AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Comunicati Stampa

LEANZA E CALANNA, IDEE DIVERSE SU COME UTILIZZARE I PROVENTI DELLE MULTE

Data Comunicato 25/09/2017
Testo
BRONTE – (25 settembre 2017) – “Destiniamo nel rispetto della normativa vigente i proventi derivati dalle sanzioni stradali”.
E’ quanto chiede il consigliere Antonio Leanza, presidente della Commissione consiliare al Bilancio, al Presidente del Consiglio comunale, alla Giunta municipale, al responsabile del Servizio finanziario del Comune e per conoscenza all’associazione “Nuovi Consumatori europei di Bronte”.
Leanza, infatti, ha inviato una lettera chiedendo, “vista la vigente normativa in materia di sanzioni del Codice della strada (art. 208 del D. Lgs. N. 285) e viste le segnalazioni pervenute dai “Nuovi Consumatori europei di Bronte”, la modifica della delibera della Giunta municipale n.13/17 e di destinare almeno il 50% delle entrate, consistenti i proventi da sanzioni stradali” come prevede la legge. Leanza elenca quali sono gli interventi previsti dalla normativa e i tanti spiccano “l’ammodernamento e la messa a norma della segnaletica stradale, l’acquisto di mezzi ed attrezzature necessarie per il controllo delle violazioni, la manutenzione delle strade e la loro sicurezza anche a tutela dei disagiati ed infine corsi nelle scuole di educazione stradale”.
“La Polizia municipale – poi dice a noi Leanza - ha previsto per il 2017 un introito di 55 mila euro. Di questi 27.500, pari al 50%, dovrebbero essere spesi nel rispetto della norma sopra citata. Leggendo la delibera 13/17 ci si accorge che solo 6.875 euro vengono utilizzate per la segnaletica stradale, tutte le altre voci sono spese, come giornali e riviste per l’Ufficio di Polizia municipale o la manutenzione dei mezzi, sono spese ordinarie non previste dall’art. art. 208 del D. Lgs. N. 285”.
Ma come l’Amministrazione ha deciso di utilizzare i fondi? Oltre alle riviste, ha pensato di impegnarle per la manutenzione ed il funzionamento degli uffici, per il materiale informatico e per il software, per il parco mezzi ed il noleggio delle attrezzature, per pagare le indennità di vigilanza, per i premi assicurativi e la manutenzione straordinaria degli automezzi.  
“Abbiamo rispetto del parere di tutti – replica il sindaco Graziano Calanna – e siamo pronti ad accogliere qualsiasi suggerimento sia rivolto al rispetto delle norme ed al bene di Bronte. Dopo essermi consultato con gli Uffici del Comune, sento di dover ribadire che  tutte le voci di spesa inserite nella delibera 13/17 siano previste e quindi rispettose del decreto 285”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto

Documenti :

Dettagli IDEE_DIVERSE_SU_COME_UTILIZZARE_PROVENTI_MULTE.pdf