale scattano gli interessi. Ma se non paga, il Comune si riprende tutto.
Qui, però, il sindaco spiega un aspetto che è ben chiaro nel preliminare di vendita che devono sottoscrivere artigiani e Comune, ma non si evince dalla determina cui fanno riferimento i consiglieri della Commissione: “All’artigiano inadempiente – spiega Graziano Calanna – verrà restituito solo il 20% delle spese sostenute e documentate per l’acquisto dei materiali impiegati per la costruzione del capannoni, non certo la cifra per intero. Fatti i conti, le preoccupazioni dei consiglieri sono vane. Il Comune, per prima cosa, incamera il terzo del costo del lotto e se le cosa vanno male, con il pagamento del 20% delle spese per i materiali, si appropria di un capannone che, poi, può rimettere in vendita. Non mi sembra poi una situazione cosi svantaggiosa per l’Ente. Chi sarebbe questo artigiano che paga un terzo del costo del lotto per poi perdere tutto in cambio di una cifra esigua rispetto a quella sostenuta? Anzi, vi dico di più: questo contrato, non chiedendo quelle fidejussioni che possono permettersi in pochi, mette tutti gli artigiani in condizione di partecipare, garantendo e non compromettendo le casse del Comune”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 27/01/2018
Titolo DIFFERENZIATA SUPERA IL 50%
Testo
BRONTE – (27 gennaio 2018) – Cominciano ad arrivare i primi dati sugli esiti della raccolta differenziata dei rifiuti a Bronte. Dal 15 gennaio è partito il nuovo servizio, con gli utenti che hanno utilizzato nuovi sistemi e nuovi contenitori.
Un progetto che ovviamente nella fase di “strat up” ha destato preoccupazioni. Oggi, però, alla luce dei primi risultati, anche se con le dovute cautele, le sensazioni sembrano essere buone. “Abbiamo superato il 50% di raccolta differenziata – ci dice il sindaco – è questo è positivo, anche se per avere stime più veritiere bisognerà aspettare ancora un po.
Comunque una buona iniezione di fiducia. Devo ringraziare tutti quei miei concittadini, che sono la stragrande maggioranza, che hanno risposto al nostro appello, impegnandosi a fare la raccolta differenziata. Ovviamente – continua – non potete immaginare quanti problemi abbiamo dovuto affrontare in questi giorni, ma piano piano stiamo provando a risolverli”.
Ed uno dei problemi è quello di dover convincere a differenziare i rifiuti pure quella parte di “irriducibili” che gettano i sacchetti per strada o nelle zone di campagna trasformandole in microdiscariche. Un fenomeno che il Comune contrasta in due modi: sanzionare chi scarica abusivamente rifiuti e ripulire le aree.
Molte aree, infatti, sono videosorvegliate anche da telecamere sono nascoste e chi scarica abusivamente rifiuti rischia una sanzione di 600 euro, con gli operatori ecologici che, insieme con la Polizia municipale, spesso controllano i sacchetti abbandonati alla ricerca di qualcosa che faccia risalire all’identità del proprietario.
“Zone come quella di Fiteni ieri sono state ripulite. – conclude Graziano Calanna – Spero che non ridiventino discariche e che tutti i miei concittadini presto sposino e facciano proprie i motivi che ci spingono a fare la raccolta differenziata. Basta leggere le cronache regionali per capire che quello dei rifiuti è il problema dei problemi. Se continuiamo a gettare tutto in discarica il costo per i cittadini rischia di lievitare tantissimo. Chi getta un sacchetto per strada inquina il pianeta e fa un danno economico a tutti noi. Tutti insieme – conclude - dobbiamo evitare costi enormi per la raccolta dei rifiuti, oltre a lasciare ai nostri figli un territorio pulito e salubre”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 24/01/2018
Titolo IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA REGOLAMENTI E RIVEDE IL PIANO TRIENNALE DELLE OO.PP.
Testo
BRONTE – (24 gennaio 2018) – Il Consiglio comunale di Bronte, presieduto da Nino Galati, ha modificato due importanti regolamenti ed il piano triennale delle Opere pubbliche.
Per prima è stata affrontata la discussione sulla modifica del “Regolamento Comunale per la concessione di sovvenzioni, contributi ed ausili finanziari e l’attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persona ed Enti pubblici e privati”, con i consiglieri Maria De Luca, Salvatore Calamucci, Angelica Prestianni che hanno presentato un emendamento, modificando il periodo di presentazione delle domande, prima possibile da gennaio ad ottobre ed oggi solo da gennaio a marzo e da giugno a luglio. Alla fine sia l’emendamento, sia il regolamento sono stati approvati con l’astensione del consigliere Gaetano Messina.
Approvato, invece all’unanimità il “Regolamento comunale per la concessione di contributi per l’adozione di cani randagi” che permette ad associazioni e privati di adottare i cani che finiscono nel canile, con il Comune che gli garantirà un contributo di 400 euro l’anno per ogni cane, per un massimo di 3 anni. Per questo punto è stato presentato un emendamento dai consiglieri Maria De Luca, Salvatore Calamucci, Gaetano Messina, Enza Meli, Angelica Catania, Samanta Longhitano, Antonio Petronaci e Salvino Luca che limita a 3 il numero di cani che un privato può adottare. Il limite non si applica per le associazioni.
Infine, con l’astensione dei consiglieri Giuseppe Di Mulo, Angelica Catania ed Antonio Leanza, l’approvazione della modifica del piano triennale delle opere pubbliche che prevede l’inserimento di nuovi progetti, come la riqualificazione della villa comunale e del Polo sportivo di via Dalmazia e le riconversioni dell’ex mattatoio ad Isola ecologica, di un locale in via Palermo a fabbricato a servizio dei turisti e dell’Ex caserma dei carabinieri in alloggi sociali (social housing). Infine modificata la spesa da 12,350 a 13,400 milioni di euro per la realizzazione della bretella di collegamento fra la Ss 284 e la zona artigianale ed il livello di progettazione, da preliminare ad esecutivo, della strada di collegamento fra via Irlanda e la statale 284.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/01/2018
Titolo RACCOLTA DIFFERENZIATA, PRIME MULTE AI TRASGRESSORI
Testo
BRONTE – (23 gennaio 2018) – Era già stato annunciato la settimana scorsa. Cominciano i controlli a Bronte, con tanto di contravvenzione, contro coloro che si rifiutano di fare la raccolta differenziata e lasciano i sacchi di immondizia per strada.
La Polizia municipale insieme con il personale della Caruter, la società che effettua la raccolta dei rifiuti, e del Comune, ha individuato alcuni sacchi di immondizia abbandonati sul ciglio della strada statale 284 ed ha effettuato i controlli. I sacchetti sono stati aperti alla ricerca di elementi utili per risalire al proprietario. Ed il metodo ha funzionato. Nel giro di poche ore sono stati identificati tre proprietari di sacchetti abbandonati, uno residente a Bronte e gli altri 2 di Maletto e Randazzo. Segno questo che ci sono utenti che, passando in auto, lasciano abusivamente rifiuti.
La Polizia municipale sta effettuando le indagini di rito, ma è molto probabile che costoro vengano accusati di abbandono di rifiuti, che prevede una sanzione di 620 euro.
Ed i controlli continueranno ogni giorno,
anzi saranno intensificati, esattamente come quelli nelle aree di campagna per contrastare la formazione di micro discariche.
Intanto ad aiutare la gente a fare bene la raccolta differenziata ci sarà anche la Pro Loco di Bronte. Il presidente, Dario Longhitano, ci dice che i volontari saranno disponibili presso la sede di  via Umberto per fornire le informazioni necessarie.
Non sono però solo gli utenti che devono differenziare bene i rifiuti e rispettare gli orari di conferimento dei contenitori, che ricordiamo è dalle 22 fino alle 7 dell’indomani. Ieri il sindaco Graziano Calanna, ha voluto incontrare i vertici della Caruter perché sono tante le segnalazioni di disservizi da parte dei cittadini. In primis ogni qual volta che bisogna ritirare 2 tipologie di rifiuti gli operatori ecologici rischiano di non completare il giro, non ritirando i rifiuti da qualche strada. In alcune zone lo spazzamento automatico va migliorato e poi ci sono da raggiungere gli utenti che vivono nelle campagne.
“Abbiamo – ci dice il sindaco affrontato tutti i problemi uno ad uno. La Caruter ci ha assicurato che questo è un momento di rodaggio e che con il tempo tutto si sistemerà. Noi – conclude – aspetteremo ma faremo incontri ogni settimana, perché se pretendiamo efficienza dalla gente, noi per primi non possiamo sbagliare”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 19/01/2018
Titolo BRONTE DEMOCRATICA VA ALL’OPPOSIZIONE
Testo
BRONTE – (19 gennaio 2018) – Il gruppo consiliare di Bronte “Bronte democratica”, composto dai consiglieri Pina Pagano e Rosario Liuzzo lasciano la maggioranza. L’annuncio è giunto in Consiglio comunale, con il consigliere Pagano che ha letto una lettera inviata al sindaco, Graziano Calanna ed la presidente del Consiglio comunale, Nino Galati.
“I sottoscritti – scrivono – annunciano di ritirare il proprio sostegno all’Amministrazione Calanna. La fiducia nei confronti del Sindaco si è via via sfaldata nel tempo, rompendosi definitivamente a causa degli atteggiamenti poco corretti che il Primo cittadino ha tenuto qualche giorno prima delle elezioni regionali, sia nei confronti dei Consiglieri comunali del nostro Gruppo, che con il rappresentante in Giunta che “Bronte democratica” riconosceva all’interno dell’esecutivo cittadino come rappresentante.
A seguito di tali comportamenti, che hanno notevolmente scosso la vita politica del nostro paese, il nostro gruppo consiliare intende smarcarsi.   Questo “tirare a campare, per non tirare le cuoia” – concludono – e la mancanza di rispetto verso gli organi istituzionali non possono essere più tollerate. Pertanto riteniamo di dover cambiare atteggiamento e passare da “maggioranza responsabile” ad “opposizione responsabile”. 
“Siamo  impegnati in importanti progetti che guardano allo sviluppo della città – replica il sindaco Graziano Calanna – come l’inizio della raccolta differenziata o una importante progetto di edilizia scolastica che verrà presentato a breve. Di fronte a tanto impegno e lavoro è singolare che un consigliere vada all’opposizione solo perché non ha più l’assessore di riferimento a cui chiedere cortesie spicciole. Auguro ai consiglieri buona fortuna”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/01/2018
Titolo VERTICE FINALE FRA COMUNE E CARUTER
Testo
BRONTE – (12 gennaio 2018) – Vertice finale, questa mattina in Comune, fra il sindaco Graziano Calanna e la Caruter, la società che effettua in citta la raccolta dei rifiuti. Lunedì, infatti, parte il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti, che sarà sempre porta a porta, ma che prevede l’utilizzo dei nuovi contenitori nel rispetto del calendario settimanale che cambia a seconda se si è utenza domestica o meno.
In questi giorni massiccia è stata la campagna di informazione agli utenti, ma adesso è necessario passare ai fatti. Da lunedì, infatti, tutti i contenitori utilizzati per la vecchia raccolta saranno eliminati e bisognerà utilizzare il contenitore marrone per i rifiuti organici,  quello blu per carta e cartone, verde per il vetro, giallo per plastica e metallo, ed infine, grigio per i rifiuti indifferenziati.
“Nei primi giorni – ha affermato il sindaco Graziano Calanna – è normale ci sia confusione. Per questo motivo ho chiesto alla Caruter di avere una iniziale tolleranza. Chiedo però l’impegno dei miei concittadini affinché questo periodo sia realmente formativo”.
Il sindaco poi avverte: “Si sappia che le notizie vere ed ufficiali sul servizio sono pubblicate sul sito e sul profilo facebook del Comune. Per qualsiasi dubbio si può telefonare al numero verde 800.196.868 oppure all’Urp allo 095.7747244”.
Durante l’incontro sono stati affrontati quelli che già possono già sembrare criticità, ovvero il ritiro dei rifiuti agli utenti che abitano in campagna e degli ambulanti a posto fisso. “Gli ambulanti avranno i loro contenitori, – aggiunge il sindaco – mentre chi abita o va spesso in campagna usufruirà del servizio a porta a porta, ma sarà in futuro incentivato a conferire i rifiuti nel Ccr. Pensiamo anche di mettere in campagna delle piccole isole ecologiche videosorvegliate”.
Allo studio della Caruter anche un piano per coloro che non possono conferire rifiuti nell’ora indicata, ovvero dalle 22 fino alle 7 del mattino. “Insomma – conclude Graziano Calanna – stiamo pensando a tutto, ma lunedì saremo in prima linea per vedere come va ed individuare e risolvere ogni criticità”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
 
Data Comunicato 12/01/2018
Titolo GLI ALBERI DI NATALE CONTINUERANNO A VIVERE
Testo
BRONTE – (12 gennaio 2018) – Tutti gli alberi di Natale che hanno creato atmosfera nelle piazze di Bronte sono stati nuovamente impiantati per abbellire diversi angoli della cittadina. Il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, e l’assessore Ernesto Di Francesco hanno deciso di piantarli nelle aiuole che fino a ieri erano prive di alberi di alto fusto.
“L’obiettivo è triplice. – ci dice l’assessore Di Francesco – Per prima cosa salviamo gli alberi, poi valorizziamo l’ambiente ed il verde pubblico e soprattutto rendiamo più bella la città”.
E così gli operai in questi giorni hanno provveduto alla messa a dimora degli alberi che adesso fanno bella mostra di se in piazza Aldo Moro, nei pressi della scuola elementare di contrada Sciarotta e vicini i 54 alloggi popolari di viale Regina Margherita.
“Gli alberi sono belli e rigogliosi. – ci dice il sindaco Graziano Calanna – Li abbiamo scelti appositamente con le radici perché avevano fin dall’inizio intenzione di ripiantarli. Sarebbe stato in peccato farli morire. E’ sbagliato riempire le città di alberi per poi buttarli. Adesso con orgoglio fanno parte del patrimonio verde di tutti noi. Ringrazio gli impiegati del Comune per averli accuratamente ripiantati e per il lavoro che faranno per farli crescere rigogliosi”.
E ieri l’assessore Di Francesco, insieme con l’assessore Chetti Liuzzo hanno effettuato dei sopralluoghi per verificare il completamento dei lavori. Arrivati in piazza Aldo Moro, compiaciuta per l’idea è arrivata anche la dirigente del I Circolo didattico, la professoressa Gabriella Spitaleri, con l’assessore Di Francesco che così ha spiegato la scelta di piantarli principalmente nei pressi degli Istituti scolastici: “Per sottolineare – ha affermato – la vicinanza dell’Amministrazione comunale al mondo della scuola ed in maniera particolare al plesso Sciarotta, giorni fa preso di mira dai ladri”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/01/2018
Titolo UNA PISTA DI PATTINAGGIO IN VIA SELVAGGI
Testo
BRONTE – (12 gennaio 2018) – Presto Bronte potrebbe indossare i pattini. Due associazioni “no profit” hanno risposto alla manifestazione di interesse pubblicata dal Comune di Bronte per la gestione del Centro sportivo polivalente di via Matteo Selvaggi. Il Centro sportivo vanta un campo di calcio a 5 ed una pista di pattinaggio cui sono annessi servizi e spogliatoi. Fino ad oggi è rimasto inutilizzato, ma adesso il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha deciso di darlo in gestione alle associazioni.
“Per i giovani una bella occasione. – afferma il Sindaco – La cittadina si arricchisce dell’ennesimo campetto di calcio a 5 e soprattutto permetterà a tutti di pattinare. Abbiamo pubblicato la manifestazione di interesse perché vogliamo che chi gestirà la struttura lo faccia con impegno, mettendo a disposizione e salvaguardando l’intero impianto”.
Ed, infatti, fra gli obblighi di chi si aggiudicherà la “gara”, previsti nel piccolo “bando” dal responsabile dell’Ufficio, dott. Nino Minio,  c’è non solo la custodia, la vigilanza, la manutenzione e la pulizia dei locali, ma anche l’organizzazione di una scuola calcio ed in particolare di pattinaggio artistico che non dovrà escludere i meno abbienti.
“Certo – spiega Graziano Calanna – 20 ragazzi segnalati dai Servizi sociali del Comune frequenteranno l’impianto gratis. Inoltre – continua – si dovrà assicurare l’utilizzo della struttura alle scuole pubbliche che ne fanno richiesta e mettere a disposizione gli impianti ai residenti del quartiere Sciara Sant’Antonio almeno una volta la settimana. Come vedete – conclude il sindaco – non dimentichiamo mai di aiutare i più deboli”.
Per sapere chi si aggiudicherà la gestione dell’impianto bisognerà aspettare però altri 7 giorni. Mercoledì 24, infatti, si apriranno le buste.   
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
 
Data Comunicato 11/01/2018
Titolo “IL BACIO DI OVIDIO” NUOVA DELIZIA AL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (11 gennaio 2018) – C’è chi lo definisce il connubio più riuscito fra il cioccolato ed il pistacchio verde di Bronte, chi addirittura il miracoloso incrocio fra le culture araba, che intorno all’anno 1000 portarono il pistacchio a Bronte, ed il cioccolato che gli spagnoli diffusero in Europa nel XVI secolo. Parliamo del “Bacio di Ovidio”, un cioccolatino irregolare e tondeggiante farcito di pistacchio di Bronte, “coniato” dalle prodigiose mani di un maestro cioccolatiere di Perugia.
La sua storia è recentissima, di appena qualche giorno fa. Il pasticcere di Bronte, Francesco Virgillito, ed Antonino Gulino, insieme al vice presidente del Consiglio comunale di Bronte, Giuseppe Di Mulo,  decidono di promuovere il pistacchio di Bronte a “Cioccolate days”, la festa del cioccolato di inizio anno che si organizza a Sulmona. Qui incontrano il perugino Fausto Ercolano, rinomato e famoso maestro di cioccolateria. L’incontro è fatale, il maestro decide di farcire il suo gustoso coccolato con un chicco di pistacchio verde di Bronte. Il risultato è straordinario. Viene fuori un cioccolatino molto simile ai famosi “baci” che viene subito battezzato “Il bacio di Ovidio”, in onore del poeta Publio Ovidio Nasone, nato nel 43 a.C. proprio a Sulmona.
“Il maestro Ercolani ne ha fatti a centinaia – ci dice Giuseppe Di Mulo – andati tutti a ruba”. E siccome a Sulmona esponevano pure i cioccolatieri del Consorzio di tutela del Cioccolato di Modica si è deciso di unire gusti,  culture ed abilità e provare a lanciare il nuovo croccante cioccolatino.
“Noi a Bronte – afferma il pasticcere Francesco Virgillito – avevamo già in mente di creare una sorta di “bacio” all’esclusivo gusto di pistacchio, ma quello creato dal maestro Ercolani è veramente buono”.
“Immaginate – ha continuato Antonino Gulino – cosa può venir fuori utilizzando il cioccolato di Modica. Anche i cioccolatieri modicani ci credono. Sarà l’esplosione dei gusti e delle abilità della Sicilia”.
E che si faccia sul serio lo dimostra il fatto che il nuovo cioccolatino è stato mostrato e fatto assaggiare al sindaco di Bronte, Graziano Calanna, perché a giorni il maestro Ercolani ed i cioccolatieri di Modica verranno a Bronte per sostenere l’iniziativa. “E la Città è pronta ad accoglierli. – ha affermato il sindaco dopo essersi complimentato per il cioccolatino – Questa terra ricca di profumi, sapori e maestrie può regalarci un altro prezioso, nuovo ambasciatore dei gusti di una Sicilia, che non finisce mai di stupire”. 
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 09/01/2018
Titolo 15 GENNAIO, RIVOLUZIONE RACCOLTA RIFIUTI
Testo
BRONTE – (9 gennaio 2018) – La Città di Bronte si prepara alla rivoluzione nella raccolta dei rifiuti.
Lunedì 15 gennaio parte il nuovo servizio di raccolta, che sarà sempre porta a porta, ma gli utenti dovranno utilizzare i nuovi contenitori che questa volta sono cinque: marrone per i rifiuti organici,  blu per carta e cartone, verde per il vetro, giallo per plastica e Metallo ed infine grigio per i rifiuti indifferenziati.
Nei giorni scorsi la Caruter, oltre ai contenitori ha diviso anche il calendario settimanale che di giorno in giorno indica la tipologia di rifiuto che viene ritirato. Questo calendario cambia a seconda se si è utente domestico o non domestico. E’ questa è l’unica differenza fra i 2 tipi di utenti, per il resto tutti dovranno rispettare le regole del nuovo servizio.
Importante il fatto che i rifiuti organici dovranno essere posti nel contenitore all’interno dei sacchetti forniti in dotazione oppure in quelli biodegradabili, mentre per quelli indifferenziati sarà possibile utilizzare comuni sacchetti, ma non sarà consentito utilizzare quelli di colore nero, perché non permettono all’operatore di ispezionare il contenuto.
Carta, cartone, plastica, vetro e lattine, invece, dovranno essere riposti direttamente all’interno del contenitore, senza ulteriore sacchetto.
Tutti gli utenti dovranno porre davanti casa i contenitori colorati la sera prima del giorno di raccolta dalle ore 22 entro le ore 7 mattino.
Il nuovo servizio garantisce il ritiro direttamente da casa dei rifiuti speciali e ingombranti. Basta telefonare al numero verde 800.196.868 e prenotare il ritiro. Inoltre gli utenti potranno consegnare i rifiuti differenziati direttamente nel Centro comunale di raccolta, pronto in un futuro ormai non più tanto prossimo, a pesare i rifiuti e garantire agli utenti virtuosi delle agevolazioni.
“L’obiettivo è trasformare nel più breve tempo possibile i rifiuti in una risorsa e tutelare il nostro ambiente. – afferma il sindaco Graziano Calanna – Mi rendo conto che all’inizio ci potranno essere delle difficoltà, ma dobbiamo cercare di superarle tutte. Io invito gli utenti a rivedere in tv le lezioni impartite dal personale della Caruter ed a non avere remore a telefonare al numero verde per ogni dubbio. Con la collaborazione dei miei concittadini presto a Bronte la percentuale di raccolta differenziata sarà come quella dei Comuni più virtuosi. Un impegno che dobbiamo al nostro pianeta ed ai nostri figli”.
Data Comunicato 09/01/2018
Titolo PARTE LA TERZA EDIZIONE DEL PROGETTO “HOME CARE PREMIUM”
Testo
BRONTE – (9 gennaio 2018) – Parte per i Comuni di Bronte, Maletto, Maniace e Randazzo la terza annualità di “Home care premium”. Si tratta di un progetto di assistenza domiciliare, sovvenzionato dall’Inps, che garantisce un aiuto concreto alle  persone non autosufficienti, familiari di dipendenti o pensionati pubblici.
Il progetto è stato presentato nella sala conferenze degli uffici comunali di Viale Catania a Bronte, sede dei Servizi sociali. Presenti il sindaco di Bronte, avv. Graziano Calanna, il dott. Salvo Calì assistente sociale del progetto, il dott. Massimiliano Terzo che è consulente tecnico e l’avvocato Antonino Novello.      
“I fondi Inps – ha affermato il dott. Terzo – sono prelevati dallo 0,35% dei dipendenti pubblici in servizio. Il progetto è rivolto sia ad anziani, sia a minori. Il grado di disabilità ed il livello del reddito dei richiedenti saranno inseriti in una banca dati dall’Inps che elaborerà una graduatoria nazionale, comunicando ai Comuni i nominativi delle persone che devono essere assistite”.
Due le tipologie di contributi garantiti: la prima un contributo da parte dell’Inps diretto al beneficiario che così potrà sostenere l’assistenza fornita da personale specializzato o da familiari; la seconda assistenza domiciliare gratuita con servizi svolti da professionisti delle cooperative sociali coinvolte nel progetto.
A differenza degli altri anni non c’è un tempo massimo per presentare le domande. L’Inps, infatti, stilerà graduatorie ogni mese. Le domande dovranno essere presentante telematicamente e gli utenti potranno avvalersi degli sportelli allestiti presso i Servizi sociali del Comune di Bronte dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 13.00.
“Lo dico sempre perché credo sia una grande verità. – ha commentato il sindaco Graziano Calanna - La qualità dell’attività amministrativa ed il valore di uno Stato si misurano con il livello di solidarietà sociale che garantisce. Il grado di civiltà di un popolo si guarda attraverso la sua capacità di aiutare chi soffre e sta male per qualsiasi disagio. Per questo ci impegniamo al massimo per garantire solidarietà sociale anche in periodi di crisi. Ed Home car premium ci aiuta a raggiungere questo traguardo”.    
Data Comunicato 04/01/2018
Titolo I SINDACI: “SUBITO DA MUSUMECI PER L’OSPEDALE”
Testo
BRONTE – (4 gennaio 2018) – Un incontro con il presidente della Regione, Nello Musumeci e con l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, per denunciare tutte le promesse in questi anni regolarmente disattese e chiedere di conoscere i progetti futuri sull’ospedale di Bronte.
         Questo l’esito del vertice tenuto all’interno del Palazzo municipale di Bronte, cui hanno partecipato i sindaci del “Comitato a difesa dell’ospedale”. All’incontro, ospiti del sindaco di Bronte, Graziano Calanna, hanno partecipato Michele Mangione sindaco del Comune di Randazzo, Salvatore Calì di Cesarò, Salvatore Barbagiovanni di Maletto e Antonino Cantali di Maniace. Con loro il vice sindaco di Maletto, Ausilia Calì, e l’assessore di Cesarò, Rosanna Longo. Presenti anche gli assessori di Bronte, Ernesto Di Francesco e Vittorio Triscari, ed il presidente del Consiglio comunale Nino Galati.
         “Se devo dirla tutta – ha affermato Graziano Calanna in apertura – in questi anni, oltre a garantire il Punto nascita, non è stato fatto nulla. Nonostante le tante promesse il completamento degli eterni lavori è pieno di se e di ma. Al contrario, invece, registriamo un lento ed inesorabile depotenziamento dei servizi offerti ed anche un certo disinteressamento, se consideriamo che nulla si sa ancora sull’Unità operativa semplice di Ortopedia che secondo il paino sanitario deve essere istituita. Inoltre è stata diramata una circolare che sancisce “intercambiabilità” dei medici della nostra Pediatria, che è un reparto di eccellenza, con quella di Biancavilla. Io mi nei giorni scorsi mi sono sentito sia con il direttore generale Giuseppe Giammanco, sia con l’assessore Razza che, in onor del vero, ha mostrato interessamento. Ma fino a quando non ci sarà chiarezza – conclude - abbiamo l’obbligo di mettere un freno al depauperamento dell’ospedale”.
         Unanimi i giudizi dei sindaci. Per Barbagiovanni è la politica che ha preso in giro il territorio non garantendo a Bronte ne i macchinari, ne i medici e ne i gli attesi lavori.
         “Non possono – ha aggiunto l’assessore Di Francesco – lasciare l’ospedale di Bronte senza un reparto di eccellenza. Qui è utile una buona Cardiologia”. Concetto ribadito anche dal sindaco Cantali che ha paventato comportamenti mirati per penalizzare Bronte: “Se deve esserci un Pronto soccorso – ha affermato - che questo sia efficiente per tutte le emergenze, con medici preparati, cardiologi ed anestesisti”.
         “Qui – ha accusato il sindaco Calì – chi è vittima di un infarto non può ricevere velocemente i necessari soccorsi”. Infine Mangione che ha ribadito l’importanza di capire realmente cosa la politica ha in mente di fare per l’ospedale di Bronte. Tutti argomenti che i sindaci presto rappresenteranno a Musumeci e Razza, chiedendo che ai propri cittadini venga garantito il diritto alla salute.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 03/01/2018
Titolo UN MILIONE DI EURO PER LE SCUOLE MAZZINI E SPEDALIERI
Testo
BRONTE – (3 gennaio 2018) – L’Amministrazione comunale di Bronte, guidata dal sindaco Graziano Calanna, dopo aver chiesto ed ottenuto dalla Regione siciliana un finanziamento di oltre un milione di euro, approva in Giunta 2 progetti, redatti dall’Ufficio tecnico del Comune, che riguardano la sicurezza negli edifici scolastici delle scuole elementari Mazzini e Spedalieri.
         “Prima – ci dice il sindaco Graziano Calanna – abbiamo reso i progetti esecutivi e poi, grazie all’interlocuzione con gli uffici della Regione, abbiamo ottenuto i fondi previsti del Piano triennale per l’edilizia scolastica della Regione siciliana. I soldi sono già arrivati. Per questi motivo in questi giorni l’Ufficio tecnico è impegnato nella redazione dei bandi di gara da inviare alla Centrale unica di committenza di Pedara per la pubblicazione. Se tutto procede senza intoppi – continua il primo cittadino – presto potremo iniziare i lavori. Questa città – aggiunge Graziano Calanna – guarda con notevole attenzione alla sicurezza degli edifici dove i nostri figli vanno a scuola. Conosciamo le criticità di ogni plesso scolastico e siamo pronti, come in questo caso, ad utilizzare ogni risorsa necessaria messa a disposizione dalla Regione, per rendere la permanenza in classe più sicura possibile”.
         E l’ingegnere Salvatore Caudullo, responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune ci indica il dettaglio delle risorse finanziate e ci spiega quali lavori bisognerà realizzare. “Per l’Istituto “Mazzini” – afferma – la somma finanziata è di 555 mila euro, con cui si adeguerà l’impianto antincendio, come indicato dal Comando dei Vigili del fuoco. Inoltre verrà rivista la stabilità delle capriate in legno e verranno realizzati diversi lavori di manutenzione, per migliorare l’agibilità e la sicurezza complessiva. Invece per la scuola Spedalieri – continua – l’importo finanziato è di 510 mila euro. Anche qui si guarderà alla sicurezza degli impianti, anche se la fetta maggiore di spesa sarà utilizzata per sostituire gli infissi oggi non a norma. Questi, infatti, non solo non consentono una coibentazione ottimale delle aule, ma non sono scorrevoli, come invece prevede la normativa sulla sicurezza degli ambienti scolastici. Anche qui – conclude Caudullo - non mancheranno i lavori di manutenzione soprattutto nei servizi igienici”.
         “Questi lavori – conclude il sindaco – si aggiungono al completamento dei lavori di adeguamento sismico nelle 12 aule della Scuola media, con il Comune che sta partecipando anche al “Pon scuole 2014 – 2020” con cui puntiamo a mettere in sicurezza le 2 palestre della Scuola media”.     
             
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 01/01/2018
Titolo NESSUN DECLASSAMENTO DEI PRECARI
Testo
BRONTE – (1 GENNAIO 2018) – Nessun declassamento di categoria per i precari del Comune di Bronte. Il futuro piano delle assunzioni prevedrà la loro stabilizzazione nella stessa categoria giuridica con cui hanno, fino ad oggi, espletato servizio.
E’ il regalo di fine anno che il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha effettuato ai 75 contrattisti del Comune.
La Giunta municipale, infatti, ha approvato la modifica della precedente delibera di Giunta che prevedeva che la stabilizzazione solo attraverso il declassamento, stabilendo che il loro inquadramento giuridico ed economico debba essere “uguale a quello relativo al contratto a tempo indeterminato in essere al 31 dicembre 2015”.
“Abbiamo fatto ricorso – afferma il sindaco Graziano Calanna – alla legge regionale che reca disposizioni per la stabilizzazione del personale precario autorizzando i Comuni ad adottare le procedure di stabilizzazione, legge oggi accolta anche dal decreto Madia. Così ho dato incarico al dott. Nunzio Lupo, responsabile dell’area del personale del Comune di Bronte di preparare la delibera che in Giunta abbiamo approvato senza batter ciglio. Grazie a questa delibera – continua - nel piano delle assunzioni che presto adotteremo, i contrattisti, che piano piano stabilizzeremo, saranno assunti con la stessa qualifica con cui hanno operato fino ad oggi. Considero – aggiunge - questo un atto di giustizia nei confronti di una categoria di lavoratori che, al pari dei dipendenti di ruolo, svolgono compiti ben precisi che non possono essere mortificati con un declassamento”.
E nel Comune di Bronte dei 75 contrattisti, 21 sono di categoria B1, 20 appartengono alla categoria giuridica B3 ed infine 34 alla categoria C1.
“L’ho detto in passato e lo confermo – conclude il sindaco Graziano Calanna – fra questi contrattisti ci sono impiegati che si impegnano e lavorano. E questi, se potessi, li stabilizzerei tutti con un unico atto.   
             
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto