AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 31/10/2019
Titolo ILLUMINAZIONE “GREEN” NEI QUARTIERI BUI: CONSEGNATI I LAVORI
Testo
BRONTE – (31 ottobre 2019) – Presto le strade di alcuni quartieri del Comune di Bronte che oggi sono bui, saranno illuminate con impianti di pubblica illuminazione moderni ed efficienti dal punto di vista energetico.
Sono stati consegnati, infatti, i lavori di illuminazione pubblica “green” finanziati con i 90 mila euro ottenuti dal Ministero per lo Sviluppo economico.
Presente il sindaco Graziano Calanna con il geometra Francesco Messineo, l’impresa ha preso visione dei luoghi e del lavoro da svolgere.    
“Illuminiamo – afferma il sindaco - quelle zone del territorio oggi non sono servite dall’illuminazione pubblica. E lo facciamo guardando alle nuove tecnologie e pensando all’ambiente. Istalleremo, infatti, impianti ad “isola” che non sono collegati alla rete eclettica, ma che illumineranno il territorio con pannelli fotovoltaici ed opportune batterie”.
Ed i punti luce che verranno istallati sono 32 e verranno posti nelle contrade Sciarotta bassa (zona depuratore) e Piano Daino e nelle vie Piersanti Mattarella, Ungaretti, Principe Nicola, Piracmon, Sforza, San Biagio, Giacinto e Scibilia.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 25/10/2019
Titolo UNIONE SPEDALIERI – CASTIGLIONE LA SCELTA PIU’ VOTATA
Testo
BRONTE – (25 ottobre 2019) – E’ arrivato il momento di scegliere.
Dopo che lo scorso anno il “decreto direttoriale” del Miur (Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca) ha evidenziato come nello storico I Circolo didattico “Nicola Spedalieri” frequentino meno alunni del previsto, con la conseguenza che, essendo sottodimensionato, avrebbe perso il dirigente scolastico, il mondo della scuola ha approvato le scelte da proporre all’Ufficio scolastico regionale. E’ importante, infatti, nel rispetto di alcuni criteri dettati dal decreto dell’assessore regionale, individuare la soluzione migliore soprattutto per allievi e genitori.
Ed allo Spedalieri le idee sembrano chiare. Il Collegio dei docenti a maggioranza ed il Consiglio di Circolo (costituito dal dirigente, dai rappresentanti dei docenti, del personale amministrativo, tecnico e ausiliario ed anche dei genitori) all’unanimità, si sono espressi praticamente all’unisono.
Entrambi hanno deliberato di “approvare la creazione di una nuova istituzione scolastica unendo il Circolo didattico Spedalieri con la scuola secondaria di primo grado (ex scuola media) “Luigi Castiglione”.
Il Consiglio di Circolo, rispetto al Collegio dei docenti, ha aggiunto una seconda possibilità nel caso in cui la prima fosse impraticabile. “In subordine – si legge nella delibera – si propone l’aggregazione del Circolo Spedalieri all’Istituto comprensivo Galilei di Maletto”.    
“Il Circolo didattico Spedalieri – afferma l’assessore alle Politiche scolastiche, Chetti Liuzzo - ha perso l’autonomia l’anno scorso, quando siamo riusciti a rimandare la proposta di dimensionamento di un anno.
Adesso non è più possibile rinviare le scelte. Per questo la Giunta municipale a giorni formulerà una proposta da inviare all'Ufficio scolastico provinciale. Abbiamo – continua – ricevuto le delibere degli organi collegiali della scuola che vedono con favore l’accorpamento del Circolo Spedalieri con la scuola media. L'Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Graziano Calanna, ha già incontrato i dirigenti scolastici per un attento esame della situazione scolastica e per formulare la proposta più rispondente alle esigenze del territorio e in conformità alle linee guida dettate dall’assessorato regionale”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 24/10/2019
Titolo ALLERTA ROSSA: DOMANI SCUOLE CHIUSE A BRONTE
Testo
BRONTE – (24 ottobre 2019) – Studenti e scolari a casa domani. A seguito dell’allerta meteo rossa diramata dalla Protezione civile regionale, che prevede forti precipitazioni “a prevalente carattere di rovescio o temporale”, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna ha firmato l’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per domani 25 ottobre.

 L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto     
Data Comunicato 24/10/2019
Titolo IL CATASTO HA CAMBIATO I NUMERI DELLE PARTICELLE E AI CONTRIBUENTI BRONTESI E’ ARRIVATA UNA ERRATA COMUNICAZIONE DI OMESSA DICHIARAZIONE IMU
Testo
BRONTE – (24 ottobre 2019) – Il Catasto, effettuando degli aggiornamenti alle mappe, modifica il numero delle particelle dei fabbricati ed a parecchi contribuenti del Comune di Bronte è arrivata a casa una errata comunicazione di omessa dichiarazione Imu.
Come è potuto accadere è presto spiegato. Il sistema informatico di rilevazione e controllo delle dichiarazioni Imu del Comune, gestito da una società esterna, effettua controlli incrociati con i dati forniti dal Catasto. Poiché il numero delle particelle dei fabbricati è stato cambiato, appena il software del Comune ha effettuato gli incroci con i dati del Catasto e quelli con il proprio database, a molti contribuenti è stata contestata una omessa dichiarazione, ritenendo il software che fossero in possesso di nuovi fabbricati.
In realtà si trattava degli stessi per i quali avevano già pagato.
Per il Comune non è possibile annullare tutti gli avvisi perché fra questi vi sono anche vere omesse dichiarazioni e si rischia di non rispettare le normali scadenze. 
“Parecchi cittadini mi hanno già avvertito dell’errore che crea disagi. – ci spiega il sindaco Graziano Calanna – E’ vero che tutto può essere risolto recandosi all’Ufficio Tributi del  Comune, dove verrà annullato l’avviso. Il problema è che la gente che lavora non ha il tempo per venire in Comune, dove, immaginando che arrivino in tanti, si potrebbero formare anche lunghe code”.
Ed allora il sindaco ha pensato di istituire un servizio di controllo via email. Il contribuente che ha ricevuto la comunicazione e si rende conto che il fabbricato in questione è stato già dichiarato, può inviare una email con la foto dell’avviso ricevuto agli indirizzi tributi@comune.bronte.ct.it o tributi2@comune.bronte.ct.it.
Gli uffici del Comune, che hanno istituito una Task force dedicata, risponderanno al contribuente sempre via email, comunicando se la pratica è stata risolta o se dovranno comunque venire in Comune perché ci sono altri problemi.
Chi non è in condizione di mandare una email potrà recarsi in Comune.
“Speriamo – aggiunge il sindaco – di rendere un servizio ai cittadini, evitandogli il fastidio di venire in Comune. L’informatizzazione da anni ha velocizzato tantissime operazioni burocratiche, questa volta però la fredda operazione del computer ci ha creato un problema. Mi confronterò con i miei Uffici e soprattutto con la società che gestisce il software per far si che problemi simili non abbiano più a verificarsi”.      
      
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/10/2019
Titolo SALVA L’ORTOPEDIA DELL’OSPEDALE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (23 ottobre 2019) – Salva l’Ortopedia dell’ospedale Castiglione Prestianni di Bronte. La notizia è ufficiale ed a renderla pubblica è stato lo stesso direttore generale dell’Asp, Maurizio Lanza durante il vertice tenuto martedì sera a Catania con i sindaci dei Comuni di Paternò, Biancavilla e Bronte. E per Bronte all’incontro hanno partecipato il sindaco Graziano Calanna e l’assessore Ernesto Di Francesco, che da tempo chiedono all’Asp di mantenere il reparto di Ortopedia di Bronte.
L’allarme che il reparto potesse chiudere era scattato soprattutto quando il primario, il dr. Antonio Nicoletti, ha annunciato che presto sarebbe andato in pensione e che, vista la carenza di medici ortopedici, a Bronte non sarebbe stato più possibile garantire il servizio.
Servizio che per il territorio è particolarmente utile, come dimostrano i numeri e l’efficacia degli interventi che l’intera equipe del dr Nicoletti è stata in grado di garantire negli ultimi anni.
Per questo il sindaco, Graziano Calanna, in tutte le occasioni, ha sempre ribadito che l’ospedale di Bronte mai avrebbe potuto fare a meno dell’Ortopedia.
“Finalmente il problema è stato risolto. – afferma l’assessore alle Politiche sanitarie del Comune di Bronte, Ernesto Di Francesco – Dall’Asp abbiamo avuto l’ufficialità che l’Ortopedia rimane. Presto l’Asp provvederà a pubblicare il concorso per il nuovo primario, ma nell’attesa stipulerà una convenzione con la clinica Ortopedica del Policlinico di Catania, per garantire la presenza dei medici in reparto”.
Ma non solo. Durante il vertice il direttore generale dell’Asp ha annunciato che il medico ed il tecnico di Radiologia, in servizio presso il Poliambulatorio, anche loro prossimi alla pensione, verranno sostituiti, garantendola continuità del servizio e che l’ambulatorio di Pneumologia sarà ripristinato, mentre quello di Cardiologia potenziato.
“In qualità di rappresentante dell’Osservatorio dei sindaci del territorio a difesa dell’ospedale – ha commentato particolarmente soddisfatto il sindaco Graziano Calanna – ringrazio il direttore generale Maurizio Lanza che conferma non soltanto la sinergia con le Amministrazioni locali, ma di non trascurare il nostro ospedale. Insieme con il sindaco di Maletto, Maniace e Randazzo, ma anche con Cesarò, San Teodoro e Santa Domenica Vittoria, ho sempre ribadito che l’Ortopedia a Bronte ha sempre funzionato benissimo grazie alla professionalità del dr Nicoletti e di tutta la sia equipe”.
“Ottimo anche il potenziamento del Poliambulatorio. Pneumologia e Cardiologia sono importanti. In particolare l’infarto è una delle principali cause di mortalità ed è bene non solo prevenire, ma anche avere uomini e mezzi per intervenire con urgenza in ospedale in caso di emergenza. Noi in ospedale abbiamo un ottimo cardiologo, il dr Laudani, e potenziare la Cardiologia garantirà al territorio la necessaria assistenza”.
            
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/10/2019
Titolo ENCOMI DOPO L’EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (23 ottobre 2019) – Encomi per i dipendenti del Comune di Bronte che hanno dato il massimo in occasione del recente Expo del pistacchio. Il sindaco Graziano Calanna, alla presenza della Giunta municipale e del segretario comunale Giuseppe Bartorilla, ha conferito un encomio al responsabile dell’Ufficio tecnico, ing. Salvatore Caudullo, al responsabile del settore Commercio, dott. Nino Minio, alla ragioniera Patrizia Orefice che ha organizzato l’Expo, ed al geometra Angelo Spitaleri che ha curato il piano di sicurezza della manifestazione.
“Per esprimere – si legge nella pergamena consegnata – profondo apprezzamento per il lavoro svolto con grande spirito di sacrificio, con efficienza e massima dedizione, dando esempio di professionalità e spiccato senso del dovere”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 22/10/2019
Titolo SPERIMENTAZIONE PER COPRIRE LE BUCHE NELLE STRADE SUBITO ED IN MANIERA EFFICACE
Testo
BRONTE – (22 ottobre 2019) – Che da nord a sud le amministrazioni comunali siano costantemente alle prese con i disagi causati da strade piene di buche, con l’asfalto che di liscio ha solo il ricordo, è un dato di fatto incontestabile.
Ogni giorno, infatti, i sindaci tentano di trovare ogni espediente possibile per cercare di risolvere uno dei problemi più difficili da affrontare.
Più difficile perché riasfaltare una strada costa tantissimo ed i bilanci dei Comuni sono sempre più risicati. Quando si può, gli Uffici tecnici provano a far sistemare dell’asfalto a freddo dentro le buche più grosse, ma il problema viene solo tamponato e neanche con efficacia.
“Noi a Bronte, – ci dice il sindaco Graziano Calanna – grazie ad una riconosciuta oculatezza nell’utilizzo delle risorse di bilancio, siamo riusciti a riasfaltare diverse strade. Il problema però si ripresenta sempre. Le strade oggi sono sollecitate dall’eccessivo transito di veicoli che aumenta il numero delle manutenzioni. Non a caso in passato ho definito l’asfalto “Oro nero” perché i costi per i Comuni sono enormi”.
Purtuttavia da sempre il sindaco ha cercato una soluzione per permettesse un intervento celere subito dopo la formazione della buca e soprattutto un modo per abbattere i costi a beneficio dei conti pubblici.
Per questo nelle strade i Bronte è stata effettuata una specie di sperimentazione. Alla presenta del sindaco e dell’assessore Giuseppe Di Mulo, una società che effettua riparazioni del manto stradale sulle strade, ha sperimentato un sistema, già utilizzato in alcuni Comuni e fra questi anche Milano, che può essere definito innovativo.
In pratica utilizzando un riscaldatore ad infrarossi ed un termo-contenitore di asfalto, questa società ripara l’asfalto in maniera permanente, senza giunture, sostenendo pure di  garantire un risparmio sui costi. I riscaldatori ad infrarossi, infatti, riscaldano lo strato di asfalto usurato ad oltre 170°. L’asfalto ammorbidito torna nuovamente lavorabile e così aggiungendo altro asfalto a 175°C questa società riforma il tappetino senza giunture in maniera più resistente rispetto alla riparazione a freddo. La società è così sicura del risultato che è pronta a risarcire gli automobilisti nel caso in cui la buca si dovesse riaprire in tempi brevi.
“Lo abbiamo provato e sembra funzionare. – ci dice l’assessore Di Mulo – Adesso effettueremo delle valutazioni tecniche ed economiche. Quando saremo certi della reale convenienza decideremo”.
“L’obiettivo – conclude il sindaco Graziano Calanna – è risolvere un problema sentito dai cittadini. Avere le strade senza buche o riparate efficacemente in tempi brevi sarebbe ottimale per gli automobilisti e per il decoro urbano”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 08/10/2019
Titolo BRONTE: ILLUMINAZIONE “GREEN” NEI QUARTIERI BUI
Testo
BRONTE – (8 ottobre 2019) – Il Comune di Bronte continua ad investire per una illuminazione pubblica sempre più “green”.
Dopo essere arrivato primo nella graduatoria regionale per i progetti presentati sull’efficientemente energetico, vedendo approvati lavori per ben 5 milioni e 422 mila euro, il Comune, grazie al “Decreto crescita”, ha ottenuto altri 90 mila euro di finanziamenti dal Ministero per lo Sviluppo economico da utilizzare ancora nel campo del risparmi dell’energia.
“Ormai è risaputo, – spiega il sindaco Graziano Calanna – il Comune partecipa a tutti i bandi che vengono pubblicati e rivolge particolare attenzione a tutti i finanziamenti che possono arrivare per garantire sviluppo. Se poi questo sviluppo è ecosostenibile, ancora meglio. In particolare – continua - questo finanziamento, garantito dal Decreto crescita, ci invita ad investire sull’efficentamento energetico, aspetto che noi già curiamo con particolare attenzione. Per questo nel rispetto dei tempi dettati dalla norma, abbiamo affidato all’Ufficio tecnico del Comune il compito di redigere un opportuno progetto per illuminare quelle zone del territorio oggi non servite dall’illuminazione pubblica con opportuni impianti ad “isola”, cioè non collegati alla rete eclettica e capaci di illuminare il territorio grazie a pannelli fotovoltaici ed opportune batterie”.
Ed i punti luce che l’Ufficio tecnico ha individuato sono 32, distribuiti nelle zone e nelle vie non raggiunte dalla rete elettrica. In particolare nuovi impianti di illuminazione pubblica saranno istallati nelle contrade Sciarotta bassa (zona depuratore) e Piano Daino e nelle vie Piersanti Mattarella, Ungaretti, Principe Nicola, Piracmon, Sforza, San Biagio, Giacinto e Scibilia.
“A noi – continua il sindaco - piace l’idea di illuminare senza consumare energia elettrica, perché questo da una mano all’ambiente. Gli impianti elettrici ad “isola” sono ideali perché consumano energia da fonti rinnovabili. L’unico neo sono le batterie che vanno ad esaurimento, ma noi nel progetto abbiamo inserito l’utilizzo di particolare batterie garantite 10 anni. Alla fine – conclude - il Comune risparmierà e garantirà un servizio migliore”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/10/2019
Titolo STABILIZZATI I 73 CONTRATTISTI
Testo
BRONTE – (7 ottobre 2019) – Qualcuno alla festa ha portato i figli, qualcuno addirittura i nipoti a dimostrazione di quanto tardi sia arrivato, per questi lavoratori, il momento della firma del contratto a tempo indeterminato. Dopo un’attesa durata quasi 30 anni, infatti, si conclude a Bronte, finalmente e  definitivamente, la condizione di precariato per i 73 contrattisti del Comune.
Il sindaco Graziano Calanna, infatti, ha concluso l’iter burocratico, permettendo ai lavoratori di essere stabilizzati.
E così nel Palazzo comunale di Viale Catania, che ospita i Servizi Sociali e Demografici, i lavoratori hanno firmato il contratto che pone fine a dubbi, incertezze ed i rischi di perdere il lavoro ogni fine anno.
“Si conclude definitivamente in questo Comune la stagione del precariato. – ha affermato il sindaco Graziano Calanna rivolgendosi ai lavoratori – Sono felice perché so che questo momento darà serenità a voi ed alle vostre famiglie. Ricordo come qualche anno fa sono stato costretto a ritardare l’approvazione del bilancio perché la Regione siciliana non erogava al Comune i fondi per pagare i vostri stipendi. Una norma regionale, infatti, prevedeva che questi fondi andassero ai Comuni in dissesto.
Allora la battaglia fu dura, ma, come ricorderete, siamo riusciti a vincerla. Ho sempre ritenuto, infatti, che bisogna avere rispetto del lavoro, perché dietro ogni lavoratore c’è sempre una famiglia.
Sono orgoglioso – ha continuato - di aver, dopo 30 anni, posto fine al precariato in questo Comune. La serenità che avete ottenuto sono certo consentirà a tutti noi di offrire ai cittadini un servizio migliore. La Città tutta, - conclude - ne trarrà dei benefici”.
Ed alla firma del contratto hanno partecipato numerose autorità. Oltre al sindaco, presente la Giunta municipale, il presidente del Consiglio comunale, Nino Galati, con diversi consiglieri. Presente anche il sindaco di Floresta, Sebastiano Marzullo.
Tanta gioia fra i lavoratori: “Esprimiamo – ha affermato  Gaetano Barbagiovanni che al Comune di Bronte dal 1995 rappresenta gli ormai ex contrattisti -  grande soddisfazione per una stabilizzazione che rende giustizia ad un lavoro svolto all’interno del Comune, che per troppo tempo è rimasto precario. Diamo atto all’Amministrazione Calanna di aver preso a cuore la nostra situazione fin dal primo momento in cui si è insediato, rendendosi perfettamente conto del disagio nostro e delle nostre famiglie. L’augurio è che mai più ci possano essere lavoratori relegati all’interno di un libo professionale come quello che abbiamo subito noi per quasi 30 anni”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 06/10/2019
Titolo CONCLUSO IL 30’ EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (6 ottobre 2019) – Al rullo dei tamburi degli sbandieratori, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, insieme con tantissimi ospiti ed autorità,  ha tagliato la grande torta al pistacchio verde di Bronte dop, realizzata dagli abilissimi pasticceri dell’associazione regionale Conpait e della Pasticceria Luca.
Poi la torta è stata distribuita ai turisti, dopo che il sindaco e l’assessore Giuseppe Di Mulo, che con il sindaco ha organizzato l’evento, ha consegnato le targhe di ringraziamento agli sponsor ed a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione.
Fra i premiati anche l’ing. Salvatore Caudullo, capo dell’ufficio tecnico del Comune, ma soprattutto Patrizia Orefice, Franco Longhitano e Nino Minio, ovvero l’anima di un evento che ha mostrato grande gradimento fra il pubblico.
Come sempre negli stand è stato venduto di tutto. A ruba gelati, croccantini, crepes e torroncini al pistacchio.    
Ed alla cerimonia finale il sindaco ha avuto l’onore di ricevere numerosi ospiti. Presente l’onorevole Anthony Barbagallo, il sindaco di Maletto, Pippo De Luca, e diversi rappresentanti dei Comuni del territorio fino a Giarre.
Al sindaco ed all’assessore Di Mulo grandi complimenti per un evento che oggi, superando ogni previsione ha registrato grande presenza di pubblico, al punto da creare lunghe code agli ingressi della Cittadina etnea, sia da sud, sia da nord. Per questo il sindaco all’enorme platea di visitatori che affollava la grande piazza Castiglione in attesa della torta ha subito detto: “Mi dispiace che siate stati costretti a subire qualche disagio a causa del rallentamento nella circolazione, ma questo è un evento straordinario. Grazie a tutti ed al mio assessore Giuseppe Di Mulo, che insieme a tutto lo staff che organizza l’Expo hanno lavorato pure la notte pur di organizzare tuto come noi abbiamo chiesto”.
Sul palco anche la Giunta municipale, il presidente del Consiglio comunale Nino Galati, numerosi consiglieri comunali e le Forze dell’Ordine, anch’esse premiate per il lavoro svolto. Quest’anno, infatti, l’organizzazione dell’Expo ha badato in maniera particolare alla sicurezza dei visitatori. 
“Ringrazio tutti gli sponsor, – ha affermato l’assessore Giuseppe Di Mulo – le Forze dell’Ordine e tutti coloro che hanno contribuito. E’ stata una bella vetrina non solo del nostro pistacchio, ma di tutta la Città in grado di mostrare musica e soprattutto tante arte e tanta cultura”.
“Una festa – ha concluso l’on. Anthony Barbagallo – all’altezza della bontà del pistacchio di Bronte che questa Amministrazione guidata dal sindaco, Graziano Calanna, organizza al meglio. Questo Expo è stata eccellente e la qualità delle iniziative cresce ogni anno sempre di più, portando l’immagine di Bronte e della qualità dei suoi prodotti ben oltre i confini regionali”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 03/10/2019
Titolo INIZIA IL WEEK END CONCLUSIVO DELL’EXPO DEL PISTACCHIO
Testo
BRONTE – (3 ottobre 2019) – Il 30’ Expo/Sagra del pistacchio riaccende i motori.
Dopo il grande bagno di folla dello scorso fine settimana, domattina gli stand riaccendono le luci, per quello che forse è il giorno più vivace dell’intera manifestazione.
Il frizzante gioire di migliaia di scolari e studenti, provenienti dall’intera provincia di Catania ed oltre, infatti, renderà omaggio all’Oro verde dop, grazie alla manifestazione “La scuola all’Expo”.
“Un evento – spiega l’assessore alle politiche scolastiche Chetti Liuzzo - che coinvolgerà il mondo della scuola e provocherà una invasione di gioventù che mira a far apprezzare ai più giovani festa e prodotti al pistacchio”.
“Dopo il successo dello scorso fine settimana ci avviamo al week end conclusivo. – ha affermato il sindaco Graziano Calanna – E non si potrebbe ricominciare meglio. Siamo pronti ad ospitare i più piccoli per far loro assaggiare la bontà del nostro gelato al pistacchio”.
Infatti a tutti i bambini sarà offerto del gelato.
“Questa – continua Calanna – è l’edizione numero 30’ dell’Expo, una edizione che è particolarmente apprezzata grazie anche al contributo degli sponsor. Per questo voglio citarli tutti, ringraziando coloro che hanno contribuito, ovvero: le banche Agricola di Ragusa ed Igea, l’Amaro Averna, la Fruit Service di Mario e Nicola Marullo, l’associazione di pasticceri Conpait, la Caffeteria Luca, la Red Lemon con Brontesella, la Ed. Ca.Ma., il Bar La Fragola, la Marullo Pistacchio Spa, la Dolci Delizie di Francesco e Michela Virgillito, la  Longhitano Trasporti Srl, la Naxos Scuderie, la Cooperativa Smeraldo, il Centro Gomme di Salvatore Mirenda, la Saitta Preziosi, il Cafè Chamapagne – Bar e Tabacchi, Tipici & Food di Antonino Gulino, la Gioielleria Longhitano, la Fucina Di Vulcano, l’Amaranca, l’Allianz di Antonio Di Marzo, Gusto Etna di Gianluca Triscari, il Feudo Marullo, la Simeto Costruzioni, Evergreen di Pietro Bonaccorso, i Prefabricati Martelli, l’Azienda Agricola Musa, Pisti’, Sicilcatering e Bronte Dolci”.
Sponsor che dimostrano la grande partecipazione della città all’evento.
E domani ricomincia anche lo spettacolo: “Come sempre – ha aggiunto l’assessore Giuseppe Di Mulo - per tutta la giornata non mancheranno musica ed arte. Tutti attendiamo però il grande concerto degli Shakalab alle 21.30 in piazza Castiglione”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 03/10/2019
Titolo IL DIRETTORE GENERALE DELL'ASP IN VISITA UFFICIALE ALL'OSPEDALE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (3 ottobre 2019) – Il direttore generale dell’Asp 3 di Catania, Maurizio Lanza domattina effettuerà una visita ufficiale all’ospedale Castiglione Prestianni di Bronte e tutti si augurano che porti notizie sulla ripresa dei lavori.
La visita ufficialmente è stata programmata per informare l’Amministrazione comunale, guidata da sindaco Graziano Calanna, sull’iter inerente tutta una serie di richieste che il Comune ha formulato all’Asp.
E le richieste erano tante.
“Al direttore Lanza – spiega il sindaco - avevamo chiesto di risolvere alcuni problemi che si trascinano da anni e che non sono mai stati risolti. In particolare avevamo chiesto, una nuova Tac, una nuova ambulanza con la rianimazione, nuovi arredi e nuovo personale per l’ospedale. Il direttore, - continua Calanna - mantenendo gli impegni, qualche giorno dopo ha emanato una direttiva agli uffici dell’Asp, chiedendo non solo di risolvere questi problemi, ma i tempi necessari per definire gli iter. Oggi sappiamo che il direttore Lanza ci comunicherà quanto eseguito”. 
In verità a Bronte però, oltre alla Tac ed all’ambulanza, si aspettano che il direttore annunci la ripresa dei lavori.
“Sarebbe l’apoteosi. – aggiunge il sindaco Calanna – Sarebbe il coronamento di un lavoro che ci vede costantemente in relazione con l’Asp. Questi lavori sono iniziati nel 2007 e non sono mai stati completati, penalizzando non poco l’intera struttura ospedaliera. La riapertura del cantiere – conclude il sindaco – insieme alla già annunciata istituzione del direttore di presidio a Bronte indicherebbe di sicuro la rinascita per questo ospedale, che ricordo è l’unico in un vasto versante montuoso”.
E che possano riprendere i lavori ci spera con grande ottimismo anche l’assessore alle Politiche sanitarie del Comune Ernesto Di Francesco, utilissima interfaccia fra il Comune e l’Asp.
“Ci speriamo tutti. – infatti afferma – Amministratori, cittadini ed operatori sanitari. Conosciamo già il fattivo impegno del direttore dell’Asp, Maurizio Lanza, per dotare Bronte di una nuova tac ed una nuova ambulanza, che sappiamo che presto arriveranno, attendiamo di apprendere la notizia che presto il cantiere tornerà vivo per completare quei lavori fermi che da ben 12 anni ci penalizzano”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto