AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 30/09/2016
Titolo EXPO DEL PISTACCHIO 2016: WEEKEND CLOU
Testo
BRONTE – (30 settembre 2016) – Questo è il weekend clou dell’Expo del pistacchio 2016. Già tanti visitatori hanno affollato piazza Spedalieri dove si trova il “Polo del pistacchio”, ovvero tutto quello che di buono si realizza con il verde pistacchio di Bronte, riconosciuto in tutto il mondo come il più buono. Si attende il gran pienone. Alle 10 aprono gli stand e non mancheranno musica e momenti culturali. Attesissima domenica alle 17 la degustazione della torta al Pistacchio in piazza Castiglione.
Questo sarà l’Expo ricordato soprattutto per aver dato spazio all’arte. Chi arriva all’ingresso dell’Expo, all’inizio di viale Catania, potrà seguire un percorso che vede in piazza Rosario l’ingresso a “Pistart” a cura degli artisti brontesi, ma avra anche la possibilità di assaggiare prodotti tipici e recarsi in piazza Cappuccini dove si trova una speciale area Gourmet a cura della Pro Loco e dell’Alberghiero di Maniace.
A metà strada tante foto delle pasticcerie di tutto il mondo che hanno come prodotto principale il pistacchio di Bronte.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 30/09/2016
Titolo BILANCIO DI PREVISIONE 2016: ARRIVA IL COMMISSARIO
Testo
BRONTE – (30 settembre 2016) – Al lungo elenco di Comuni siciliani cui l’Assessorato alle Autonomie locali della Regione ha inviato un Commissario per approvare il bilancio di previsione 2016, si aggiunge pure Bronte.
Si è insediato, infatti, il dott. Giuseppe Petralia che avrà il compito di verificare se sono stati redatti gli schemi di bilancio, chiedere alla Giunta di approvare il documento contabile, ottenere il parere dei revisori dei conti e far si che il Consiglio comunale deliberi.
In verità a Bronte i documenti sono quasi pronti, con il sindaco Graziano Calanna che aspetta di sapere se la Regione restituirà al Comune di 900 mila euro dei fondi per i precari, sottratti da una norma regionale che per salvare i Comuni in dissesto toglie fondi ai Comuni che percepiscono le royalties metanifere. Taglio che rischia di mettere a repentaglio gli stipendi dei 75 precari del Comune.
“Ho già detto – afferma il sindaco Graziano Calanna - direttamente al presidente Crocetta che questa norma era sbagliata. La Regione ci toglie il fondo per i precari compromettendo l’equilibrio del nostro bilancio. E’ assurdo: paradossalmente se avessimo dichiarato il dissesto la Regione ci avrebbe aiutato.
E’ in gioco il futuro di 75 lavoratori cui la cattiva politica del passato ha relegato ad una vita da precari, con ogni anno la paura di perdere il posto di lavoro. La Regione invece di mandarmi un Commissario avrebbe fatto meglio ha trovare soluzioni valide per correggere gli errori del passato. Questi 75 lavoratori al Comune sono utili: un sindaco deve mettere i lavoratori in condizione di lavorare meglio e bene, non di licenziarli”.
Per questo il Graziano Calanna ha già inviato diverse lettere alla Regione, chiedendo la restituzione dei fondi. Un iter burocratico che viaggia parallelamente al commino del Commissario e tutti sperano che si concluda prima.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/09/2016
Titolo L’EXPO DEL PISTACCHIO RIACCENDE I MOTORI
Testo
BRONTE – (29 settembre 2016) – L’Expo del pistacchio 2016 riaccende i motori.
 Domani il frizzante gioire di migliaia di scolari e studenti, provenienti dall’intera provincia di Catania ed anche di altre province della Sicilia, affolleranno gli stand per la manifestazione “La scuola scende in piazza”.
I bambini, accompagnati dalle insegnanti, gireranno per gli stand ed assaggeranno il pistacchio offerto dall’Amminsitrazioen comunale. Alle 11 riceveranno il saluto ed il simbolico abbraccio da parte del sindaco, Graziano Calanna.
Riparte alla grande, insomma, il secondo ed ultimo week end dell’Expo del pistacchio. Grandi spettacoli tuttii giorni ma è grande attesa per la grande torta al pistacchio che sarà distribuita domenica alle 17 in piazza Castiglione.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/09/2016
Titolo IL CONSIGLIERE MESSINA: “VERIFICHIAMO IL CRONO PROGRAMMA DEI LAVORI DELLE 12 AULE DELLA SCUOLA MEDIA”
Testo
BRONTE – (29 settembre 2016) – “Completiamo presto i lavori di adeguamento sismico delle 12 aule della Scuola media “Castiglione – Cimbali”.
E’ in sintesi la richiesta del consigliere comunale, Gaetano Messina, presidente della Commissione consiliare Urbanistica e Lavori pubblici: “Chiedo – afferma – che vengano eseguiti i necessari controlli tecnico-amministrativi atti a verificare il rispetto del crono programma dei lavori, al fine di rassicurare da una parte genitori e operatori della scuola circa il rientro nelle aule da parte degli alunni in breve tempo, dall’altra per consentire all’Istituto scolastico di avviare progetti Pon – Fers atti a cablare anche questa parte dell’edificio scolastico. Progetti la cui realizzazione é condizionata all’ultimazione dei lavori”.
“Da contratto – spiega l’ing. Salvatore Caudullo capo dell’Ufficio tecnico del Comune – i lavori dovrebbero essere completati nell’aprile del 2017, con la ditta che al momento procede spedita. Infatti sono già stati completati il 70% dei lavori che rispetto al crono programma sono in anticipo. Si sappia però che stiamo affrontando 2 criticità. La Regione siciliana, infatti, non ha ancora trasferito le somme promesse, con l’impresa fino ad oggi ha anticipato tutte le somme e, essendosi dimesso il collaudatore, stiamo esperendo le procedure per la nuova nomina.
Ritengo comunque che i tempi previsti dal contratto saranno ampiamente rispettati, anzi, - conclude - se la Regione verserà in dovuto e non si verificano altri intoppi, i lavori potrebbero essere consegnati anche entro la fine dell’anno”.
     
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 29/09/2016
Titolo UN FIAT DOBLO’ GRATUITO PER IL COMUNE
Testo
BRONTE – (29 settembre 2016) – Un Fiat Doblò tutto nuovo e completamente gratuito per il Comune di Bronte, grazie alla generosità degli imprenditori locali che hanno accettatori sponsorizzare l’iniziativa.
E’ stato consegnato ieri pomeriggio al sindaco di Bronte, Graziano Calanna, alla presenza delle Forze dell’Ordine e numerose autorità.
Si tratta di un veicolo predisposto per il trasporto delle persone con disagio e munito di sollevatore per disabili, opportunamente modificato dalla Ditta Gammeri di Bronte che il Comune utilizzerà in comodato d’usa gratuito, grazie al progetto “Noi con voi”, ideato dalla “Global Mobility System”.
E sono stati tanti gli imprenditori brontesi che hanno aderito all’iniziativa, seguita nei dettagli dal vice sindaco Vittorio Triscari: “Mi ha emozionato - ha affermato – l’entusiasmo e la generosità degli imprenditori e commercianti di Bronte che appena proposto il progetto non si sono tirati indietro, pur di dare alla Città questo nuovo veicolo, nonostante questo sia, anche per loro, un momento di grande difficoltà”.
 Ed a tagliare il simbolico nastro inaugurale è stato il sindaco, Graziano Calanna, alla presenza di Mario Paitoni e Giuseppe Lazzaro della Global Mobility System e di alcuni diversamente abili.
“La generosità dei brontesi non ha limiti. – ha affermato – Da sindaco ne ho avuto prova più volte. Ma in questo caso il loro contributo merita un plauso perché permetterà al Comune di offrire alle persone con disagio un servizio migliore”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 27/09/2016
Titolo FIAT DOBLO’ AL COMUNE
Testo
BRONTE – (27 settembre 2016) – Domani alle ore 17, nel Comune di Bronte, si svolgerà la cerimonia di consegna del Fiat Doblo concesso in comodato d’uso graduito al Comune da una ditta privata. Il veicolo sarà utilizzato per effettuare servizi ai cittadini ed in particolare ai diversamente abili. Alla cerimonia sarà presente il sindaco, Graziano Calanna, ed il vice sindaco Vittorio Triscari.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 20/09/2016
Titolo PRESENTATO L’EXPO DEL PISTACCHIO 2016
Testo
BRONTE – (20 SETTEMBRE 2016) – Nell’incantevole scenario offerto dal Castello Nelson, il sindaco Graziano Calanna, ha presentato alla stampa il palinsesto dell’Expo del pistacchio 2016.
Presenti anche il presidente del Consilgio comunale, Nino Galati, la Giunta municipale, diversi consiglieri comunali e tanti ospiti. 
“L’impostazione e la filosofia che tanto successo hanno riscosso l’anno scorso sono state mantenute. – ha affermato il sindaco – In più abbiamo arricchito il corso Umberto ed il centro storico che darà spazio a numerosi artisti brontesi.
Tra le novità una vetrina internazionale. Aziende inglesi, spagnole, finlandesi ed anche statunitensi insieme parteciperanno all’Expo esponendo le foto delle loro pasticcerie”.
Taglio del nastro venerdì 23 alle ore 18 all’ingresso di viale Catania. Da quel momento e per 2 fine settimana il Re pistacchio sarà protagonista.
Imponente l’organizzazione dell’accoglienza. I visitatori potranno lasciare l’auto nel posteggio della zona artigianale e raggiungere comodamente gli stand dell’Expo con i bus navetta della Ferrovia Circumetnea.
Il programma premia l’arte e le iniziative giovanili. Diversi i convegni ma, come ha aggiunto il sindaco Graziano Calanna in occasione della conferenza stampa, potrà subire cambiamenti.
 “Stiamo – ha aggiunto il primo cittadino – preparando un grande convegno sul turismo”.
E Bronte è pronta a trasformarsi nella più grande vetrina al verde pistacchio di Bronte, mettendo a disposizione il proprio territorio ed i tanti beni monumentali e culturali che vanta.
 
BRONTE COSA SI PUO’ VEDERE – COME ARRIVARCI
Per il turista in visita in Sicilia recarsi a Bronte, vuol dire tuffarsi fra i Parchi dell’Etna e dei Nebrodi ricchi di flora e di fauna, incontrare una cucina particolare, scoprire tradizioni che caratterizzano la storia di un popolo che affonda le sue radici nel passato.
Situato sul versante nord-ovest dell’Etna a 54 chilometri da Catania, Bronte, denominata Città del Pistacchio, è raggiungibile da Catania attraverso le Strade statali che costeggiano il versante occidentale dell’Etna, mentre dalla costa ionica attraverso la Ss 120 fino a Randazzo, per poi imboccare la Ss 284. Ma è possibile arrivare a Bronte anche con la Ferrovia Circumetnea, che con il suo antico sbuffare da Catania ci porta fino al centro.
E raggiunta anche da una significativa rete di pullman che giornalmente la collegano con Catania.
E difficile visitare tutti i tesori di Bronte in un solo giorno. Per questo la cittadina offre una variegata ospitalità con diversi alberghi, Bed and breakfast e ristoranti.
 
BRONTE E LA SUA STORIA
La mitologia vuole che il nome Bronte derivi dalla mitologia con il Ciclope Bronte, ed è così. La storia, invece, racconta come gli abitanti di questa cittadina per anni abbiano vissuto all'ombra di una fraudolenta usurpazione del loro territorio, trasferito nel 1494, con bolla pontificia, a favore dell'Ospedale Maggior di Palermo e nel 1799, con spregiudicata donazione borbonica, a favore di Nelson.
In questo perenne stato di vassallaggio e di grave crisi, era cresciuto un desiderio di rivincita che sfociò nei moti rivoluzionari del 1820 e del 1848, raggiungendo il culmine con la rivolta del 1860 "i fatti di Bronte", soffocati da Nino Bixio con la fucilazione in piazza San Vito di 5 cinque presunti rivoltosi.
 
L’ETNA
Bronte è la più bella porta del versante nord ovest dell’Etna, grazie  all'affascinante strada in basolato lavico  che, inerpicandosi sul Vulcano, permette al turista di ammirare il meraviglioso paesaggio di lave cordate della colata del 1651, raggiungere la Grotta della neve e la Casermetta di Piano dei Grilli a quota 1200 metri, punto base per l’escursionismo del Parco dell’Etna e punto di partenza per le escursioni più suggestive.
 
I NEBRODI
Meno irto rispetto all’Etna il territorio dei Nebrodi è una meravigliosa riserva naturale ed ambientale. Un polmone verde ricco di sorgenti, flora e fauna. Qui le faggete e le sugherete, infatti, la fanno da padrone, adombrando veri e propri angoli di macchia mediterranea.
Una passeggiata fra i sentieri permetterà agli escursionisti di immergersi nella natura scorgendo alcuni animali come l'aquila reale e ristorandosi nei caratteristici rifugi.
 
IL COLLEGIO CAPIZZI
Fra i monumenti e le istituzioni intrise di storia a Bronte spicca certamente il Real Collegio Capizzi che domina il principale Corso Umberto.
La sua edificazione è il frutto della perseveranza del venerabile Ignazio Capizzi. Centro di cultura fu frequentato da personaggi illustri, tra cui Luigi Capuana.  La sua storia ci racconta che fù “Reale istituto borbonico”, ed oggi ospita una ricchissima biblioteca Borbonica con volumi antichi ed atlanti preziosi, l'auditorium dedicato a padre Calanna, la restaurata Cappella dell’Immacolata e la Pinacoteca dal maestro Nunzio Sciavarrello.
 
LA PINACOTECA
Bronte può essere considerata una piccola capitale delle arti figurative. All'interno del Real Collegio Capizzi si può visitare una delle più belle pinacoteche della Sicilia.
Custodisce, infatti, la collezione del rimpianto maestro Nunzio Sciavarrello, illustre artista brontese.
Il corposo nucleo di opere esposte, ci permette di effettuare un significativo exursus artistico dei maestri del 900 ed in particolare ci regala una preziosa testimonianza del panorama siciliano e nazionale fra secondo e nono decennio del '900.
Una galleria di valore apprezzata anche da Vittorio Sgarbi.
 
IL CASTELLO NELSON
Il turista che si reca al Castello Nelson non rimarrà deluso. Potrà passeggiare negli stessi viali attraversati dai nobili discendenti dell’ammiraglio inglese Horatio Nelson, godere della visione dell’imponente fabbricato che nasconde le camere private che ci raccontano la lussureggiante vita del tempo e ci mostrano i tanti cimeli preziosi.
I corridoi, infatti, sono impreziositi da quadri, lettere autografe dei reali d’Inghilterra, ordini militari, piani di battaglia e medaglie.
Ma fra tante meraviglie il turista rimarrà affascinato dal “mite” giardino, dalla chiesa di Santa Maria con il suo portale e dal museo della pietra lavica.
 
PISTACCHIO
Il pistacchio caratterizza Bronte e l’ha resa famosa in tutto il mondo. Introdotto dai saraceni intorno gli anni 1000, ha occupato qualcosa come 4000 ettari di territorio per una produzione biennale che si aggira intorno alle 32 tonnellate. Circa l’1% della produzione mondiale, ma con il vantaggio di essere coltivato sull’Etna dove  sole e linfa vitale gli regalano un gusto unico, dall’elevato valore nutrizionale e dal riconoscibilissimo colore verde.
Ciò ha permesso ai pasticceri ed ai cuochi brontesi di dare prova di grande abilità, ed oggi il pistacchio di Bronte si vende anche a New York.
Famosi la filletta, il gelato, i cannoli e la torta al pistacchio
 
LA FRUTTA FRESCA
L’ agricoltura a Bronte non è solo pistacchio. Nella valle dell'Alto Simeto oltre 1000 ettari di terreno è dedito alla coltivazione di pere e pesche.
Fra le pere, la varietà più coltivata è la Coscia, ma sono presenti anche altre varietà. Famose anche le pesche a pasta gialla e sopratutto la pesca Tabacchiera dell'Etna, riconoscibile perché di forma schiacciata con la buccia rosso vivo e la polpa bianca.
Anche in questo caso il terreno dell’Etna conferisce al frutto un odore intenso ed un sapore dolce delicato ed unico.
 
LE CHIESE
Tantissime e molto antiche sono le chiese di Bronte che ci tramandano cultura e tradizione.  
Vale la pena visitarle per non perdersi il monumento dove giacciono le spoglie del venerabile Ignazio Capizzi che si trovano nella Chiesa del Sacro Cuore, l’imponenza della chiesa Madre e del Santuario dell’Annunziata, patrona di Bronte, e la storia della restaurata chiesa di San Giovanni, importante per il Crocifisso sotto il quale i brontesi di un tempo erano soliti stringere patti, e la bellissima la cappella dedicata a Santa Rosalia.
 
LA GASTRONOMIA
Non è possibile venire a Bronte senza gustare gli ottimi piatti della sua cucina, tramandata dalla tradizione contadina e quindi ricca di bontà e genuinità.
Chi non ha sentito parlare delle pennette al pistacchio o dei maccheroni conditi con il sugo di coniglio, la così detta pasta «’ncasciata», ovvero maccheroni conditi con i finocchietti selvatici. In qualsiasi ristorante si cucina al meglio il capretto, il coniglio, la salsiccia condita con il finocchietto selvatico ed anche col pistacchio. Chi viene a Bronte e vuole fare uno spuntino velocemente troverà facilmente le buonissime arancine al pistacchio che ovviamente si possono trovare solo nella terra dell’ «Oro verde dop».
 
I PRODOTTI TIPICI
Bronte ed il suo territorio sono uno scrigno di gusti e sapori unici al mondo. Vale la pena venire qui per fare  una scorta settimanale di prodotti tipici,  all’insegna del gusto, della bontà e della genuinità.  Ci sono carni tenerissime, grazie a bovini, suini ed agnelli allevati nei campi dei Nebrodi. Ci sono formaggi, provole e ricotte che vengono arricchiti con una buona dose di pistacchio.
Il pecorino pepato poi è particolare come il pane casarecchio che qui si inforna ancora rigorosamente nel forno a legna.
                  
 L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 14/09/2016
Titolo 18 MILIONI DI FINANZIAMENTI PER BRONTE
Testo
BRONTE – (14 SETTEMBRE 2016) – Il “Patto per la Sicilia” premia le ambizioni di crescita e sviluppo di Bronte e concede alla Città del Pistacchio qualcosa come 18 milioni e 820 mila euro divisi in quattro opere pubbliche.
La più importante è certamente la realizzazione della bretella stradale che, con una spesa di 13.400.000 euro, collegherà la Ss 284 nella periferia sud del territorio di Bronte con la zona artigianale.
Ma non passano certamente inosservati i 3.120.000 euro per la ristrutturazione della strada di bonifica Stuara - Santa Venera,  il milione  mezzo di euro per la riqualificazione del polo sportivo di via Dalmazia ed infine la già da un bel po annunciata ristrutturazione della Chiesa del Rosario per 800.000 euro.
“Finanziamenti consistenti per opere pubbliche importanti. – ci spiega il sindaco Graziano Calanna – La comunità ha bisogno di questi lavori. Non per niente per mesi, con tutti i mezzi possibili, mi sono sforzato di far capire a Palermo quanto utili fossero i lavori e le infrastrutture da finanziare.
Per la bretella di collegamento, che, di fatto, è la nuova tangenziale di Bronte, ricordo che è un’opera pensata dalla precedente Amministrazione. Quando io mi sono insediato era “definanziata”, ma questa strada era troppo importante per Bronte e per l’intero territorio, ci libererà dal traffico e dallo smog dei tir che intendono solo attraversare la nostra città.    
Alla fine posso dire siamo stati premiati.  Adesso il lavoro continua, bisognerà vigilare affinché tutto proceda nei modi e nei tempi giusti.
Da sindaco – conclude – sono contento perché questi finanziamenti, oltre a garantire lavoro e sviluppo, permetteranno alla mia Bronte di qualificarsi sotto il profilo infrastrutturale e culturale”.
Ma vediamo nel dettaglio le opere da realizzare. Il progetto della “bretella” prevede la realizzazione di 3 chilometri di strada larga 9 metri e mezzo con un sottopassaggio nell’intersezione con la ferrovia Circumetnea. La ristrutturazione della strada di bonifica Stuara – Santa prevede la riduzione delle frane e la messa in sicurezza del tracciato. La riqualificazione del Polo sportivo punta ad arricchirlo di servizi, affinché diventi attrazione per gare di livello almeno regionale, ed infine con 800 mila euro si riporterà la chiesa del Rosario sicura dal punto di vista statico.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 08/09/2016
Titolo EXPO DEL PISTACCHIO 2016
Testo
BRONTE – (8 SETTEMBRE 2016) – Ecco le date del tradizionale appuntamento con l’Expo del pistacchio di Bronte. Per 2 week end, dal 23 al 25 settembre e dal 30 settembre al 2 ottobre, il centro di Bronte si trasformerà nella vetrina privilegiata dell’originale Pistacchio verde.
In questo momento l’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Graziano Calanna, è al lavoro per definire programma ed organizzazione.
E se ancora il calendario delle manifestazioni a corollario dell’evento è in fase di realizzazione, di certo l’esposizione del verde pistacchio di Bronte sarà all’insegna della sicurezza dei visitatori e della salubrità dei cibi venduti o somministrati.
Questo l’esito del vertice convocato dal sindaco Graziano Calanna con le Forze dell’Ordine e gli ispettori dell’Asp.
“L’Expo del pistacchio – ci dice il sindaco – promuove l’eccellenza di uno dei principali prodotti agricoli del paniere dell’Etna. Il pistacchio di Bronte, che ha ottenuto il marchio dop, infatti, è da tutti riconosciuto come il più buono al mondo. La vetrina di casa che lo espone di conseguenza deve garantire prodotti di assoluta eccellenza”.
Per questo motivo ispettori dell’Asp e Forze dell’Ordine durante la festa effettueranno continui controlli in sinergia a garanzia del rispetto delle norme sanitarie, impedendo frodi a danno dei consumatori e richiedendo la documentazione sulla tracciabilità dei cibi venduti o somministrati anche nell’area food, dove chi venderà panini dovrà dimostrare la provenienza delle carni e dei prodotti utilizzati nel rispetto delle norme sulla tracciabilità dei prodotti.
“Visto il successo ottenuto – spiega Calanna – anche quest’anno l’area “food” sarà posta nel parco urbano dietro le scuole medie. Ringrazio l’Asp e le Forze dell’Ordine per aver partecipato al vertice. La loro presenza durante l’Expo è la migliore garanzia per i turisti che ci verranno a trovare”.
Infatti le Forze dell’Ordine saranno anche impegnate a garantire sicurezza e viabilità affinché, affinché tutto vada per il meglio.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 08/09/2016
Titolo RUBATA LA FIAT PANDA DEL COMUNE IN DOTAZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE
Testo
BRONTE – (8 SETTEMBRE 2016) – Furto ai danni del Comune di Bronte. Qualcuno ha rubato la Fiat Panda 4X4, acquistata nel 2002 ed in dotazione all’Ufficio di Protezione civile, approfittando del fatto che gli impiegati erano impegnati al lavoro.
Tutto è accaduto quando i tecnici dell’Ufficio di Protezione civile del Comune hanno effettuato un sopralluogo per verificare le condizioni strutturali e di sicurezza di una vecchia abitazione del centro storico. Lasciata l’auto in sosta nella via Santi, insieme ad uno dei proprietari dell’immobile, i tecnici si sono recati sul posto verificando che, effettivamente, viste le condizioni dell’antico edificio era necessario segnalare il rischio di possibili crolli.
Così i tecnici sono ritornati per prelevare dal baule dell’auto della fettuccia bicolore utile a transennare la strada. Fin qui tutto bene, l’auto era ancora al suo posto ed i tecnici hanno potuto completare il loro lavoro. Ritornando in via Santi però della Fiat Panda nessuna traccia. Qualcuno che aveva calcolato i tempi dell’intervento dei tecnici e capito di poter rubare il veicolo. Inutili le iniziali ricerche degli impiegati del Comune, della Fiat Panda nessuna traccia.
A questo punto altro non è rimasto da fare che avvertire il sindaco, Graziano Calanna, la Polizia municipale ed i carabinieri.
Una pattuglia dei Vigili urbani, insieme allo stesso personale dell’Ufficio di Protezione civile si è subito messo alla ricerca del veicolo. Del resto non era semplice fuggire con un’auto che monta dei lampeggianti e che porta la scritta Protezione civile. Invece niente, nessuna traccia, la Fiat Panda è stata come inghiottita all’interno delle stradine del centro storico di Bronte.     
“Un gesto gravissimo e riprovevole ai danni della comunità. – afferma il sindaco Graziano Calanna – Quanto accaduto è inammissibile. Quell’auto è stata al servizio dei cittadini, è stata utile per effettuare interventi di Protezione civile ed è certamente stata di aiuto alla collettività in momenti difficili. Eppure chi l’ha portata via non ha avuto alcuna remora”.
Ovviamente il Comune ha sporto denuncia ai carabinieri che stanno indagando. L’auto non era assicurata contro il furto.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/09/2016
Titolo DOCENTI “ERASMUS” RICEVUTI IN COMUNE
Testo
BRONTE – (7 SETTEMBRE 2016) – Docenti provenienti dalla Spagna, dalla Turchia, dalla Polonia e della Finlandia sono stati ufficialmente ricevuti ieri dal sindaco di Bronte, Graziano Calanna, nella sala consiliare del Comune. Accompagnati dalla dirigente scolastico dell’istituto Ignazio Capizzi, Grazia Emanuele, i docenti, facendo parte del progetto Erasmus, sono giunti a Bronte per effettuare uno degli “incontri transazionali” utili per valutare e migliorare le attività del progetto.
“Ringrazio tutti voi per essere qui. – ha affermato il sindaco – Far parte del progetto dimostra l’ottimo livello degli istituti scolastici brontesi. Tutti apprezziamo Erasmus che permette agli studenti di conoscere gli usi, i costumi e le lingue dei coetanei studenti di un altro Paese. E così – ha concluso - che si diventa cittadini europei”.                 

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 03/09/2016
Titolo VERIFICHIAMO LA SITUAZIONE ECONOMICA DEL COMUNE
Testo
BRONTE – (3 SETTEMBRE 2016) – “Verifichiamo la situazione economica del Comune in vista del bilancio di previsione 2016”.
Lo chiedono i consiglieri comunali di Bronte, Antonio Leanza, Vincenza Meli, Gaetano Messina, Ernesto Di Francesco e Salvatore Calamucci che hanno presentato al presidente dell’Assemblea consiliare, Nino Galati, una richiesta di convocazione di Consiglio comunale urgente e straordinario.
“Visto che il termine per l’approvazione del bilancio previsionale 2016 è scaduto e che la Giunta non lo ha ancora approvato. Visto che è necessario approvarlo per interrompere l’esercizio provvisorio e riconoscere debiti fuori bilancio per non esporre il Comune al rischio di azioni da parte dei creditori, chiediamo la convocazione del Consiglio comunale per effettuare una verifica della situazione economico finanziaria dell’Ente in vista del della discussione dell’approvazione del bilancio previsionale 2016”.
“I consiglieri comunali – spiega il presidente Nino Galati - sanno bene che la Giunta fino ad oggi non ha approvato il bilancio a causa dei pesanti tagli ai trasferimenti da parte dello Stato e della Regione.
La recente decurtazione di oltre 800 mila euro del fondo per i precari ne è il simbolo. Purtuttavia la Presidenza del Consiglio comunale è in stretto contatto con gli uffici, con il Sindaco e la Giunta municipale, affinché, al più presto il bilancio di previsione sia dibattuto in aula”.
                   
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto